F35, nessun taglio: "Si spenderanno 10 miliardi di euro"

La conferma arriva dai documenti del Bilancio 2016: lo si legge nei dati sul programma Joint Strike Fighter. L'investimento del governo per i caccia sarà di 10 miliardi di euro

Era un sospetto che le realtà che se ne sono occupate in questi anni avevano già. Ma adesso arriva la conferma ufficiale: compriamo tutti gli F-35 e non c'è stato alcun dimezzamento della spesa. Questo significa che verranno investiti interamente i dieci miliardi di euro. 

La conferma arriva direttamente dai dati di dettaglio sul programma Joint Strike Fighter, contenuti nel testo della legge di Bilancio: nessun dimezzamento della spesa, come era stato chiesto attraverso le mozioni parlamentari, nessun taglio ai costi della difesa, nonostante Renzi, prima che diventasse premier, aveva più volte speso parole a favore della riduzione dei fondi destinati all'acquisto dei caccia.

DA SAVIANO A SERVILLO: L'APPELLO A RENZI

La riduzione della spesa era stata chiesta più volte dalle realtà del terzo settore che si occupano di disarmo: questa richiesta si era poi concretizzata in una mozione parlamentare presentata a settembre 2014 nell'ambito dell'acceso dibattito alla Camera dei deputati su questo tema: "Da allora sia i parlamentari che le organizzazioni della società civile avevano cercato di capire se a tale richiesta di indirizzo avessero fatto seguito dei fatti concreti, ma con scarso successo. In diverse occasioni infatti, sia in relazione ad interrogazioni parlamentari sia su sollecitazione delle Campagne per il disarmo, il Governo aveva fornito risposte evasive e poco chiare" spiega sulle pagine di Altreconomia Francesco Vignarca, della rete Disarmo

VIDEO - ECCO COME SPARA UN F35

Alla fine è arrivata la conferma: "Il numero che si trova non è cambiato per nulla da quelli degli anni precedenti: oltre 10 miliardi di euro, come se non fosse nemmeno esistita la mozione parlamentare. Nessuna postilla, nessun avviso di possibile modifica di tale capitolo finanziario... la data conclusiva è sempre quella del 2027 e del tutto probabilmente con gli stessi soldi a disposizione. Tutto quindi indica, a meno di improvvisi “colpi di scena” o di modifica delle decisioni prese che però la Difesa non vuole rendere esplicita mostrando la documentazione contrattuale, che il programma di acquisto dei caccia F-35 stia continuando intoccato per la sua strada" continua Vignarca. 

VIDEO - ECCO COSA SI POTREBBE COMPRARE CON I SOLDI DI UN F35

E c'è già chi chiede le dimissioni di Roberta Pinotti, ministro della Difesa: "Le dimissioni le abbiamo chieste, purtroppo però non possiamo formalizzarle perché per formalizzare la richiesta di dimissioni di un membro del governo servono il 10% dei deputati, quindi 100, noi siamo appena 25… Avevamo proposto ai 5 stelle ai tempi della vicenda Castiglione, ma a quei tempi scelsero di firmare l’altra. Il fatto è che purtroppo non basta che il ministro non sappia svolgere correttamente il suo compito per farla decadere. Deve succedere una cosa anche mediaticamente grave da motivarle" spiega l'onorevole Giulio Mancon sulle pagine online della rivista Left.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Loredana Bertè: "Abbiamo nascosto in soffitta Mimì per un anno"

  • Estrazioni Lotto oggi e SuperEnalotto: i numeri di sabato 7 dicembre 2019

  • Michelle Hunziker 'presenta' le figlie Celeste e Sole: tali e quali a mamma e papà (FOTO)

  • Prende il reddito di cittadinanza ma ha un bar: la sanzione è da capogiro

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 5 dicembre 2019

  • Reddito di cittadinanza a tutta la famiglia col trucco dell'indirizzo: li hanno scoperti

Torna su
Today è in caricamento