La madre di Bossetti scrive a Papa Francesco: "Preghi per me e mio figlio"

Ester Arzuffi, la madre di Massimo Giuseppe Bossetti, l'ex carpentiere di Mapello condannato all'ergastolo per lo spietato omicidio di Yara Gambirasio, ha scritto una lettera a Papa Francesco: "Credo nella completa innocenza di mio figlio"

Ester Arzuffi, la madre di Massimo Giuseppe Bossetti, l'ex carpentiere di Mapello condannato all'ergastolo per lo spietato omicidio di Yara Gambirasio, ha scritto una lettera a Papa Francesco. 

L’appello è stato postato anche sulla pagina Facebook della figlia Laura Letizia Bossetti. Arzuffi scrive a mano dalla sua casa di Terno d’Isola.

«Sua Santità - si legge nel testo del messaggio -, chi si permette di scriverVi è una madre. Una madre che da anni vive, senza nessuna tregua né requie, ore e giornate interminabili di dolore, ansia angoscia. Sono la mamma di Massimo Bossetti. Mio figlio è stato condannato all’ergastolo per l’omicidio della piccola Yara Gambirasio. Ora è in attesa del processo d’appello. Io prego e trepido per lui, ma la speranza non mi ha abbandonato. No, non mi ha abbandonato. Né mai mi abbandonerà. Io credo fermamente e continuo a credere che su questa terra esista ancora una giustizia"

"Soprattutto credo nella completa innocenza di mio figlio. Gli ho dato la vita. Insieme con mio marito l’abbiamo cresciuto con tutto il nostro amore, senza mai venire meno ai nostri doveri di genitori. Ho sempre conosciuto i pensieri, i sentimenti, l’animo di mio figlio. Per questo sono assolutamente sicura di lui. So che non nasconde segreti. Non chiedo alla Santità Vostra niente che non sia la preghiera. Mi affido alle Vostre preghiere. Nell’imminenza di questa Santa Pasqua, Festa di pace e di amore, mi affido a Voi, Santità, con tutto il mio dolore, la mia ansia, la mia speranza. Affido mio figlio, un uomo buono e generoso, perché venga restituito ai suoi affetti. Vi offro e Vi supplico di accogliere tutte le mie sofferenze perché Voi, Santità, possiate benignamente pregare per Massimo, per me, per tutti coloro che amiamo e ci amano. In fede Ester Arzuffi".

Guarda anche

Omicidio Yara, prima udienza a Bergamo per Bossetti: ho fiducia

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Sono "più tranquillo" e ho "molta fiducia nella giustizia". Sarebbero queste secondo il suo legale, Claudio Salvagni, le prime parole di Massimo Bossetti, il muratore accusato dell'omicidio di Yara Gambirasio, uscito dall'aula dopo la prima udienza in tribunale a Bergamo del processo sul delitto della tredicenne che fu trovata uccisa tre mesi dopo la sua scomparsa dalla palestra di Brembate di Sopra, il 26 febbraio del 2011

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • una svergognata recidiva

Notizie di oggi

  • Politica

    Legge elettorale, Grillo: "Sì al sistema tedesco, si voti il 10 settembre"

  • Politica

    Think tank, le 100 fondazioni che stanno cambiando la politica italiana

  • Sport

    La Roma soffre fino al 90esimo poi inizia la festa del "Totti day"

  • Sport

    Giro d'Italia, vince l'olandese Tom Dumoulin: sua la maglia rosa sul traguardo di Milano

I più letti della settimana

  • Muore durante la festa di un matrimonio: addio al cantante Mario Vitale

  • "Ho troppa voglia", pedofilo cerca di infilare le mani nelle mutande di una bimba

  • Morto il fisico Giovanni Bignami, ex presidente di Asi e Inaf

  • Yara, la perizia sulla felpa: "Forse il corpo non è rimasto tre mesi nel campo di Chignolo"

  • Il dramma di Simone Mazzola: la vertebra fratturata ha lesionato il midollo

  • Delitto di Garlasco, ricorso straordinario di Stasi in Cassazione: "Processo non equo"

Torna su
Today è in caricamento