I funerali di Giulio Regeni, la madre: "Grazie per avermi insegnato tanto"

Né passerelle né bandiere, come ha chiesto la famiglia. Una folla commossa ha ricordato Giulio Regeni, il ragazzo ucciso in Egitto. Il parroco ha chiuso l'omelia con tre "grazie"

FIUMICELLO (UDINE) - "Grazie Giulio, per avermi insegnato tante cose. Resta nel mio cuore l'energia del tuo pensiero. Il tuo pensiero per amare, comprendere, costruire tolleranza. Con affetto, la mamma". E' toccante il messaggio di Paola Regeni, letto sull'altare da un ragazzo, ultima di tante testimonianze di affetto durante i funerali del giovane ricercatore ucciso in Egitto.

La famiglia non ha voluto un funerale di Stato e ha rifiutato anche i fiori offerti dal Quirinale. Gremita la palestra a Fiumicello, in provincia di Udine, dove si sono svolte le esequie, celebrate in parte in inglese per consentire la comprensione agli amici stranieri. Presente anche il sacerdote copto che benedisse la salma all'ospedale della capitale egiziana. "Grazie per questo compito di testimonianza che ci coinvolge tutti. Grazie, grazie e ancora grazie", ha detto don Luigi Fontanot nel corso dell'omelia. Il parroco ha definito "Giulio una persona speciale, per l'entusiasmo, per la voglia di conoscere", ricordando i concetti di libertà e di amicizia che aveva espresso: "Libertà è la possibilità di esprimere te stesso in un certo contesto; amicizia è un rapporto incondizionato tra due persone".

Una scomparsa ancora misteriosa, quella di Regeni, su cui si sta cercando di fare chiarezza: nelle ultime ore sarebbe emerso uno scambio di sms tra il giovane e un'amica, in cui Giulio annunciava - poco prima della sua scomparsa - di andare a un incontro con il suo tutor. E' quanto riferisce il sito internet anti-opposizione egiziano al Mesyoon. Sul web, intanto, la petizione lanciata dagli amici di Giulio per sapere la verità ha raggiunto la quota di 38mila firme.

La notizia su UdineToday

Guarda anche

Caso Regeni, la mamma: "Giulio irriconoscibile, ho capito che era lui dalla punta del naso" | VIDEO

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Così Paola Regeni, madre del giovane ricercatore italiano ucciso in Egitto, ha raccontato il riconoscimento del cadavere di Giulio, durante la conferenza stampa convocata oggi al Senato dal senatore Luigi Manconi, presidente della Commissione per i Diritti umani

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Pare che ci sia anche un'altra certezza, ovvero che il signorino chattava e si messaggiava con l'intelligence Londinese. Chi gli e lo faceva fare??? Vista la sprovvedutezza e l'incoscienza dell'età di certo qualche soldino in più faceva la differenza...

  • Non conosciamo né gli autori né le motivazioni della sua morte: ma abbiamo la certezza che questo straordinario ragazzo sta in paradiso!!! Grazie per averci fatto rivivere tante emozioni!

Notizie di oggi

  • Mondo

    Carneficina al centro commerciale, preso l'attentatore: 5 i morti a Seattle

  • Mondo

    Vignetta satirica contro Isis, scrittore giordano assassinato in strada

  • Cronaca

    Si filma mentre guida a 170 all'ora: sbanda, urta una barriera e muore sul colpo

  • Cronaca

    Roma, crolla palazzina di quattro piani: residenti evacuati dopo le prime crepe

I più letti della settimana

  • Ora solare 2016, quando spostare le lancette

  • Terremoto in Calabria, paura a Vibo Valentia: scuole evacuate, gente in strada

  • Brescia, il carcere a luci rosse: sesso tra detenuti e poliziotte

  • Roncadelle, il nuovo Ikea Center preso d'assalto dai clienti

  • Spaventoso incidente sull'A14: tir si ribalta e invade la corsia opposta

  • Terremoto, ancora scosse nel centro Italia: la più forte di magnitudo 3.5

Torna su
Today è in caricamento