"Ecco chi ha ucciso Stefano Cucchi": foto sul web, esplode la polemica

Ilaria, la sorella di Stefano Cucchi, il ragazzo morto nel 2009 ad una settimana dal suo arresto, ha deciso di pubblicare su Facebook la foto di uno dei carabinieri indagati. Esplode la polemica: "No alla gogna mediatica". Lei replica: "Non sono in imbarazzo"

Ilaria Cucchi, la sorella di Stefano, il ragazzo morto nel 2009 ad una settimana dal suo arresto per droga, domenica pomeriggio ha deciso di pubblicare su Facebook la foto di uno dei carabinieri indagati. Esplode la polemica. "Volevo farmi del male - ha spiegato  Ilaria Cucchi - volevo vedere le facce di coloro che si sono vantati di aver pestato mio fratello, coloro che si sono divertiti a farlo. Le facce di coloro che lo hanno ucciso. Ora questa foto è stata tolta dalla pagina. Si vergogna? Fa bene".

Sul social network è il là a molti commenti violenti, al punto che alcuni utenti scrivono: "La gogna mediatica non è ammessa in un paese democratico". La stessa Ilaria Cucchi qualche ora dopo si vede costretta a fare qualche precisazione: "Non tollero la violenza, sotto qualunque forma - scrive nella serata di domenica -. Ho pubblicato questa foto solo per far capire la fisicità e la mentalità di chi gli ha fatto del male ma se volete bene a Stefano vi prego di non usare gli stessi toni che sono stati usati per lui. Noi crediamo nella giustizia e non rispondiamo alla violenza con la violenza. Grazie a tutti".

Perché ha pubblicato la foto, le chiede qualcuno: "Il senso è che Stefano era la metà di questa persona. Se poi lei si sente offeso da questa foto, posso solo dire che non l’ho messa io su Facebook". "Questa foto - aggiunge - io non l’avrei mai pubblicata ma l’ho fatto solo perché la ritengo e la vedo perfettamente coerente col contenuto dei dialoghi intercettati e con gli atteggiamenti tenuti fino ad oggi dai protagonisti". "Io credo che non mi debba sentire in imbarazzo se diventeranno pubblici anche i volti e le personalità di coloro che non solo hanno pestato Stefano ma pare se ne siamo addirittura vantati ed abbiamo addirittura detto di essersi divertiti. Non è stata una scelta di Stefano Cucchi quella di subire un “violentissimo pestaggio”, come lo hanno definito i magistrati, per poi morirne. Non è stata una scelta della famiglia Cucchi quella di essere processata insieme al loro caro per sei anni".

Nell'ambito dell'inchiesta bis sulla morte di Cucchi la prossima tappa è fissata per il 29 gennaio, quando ci sarà l’incidente probatorio per accertare la causa della morte di Stefano. Sono indagati cinque carabinieri della stazione Roma Appia.

Guarda anche

[Video] Caso Cucchi, parla la sorella Ilaria: "Cosa mi devo aspettare ancora?"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Un'intervista in diretta, andata in onda nella trasmissione Jailhouse Rock (condotta da Susanna Marietti e Patrizio Gonnella di Antigone), ad Ilaria Cucchi, sorella di Stefano Cucchi, pochi minuti dopo la decisione della Corte d'Appello di assolvere tutti gli imputati

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (23)

  • Il caso Cucchi...solo una questione di soldi!

  • Lo Stato, attraverso i suoi esecutori deve "sempre comportarsi come un Padre"....se poi, per educare i propri figli che sbagliano li ammazza, è PALESE che questo non è un degno comportamentoper un qualsiasi genitore! E deve PAGARE di conseguenza,...se nò è il CAOS!!!!

  • „Lei replica: "Non sono in imbarazzo"“ che vuole imbarazzarsi, con la faccia di bronzo che ha! Se teneva così tanto al fratello come mai, quando era ancora in vita, lo ignorava? Come mai si è sempre fregata dei suoi problemi?

  • Ancora con questa storia? Sono 6 anni che va avanti! Ormai è palese che qualsiasi atto è mirato a rialzare la polemica sui giornali e a mettere "pressione" sulla magistratura. Mi auguro che non serva a racimolare qualche altro contratto in RAI. Si è presa una grande responsabilità ad accusare qualcuno in questo modo palese e vedremo come finirà, ma tanto le spese per l'avvocato le sta già sostenendo.

