E45 interrotta per rischio crollo, Anas: "Cantieri avviati, ecco gli itinerari alternativi"

Dalle 14:00 di mercoledì 16 gennaio 2019 è stata chiusa la strada statale 3bis "Tiberina" in entrambe le direzioni tra Canili e Valsavignone, in corrispondenza del confine tra le province di Arezzo e Forlì Cesena. Il 4 febbraio sono partiti i lavori per la riapertura

Sono partiti i lavori per la riapertura parziale della E45 all'altezza viadotto Puleto tra Valsavignone tra Pieve Santo Stefano, chiuso dallo scorso 16 gennaio dopo il sequestro preventivo disposto dal gup del Tribunale di Arezzo a causa delle cattive condizioni di un pilone.

E45 riaperta 28 giorni dopo

Aggiornamento 13 febbraio >> Dalle 16 via libera al traffico leggero: tolti i sigilli al viadotto Puleto per auto e furgoni fino a 3,5 tonnellate.

La Procura di Arezzo aveva notificato ad Anas il parere positivo alla riapertura parziale del tratto della E45. Così oggi Anas ha avviato i lavori già appaltati per la manutenzione dell'opera. Parallelamente è scattata la sistemazione dei sensori finalizzati a sondare il traffico (per chiuderlo in caso di pesanti criticità della struttura), delle due corsie centrali che saranno quelle di transito e della segnaletica che indicherà il limite massimo di velocità a 50 oltre alle limitazioni di peso per veicoli fino a 3,5 tonnellate su una sola corsia per ogni senso di marcia.

Se i lavori procederanno senza intoppi dovuti al maltempo o ad altri fattori, la riapertura potrebbe avvenire entro l'inizio della prossima settimana.

E45 chiusa, il sequestro del viadotto "Puleto"

Dalle verifiche era emerso il pericolo di collasso della struttura che presenta alcuni ammaloramenti. Grandi i disagi che derivano dalla chiusura di una via di comunicazione di primaria importanza per il traffico del Centro Italia. Scarsa la viabilità locale nel tratto di valico interdetto e Anas consiglia per le lunghe percorrenze di scegliere le autostrade A1 e A14.

Per i veicoli in transito sulla E45 l’ultima uscita utile per chi viaggia in direzione sud è allo svincolo di Verghereto (km 168) mentre per chi viaggia in direzione nord è allo svincolo di Valsavignone (km 158). 

E45 chiusa tra Canili e Valsavignone

Dalle 14:00 di mercoledì 16 gennaio 2019 è stata chiusa la strada statale 3bis "Tiberina" in entrambe le direzioni tra Canili e Valsavignone, in corrispondenza del confine tra le province di Arezzo e Forlì Cesena. 

E45 chiusa: gli itinerari alternativi Nord-Sud

Chi proviene da Nord lungo la E45 deve portarsi sulla autostrada A14 in direzione di Ancona o in direzione di Bologna per raggiungere l’Umbria, il Lazio e l’Abruzzo.

Per rientrare sull’itinerario della E45 dal lato adriatico, si possono utilizzare le uscite della A14 di Fano o di Ancona, andando poi in direzione Perugia; dall’uscita della A14 di Civitanova Marche andando verso Perugia o verso Terni.

Per rientrare sull’itinerario della E45  dal lato tirrenico, si possono utilizzare lo svincolo dell’A1 di Arezzo verso Sansepolcro, oppure lo svincolo di Valdichiana dell’A1 per percorrere il Raccordo Autostradale Perugia-Bettolle, verso Perugia.

E45 chiusa: gli itinerari alternativi Sud-Nord

Sconsigliato usare la E45 per chi proviene da Sud. Anas consiglia di proseguire sulla A1 in direzione di Firenze-Bologna, senza uscire allo svincolo di Orte.

Per chi proviene da Sud e si trova già in Umbria può percorrere la E45 fino all'uscita di Sansepolcro sud e proseguire poi fino al casello A1 ad Arezzo oppure fino all'uscita "Perugia - Bettolle" e poi in direzione del casello A1 a Valdichiana.

