Varese, picchiati in discoteca perché gay

Sette ragazzi in ospedale. La denuncia di Arcigay: "Identificati come omossessuali, sono stati pestati dalla security del locale"

Stavano ballando su un cubo in una nota discoteca di Luino (Varese). "Identificati come omosessuali" denuncia Paolo Patanè, presidente nazionale Arcigay, "sono prima stati costretti a scendere dalla security del locale, quindi insultati, pestati brutalmente e infine allontanati dal locale". E' il triste epilogo di un sabato sera come tanti per sette giovani ragazzi piemontesi, tra i quali Marco Coppola, presidente provinciale di Arcigay Verbania.

Non appena accaduto il fatto, i sette, visibilmente scossi per il pestaggio subito dai buttafuori del Justin disco&dinner, hanno chiamato i carabinieri per poi essere trasportati al pronto soccorso per le cure mediche. Un episodio inaccettabile, "che segna un limite" denuncia Patanè. "E' tragicamente simbolico che uno dei massimi dirigenti nazionali di Arcigay sia stato vittima di questa aggressione omofoba". 

Rimbalzata sui media, la notizia è stata immediatamente smentita dai gestori del locale: "Escludiamo categoricamente che quei ragazzi siano stati aggrediti dai nostri buttafuori. La lite" la versione di uno dei soci del Justin "è avvenuta all'esterno e i nostri addetti sono intervenuti a sedarla".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni, c'è una buona notizia sull'età di vecchiaia

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 9 novembre 2019

  • Tasse sulla casa, arriva la nuova Imu (e scompare la Tasi): cosa cambia

  • Dal bonus in busta paga ai buoni pasto: cosa cambia nel 2020 per i lavoratori dipendenti

  • Mamma scomparsa, vede il disegno della figlia a Chi l'ha visto e si fa viva con l'avvocato: "Sto bene"

  • Natalia Titova: "La malattia è peggiorata, costretta a lasciare 'Ballando con le stelle'"

Torna su
Today è in caricamento