    • dal quotidiano La Repubblica "E' di un milione e 340mila euro la cifra che l'ospedale Pertini verserà alla famiglia Cucchi per il risarcimento del danno conseguente alla morte di Stefano, deceduto il 22 ottobre del 2009 proprio nel nosocomio romano, una settimana dopo il suo arresto per droga." I soldi per le spese legali la signora quindi li ha, almeno quelli, dato che la candidatura per "Rivoluzione Civile" non gli ha giovato. L'osso lo rosica fino in fondo la sig.a Cucchi...

  • il sottoscritto lavora in una struttura psichiatrica e molto spesso veniamo picchiati ,offesi,violentati fisicamente e verbalmente riuscire a bloccare chi e sotto effetto di sostanze non e facile a volte c e in pericolo la nostra vita e si cerca noi sempre con le buone di bloccare un paziente ma a volte di fronte a episodi di aggressivita e di violenza siamo noi a rischio e in pericolo di vita ,perche il paziente e sempre tutelato noi no,nella mia esperienza posso dire e raccontare di diversi episodi ,quali una collega ha perso un occhio perche un paziente e riuscito a staccarglielo strappandolo dalla cavita orbitale ,un altra infermiera presa cm un oggetto e lanciata sul muro cm una palla procurandogli fratture tibia e femore subendo 6 interventi,un altra collega con un piede di una sedia un paziente ha fracassato il cranio di un altra collega ,questi sono gli episodi vissuti ,un altro con un coltello stava per ammazzare un medico ed il sottoscritto si e lanciato per primo salvadogli la vita al medico e poi con l aiuto di altri colleghi siamo riusciti a bloccarlo,a volte ci sn collutazioni in cui si crca di bloccare il paziente ma io credo e penso che durante delle collutazioni con i pazienti nn dovrebbero succedere episodi gravi ma succedono a volte c e di mezzo la nostra vita alla loro,a volte chi non e cosciente ha un aggressivita che non controlla e noi siamo i suoi nemici da uccidere io dico questo non per discolpare medici infermieri o carabinieri ma a volte non e facile bloccare i pazienti che a volte si dimenano a terra o nella collutazione puo succedere degli imprevisti e secondo me e successo imprevisto,non credo nella libera violenza gratuita dei carabinieri che tutti stanno condannando

    • No non tutti, io mi riservo di condannare ragazzi che rischiano la vita per uno stipendio poco più che dignitoso. Sento una gran puzza di avvocati che hanno fiutato il business del rimborso. Vedrai che presto altri familiari di disperati morti in circostanza poco chiare, faranno sentire la loro voce. Qui sono tutti bravi a sentenziare, specie contro chi ci tutela, sembra uno sport nazionale, ma vorrei vedere alcuni di questi "fenomeni commentatori" in seria difficoltà, sperare nellaiuto di un ragazzo in divisa per salvarsi la pelle, poi ne riparliamo.

  • Perchè se uno è palestrato è anche imbecille? La foto è scattata al mare, per sembrare intelligente doveva andarci col cappotto??? Che commenti! Sono convinto che se a morire fosse stato il carabiniere non ci sarebbe stato alcuno "scandalo" e la notizia non avrebbe avuto tutta questa risonanza! Riposi in pace Cucchi, chi lo ha ucciso ha sbagliato senza alcun dubbio e doveva pagare, ma chissà se non è scappato il morto anche per qualche cliente di Cucchi (per esempio qualche ragazzino in discoteca) e nessuno ne parla!

  • Se mi trovassi in pericolo di vita, preferirei essere a portata di orecchio del carabiniere palestrato che del povero tossico terminale. Poi sia ben chiaro, se lo hanno ammazzato di botte sono dei criminali, ma anche questo marciarci con l'evidente business del rimborso mi ha decisamente stufato.

    • Se è stato AMMAZZATO ingiustamente di botte, ASSOLUTAMENTE non autorizzate e arbitrarie, E' GIUSTISSIMO che qualcuno PAGHI il danno e il dolore causato ai parenti rimasti su questa Terra. Ci si comporta così in un Paese CIVILE. Dovremmo TUTTI "puntare il dito" contro questi GRATUITI ABUSI perpetrati spesso da appartenenti alle Forze dell'Ordine.