Ulteriori itinerari alternativi sono previsti per i soli mezzi leggeri, in quanto prevedono percorsi su strade provinciali e tornanti. 

e45 chiusa-2

"Il ferro è finito", l'inquietante testimonianza sulla E45

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E45, le indagini partite dopo una video-denuncia

Le indagini sulla E45 erano partite lo scorso novembre in seguito alla pubblicazione di un video - poi divenuto virale - girato da un poliziotto in pensione che si trovava nei boschi circostanti in cerca di tartufi. Nelle immagini si vedeva come il ferro si fosse corroso, ma non si poteva capire l'effettiva situazione all'interno dei piloni.

La procura di Arezzo ha acquisito le immagini del video e ha disposto una perizia sul viadotto svolta dai tecnici Fabio Canè e Antonio Turco. I risultati hanno mostrato come ci fosse un "concreto pericolo di crollo" della struttura.

E45, Anas rassicura: "Situazione monitorata"

Anas (Gruppo Fs Italiane) precisa che tale opera era sotto monitoraggio da tempo senza che siano state ravvisate criticità di natura strutturale e si augura che la Procura di Arezzo valuti una possibile riapertura dell’opera, eventualmente con limitazioni al traffico.

Il viadotto sotto inchiesta è un ponte a cinque campate per circa 200 metri totali e, come rilevato già da tempo da Anas presenta alcuni ammaloramenti nel sistema di appoggio, nei giunti e nei cordoli laterali e un degrado superficiale sulle pile e le spalle, con scopertura in alcune zone dei copriferri e l’ossidazione dei ferri di armatura, che tuttavia non pregiudicano la transitabilità del viadotto.

Allo scopo di  ripristinare gli elementi strutturali ammalorati, Anas nei mesi scorsi ha progettato e appaltato un intervento di manutenzione straordinaria per l’adeguamento sismico e strutturale del viadotto del valore complessivo di circa 2,5 milioni di euro, nell’ambito del piano di riqualificazione della E45 attualmente in corso di realizzazione.

E45, Anas: "Lavori per 2,5 milioni di euro"

L’intervento di manutenzione del viadotto Puleto riguarda, in particolare, il risanamento del calcestruzzo, il miglioramento sismico dell’opera, il rifacimento dei giunti, il rifacimento dei cordoli e l’ammodernamento delle barriere laterali di sicurezza.

I lavori sono stati consegnati a dicembre e le attività di cantierizzazione per l’avvio dei lavori sono già in corso. Nella prima fase gli interventi riguardano il risanamento superficiale del calcestruzzo nella parte bassa dell’opera, al fine di non causare eccessive interferenze al traffico sulla E45 durante il periodo invernale. Dopo l’inverno è previsto l’avvio e il completamento delle altre lavorazioni.

L’intervento sul viadotto Puleto rientra nel piano di riqualificazione dell’itinerario E45-E55 Orte-Mestre, avviato da Anas negli ultimi tre anni per un investimento complessivo di 1,6 miliardi di euro. Si tratta del più importante investimento mai destinato a questa infrastruttura. Nel solo tratto toscano in provincia di Arezzo sono in corso o in fase di avvio lavori per un valore complessivo di oltre 50 milioni di euro che si aggiungono a quelli eseguiti negli ultimi anni su 11 viadotti per complessivi 5 km circa, che hanno quasi sempre riguardato anche l’ammodernamento delle barriere laterali di sicurezza, mentre lungo l’intero tratto toscano sono stati adeguati circa 18 km di barriera spartitraffico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buoni fruttiferi postali, il "brutto pasticcio" sui rimborsi

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 20 febbraio 2020

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 18 febbraio 2020

  • C'è posta per te, Maria De Filippi perde la pazienza: "Non ce la posso fa"

  • Heather Parisi: "La mia vita in Cina nell'inferno del Coronavirus. Qui si lavora da casa, i prodotti sono razionati"

Torna su
Today è in caricamento