"Elisa, stella troppo bella per volare in cielo in questo modo ingiusto"

Lo sfogo di Arianna Belforti, una delle più care amiche della 28enne scomparsa: "Da oggi in poi nulla per nessuno di noi sarà più lo stesso". L'associazione 'Non una di meno': quel che è successo ha un nome, femminicidio

Elisa Pomarelli

"Mi hai strappato via uno dei pezzi più grandi ed importanti della mia vita, da oggi in poi nulla per nessuno di noi sarà più lo stesso. Non posso pensare di non abbracciarti, di non parlarti più, di non confidarmi più con te, di non ridere più con te, per colpa di un pazzo!". Arianna Belforti, una delle più care amiche di Elisa Pomarelli, si sfoga così dopo essere stata raggiunta dalla brutta notizia della morte della giovane. Dalla speranza di ritrovarla viva, allo choc del fare i conti con uno scenario immaginato da molti, purtroppo avveratosi. 

E il suo, racconta 'IlPiacenza', è lo sfogo di tanti parenti e amici della ragazza, che se la prendono con il carnefice, Massimo Sebastiani. "Devi restare in galera a vita!! Hai tolto a me, a mio fratello e soprattutto ai familiari lei! La mia migliore amica e compagna di infanzia! Dire che ti odio è riduttivo! Dire che mi hai tolto la forza e la voglia di vivere è la realtà!! La più triste!". 

Ma Arianna, tramite i social, vuole cercare di ricordare quanto era importante l’amica Elisa, che ora non c’è più. "Sei una stella troppo bella e non dovevi lasciarci ora e volare in cielo in questo modo ingiusto macabro è troppo presto, avevo e avrò per sempre bisogno di te! Mi hanno strappato un pezzo di cuore. Ti amo di bene e questo nessuna distanza lo cambierà mai. Rimarrai la migliore amica che si possa mai desiderare di avere e di incontrare".

L'omicidio di Elisa Pomarelli ha scosso la comunità locale. Messaggi di cordoglio alla famiglia sono arrivati da migliaia di piacentini, profondamente sconvolti per quanto scoperto nelle ore di sabato 7 settembre. "Una vicenda drammatica – ha spiegato anche il sindaco e presidente della Provincia di Piacenza Patrizia Barbieri - che ha avuto purtroppo l’epilogo più tragico. Con profonda commozione esprimo anche a nome dell’Amministrazione e dell’intera comunità piacentina la massima vicinanza alla famiglia, ai parenti e agli amici della povera Elisa, in questo momento di profondo sconforto e dolore". 

"Non si può morire a 28 anni perché donne"

L’associazione 'Non una di meno', che aveva partecipato con le sue attiviste alla fiaccolata di venerdì sera a Borgotrebbia insieme alla famiglia di Elisa, ha provato a riflettere intorno a quanto successo.

"Non si può morire perché donne. Non si può morire a 28 anni. Adesso è il momento del silenzio e del rispetto. Quel che è successo pensatelo col suo nome. Femminicidio. Ripetetelo nella vostra testa milioni di volte. Ripetetelo finché non ne capite il significato profondo. La violenza è intorno a noi sempre. E ogni volta dobbiamo chiamarla col suo nome. Lo dobbiamo a chi non c'è più e a chi la subisce tutti i giorni. Lo dobbiamo alle donne di oggi e di domani. Lo dobbiamo a noi stesse". 

Massimo e l'ossessione malata per Elisa: l'ha uccisa dopo il pranzo insieme

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Reddito di cittadinanza? No, grazie. La geniale trovata di Carlo per non lavorare

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • SuperEnalotto, estratto un 5+1 da mezzo milione di euro. I numeri vincenti di Lotto e 10eLotto

  • SuperEnalotto, estratto il 6 da 66 milioni di euro. I numeri vincenti e le combinazioni di Lotto e 10eLotto

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di oggi sabato 14 settembre 2019: i numeri vincenti

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 16 al 22 settembre 2019

Torna su
Today è in caricamento