      • Avatar anonimo di Tommy Lee
        Tommy Lee

        Guardate il caso di Anders Breivik in Norvegia,e come lo hanno trattato e lo trattano tuttora, ma li' si parla di un paese civile le cui istituzioni assumono gente normale e non palestrati magari ormonati di basso livello scolastico, amen.

      • E tocca pure spiegarlo....

  • se sto big gim va al gabbio......gli fanno una festa indimenticabile....è bene che si depili per benino.

  • Questo carabiniere avrebbe il quoziente intellettivo limitato perché fa esercizio fisico. Invece uno che si buca e spaccia ha il quoziente altissimo.

    • Avatar anonimo di Tommy Lee
      Tommy Lee

      Secondo me la foto , la posa, il machismo , aggiungo infantile, evidenziato in maniera cosi' ridicola e' sintomo di scarsa intelligenza, l'esercizio fisico cosa c'entra? Dove ha letto qui che si fa correlazione fra limitato q.i. ed esercizio?

      • Tra i due è meglio un tossico terminale ? I big gim fanno di certo sorridere, invece un tossico terminale se permetti è molto più pericoloso. Se stai affogando/ se sei aggredito/ se ti trovi in pericolo.... Io chiederei aiuto ad un carabiniere palestrato piuttosto che il povero cucchi....

  • Moralisti del c...o finitela e un Carabiniere e per primo doveva rispettare le regole..hanno sbagliato devono andare in carcere come un comune mortale..se hanno fatto questo chissà quante volte ancora l'hanno fatto tanto l'omertò nell'arma è di moda..chi si mette contro un collega..quale PM si mette a indagare...sono uomini con la divisa o meglio "SUPERMAN" del C...O

  • Bisogna fargli la pagare con la stessa moneta ma non al figlio ma direttamente a lui.

  • Non bisogna fare tutta un erba un fascio,questo e uno dei tanti che sta' nell' arma perche' non ha ne arte ne parte

  • Avatar anonimo di Tommy Lee
    Tommy Lee

    Ma quanti anni ha costui che vedo in questa posa da foto da "macho italiano" con intelligenza sotto le scarpe? Perche' a notare dal fisico asciuttissimo e le vene troppo in rilievo sembra faccia uso di sostanze tipo anabolizzanti, perche' come qualsiasi medico ma anche frequentatore di palestra normale sa bene, dopo i 30 anni per avere tali addominali ecc. bisogna ricorrere ad aiuti chimici proibiti, e se fosse cosi' sarebbe grave, perche' queste sostanze rendono aggressivi e paranoici come e peggio delle droghe, saluti.

    • Smettila di delirare ed inizia a fare un po' di sport anche tu...Einstein dei poveri!

      • Avatar anonimo di Tommy Lee
        Tommy Lee

        La sua cortese, educata, acuta ed elevata risposta mi fa pensare che devo tenere assolutamente in conto il suo suggerimento cosi' prezioso ed unico, Le auguro un buon anno nuovo, avanti cosi' che va benissimo, auguri ancora e tanti, saluti.

  • Cosa dire ancora! Peggio di loro i polizmen americani che sparano e uccidono persone indifese e disarmate "perchè non si fermano all'alt". Carabinieri, la divisa amata dagli italiani, si è sporcata di fango e di sangue. Nessuna scusante,nessuna agevolazione per i carnefici.

Notizie di oggi

  • Politica

    Renzi bis, governo di scopo o larghe intese, dopo la crisi tre strade per Mattarella

  • Politica

    Il Movimento 5 Stelle vuole il voto e presenta al Parlamento la nuova legge elettorale

  • Citta

    "Noi siamo i senza Natale", i movimenti per la casa occupano Piazza Venezia

  • Cronaca

    Coppia di sciatori precipita sul ghiaccio: lei muore, ferito gravemente il compagno

I più letti della settimana

  • Malore in campo: ragazzo esce dal coma e riconosce mamma e papà

  • Berlusconi ricoverato di nuovo: "Il battito del cuore è irregolare"

  • Omicidio-suicidio a Frattaminore: uccide moglie e figlio di 3 anni, poi si toglie la vita

  • Montagna tragica in Piemonte: muore uno sciatore, due feriti

  • Coppia ripresa mentre fa sesso al centro commerciale, in tre a processo

  • Veronica Panarello dopo la condanna: "Ansiosa di conoscere le motivazioni della sentenza"

Torna su
Today è in caricamento