Fredy Pacini, colpo di scena nelle indagini: chi è davvero la vittima

Il 29enne moldavo ucciso dal gommista di Monte San Savino non si chiama Tonjoc Vitalie, ma Mircea Vitalie. Non era incensurato in Italia ma era un latitante, colpito da ordine di carcerazione della Procura di Milano. A suo carico numerosi precedenti sempre per furto.

La fiaccolata di venerdì sera. Foto: ArezzoNotizie

Mentre il suo paese scende in piazza per mostrare sostegno, c'è un colpo di scena nelle indagini. Procediamo con ordine. Migliaia di persone, duemila almeno. Sono quelle scese ieri sera in piazza a Monte San Savino (Arezzo) per la fiaccolata in sostegno di Fredy Pacini. Sono stati raccolti oltre 4mila euro che saranno donati alla famiglia del gommista. "Una folla così non si vedeva dal 1984 - ricorda qualcuno - quando il paese scese in piazza per difendere l'ospedale. Speriamo che questa volta vada meglio soprattutto per Fredy". C'erano tutti, racconta Arezzo Notizie. Bambini, anziani, ragazzi. 

Fredy Pacini è il gommista che durante un tentativo di furto nel suo capannone nella notte del 28 novembre ha sparato e ucciso un uomo di 29 anni, moldavo.  "Io sto con Fredy" non era solo la scritta sulle bandiere e gli striscioni ma anche il coro che si è levato insieme ad un lungo applauso sotto la casa dell'imprenditore. Fredy Pacini non c'era, per il momentosi è trasferito fuori dal paese. "Sia chiaro che questa manifestazione non ha connotati politici, anzi ora più che mai è bene riporre simboli e ideologie dopo quanto accaduto - precisa subito Mauro Paci, uno dei promotori dell'iniziativa - le chiacchere stanno a zero. Siamo qui per manifestare la nostra vicinanza ad un amico, un grande lavoratore e per dare il nostro contributo". Alla fine sono stati infatti raccolti qualcosa come 4.155 euro che saranno devoluti alla famiglia di Fredy Pacini. Ci sono novità di rilievo nelle indagini.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Il servizio di Matteo Marzotti/Arezzo Notizie

Pacini non parla davanti al pm

Fredy Pacini, indagato per l'ipotesi di reato di omicidio colposo per eccesso colposo di legittima difesa, si è avvalso della facoltà di non rispondere in occasione dell'interrogatorio questo pomeriggio davanti al pm della procura di Arezzo Andrea Claudiani. E' quanto hanno riferito i legali del commerciante savinese all'uscita dal Palazzo di giustizia di Arezzo. Il gommista è assistito dagli avvocati Alessandra Cheli e Giacomo Chiuchini. I difensori di Pacini hanno spiegato che aspetteranno la relazione sull'autopsia, attesa tra 60 giorni, e che hanno chiesto al pm di effettuare un sopralluogo nella ditta del loro assistito. Nell'immediatezza del fatto, il commerciante aveva riferito ai carabinieri la sua versione dell'accaduto, ma lo aveva fatto in assenza dei legali, cosa che ha reso inutilizzabili le sue dichiarazioni.

La vera identità della vittima

C'è un colpo di scena nelle indagini. Il 29enne moldavo ucciso dal gommista di Monte San Savino (Arezzo) non si chiama Tonjoc Vitalie, ma Mircea Vitalie, questo perché nella sua patria è possibile iscrivere nel passaporto il nome della moglie. Il ventinovenne, da quanto emerso dalle indagini dei carabinieri, non era incensurato in Italia ma era un latitante, colpito da ordine di carcerazione della Procura di Milano. A suo carico - riferisce Adnkronos -  numerosi precedenti sempre per furto. Intanto è stato confermato il riconoscimento da parte della sorella che vive in Italia e che aveva contattato i carabinieri dopo aver appreso la notizia dell'accaduto.

L'avvocato: "E' stata legittima difesa"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • Sarebbe bastato provvedere alla prima occasione...

  • Spero che venga pubblicata la notizia anche in Moldavia !!!!

  • voglio proprio vedere se un giudice adesso condanna un italiano per aver difeso la ditta che rappresenta il sostentamento suo e della sua famiglia

  • Grazie Giustizia Berlusconiana!

  • Vengono a delinquere in Italia perché sanno che non gli fanno niente, sono più tutelati delle loro stesse vittime. Grazie giustizia italiana.

  • altro che condannare Fredy...sarebbe da condannare lo stato che non ha fatto niente per metterlo in galera...ben gli sta' a questi delinquenti ...o aspettiamo che ci ammazzano loro?

  • non e' una sopresa, essendo gia' ladri nel loro paese non fanno altro che cambiare nazione per continuare a rubare. In moldavia gentaglia senza onore e dignita' che ha anche il coraggio di protestare.

  • Chi fa il ladro di professione sa che può correre dei rischi.

  • Numerosi precedenti penali a carico del moldavo... Ed io dovrei dispiacermi della sua dipartita??? Daje, Fredy, hai fatto benissimo!!!

Notizie di oggi

  • Elezioni europee 2019

    Il portafoglio elettorale: perché le tasse saranno la chiave delle Europee

  • Economia

    Bollette a 28 giorni, perché c'è speranza per i rimborsi

  • Mondo

    Liberato Alessandro Sandrini: era stato rapito nel 2016

  • Economia

    Bollette gas e luce, tra costi nascosti e tasse le italiane tra le più care d'Europa

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Meteo, sorpresa "amara": ecco quando arriva finalmente il caldo

  • Prende reddito di cittadinanza e lavora in nero: ora è nei guai (e non solo lui)

  • Reddito di cittadinanza, cambia (quasi) tutto: cosa si potrà acquistare

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi sabato 18 maggio 2019

Torna su
Today è in caricamento