Tommaso, 22 anni, colpito dalla leucemia: colletta online per le cure negli Usa

Sfida contro il tempo per salvare la vita di Tommaso Tori. Gli amici hanno organizzato una raccolta fondi sul web per le cure specialistiche, possibili solo negli Stati Uniti: "E' sempre stato un ragazzo generoso ed ora ha bisogno di tutti noi"

A Tommaso Tori, 22 anni, è stata diagnosticata una Leucemia Linfoblastica Acuta. Le cure fino a questo momenti non hanno dato risultati. Ci sono però delle delle terapie innovative, ma troppo onerose per la famiglia. Così gli amici hanno pensato ad un dono speciale: una raccolta fondi portata avanti attraverso tutti i media possibili, compresi i social network.

"Tommaso - spiegano gli amici - è sempre stato un ragazzo generoso ed ora ha bisogno di tutti noi".... per guarire. E' già iniziata la raccolta fondi, effettuata con l'appoggio della Associazione Onlus Don Orfeo Giacomelli di Imola, e promossa attraverso un sito web (www.giftsfortommaso.org) , una pagina facebook e un video, nel quale gli amici di Tommaso ci mettono faccia e cuore, raccontando la sua storia.

Tommy è un ragazzo come tanti, con le sue passioni e i suoi sogni. "Tommaso ha 22 anni, ama giocare a calcio, andare sulla propria bicicletta e fare la pasta fresca" - racconta il gruppo di giovani. Lo scorso gennaio era in partenza per gli Stati Uniti per insegnare a fare la pasta. Pochi giorni prima di partire, gli è stata diagnosticata una Leucemia Linfoblastica Acuta a seguito della quale è stato ricoverato presso l’Ospedale Sant’Orsola di Bologna nel reparto di ematologia.

Il quadro clinico è estremamente complicato. Fin dai primi giorni di ricovero, Tommaso è stato sottoposto a chemioterapia e in seguito a terapie sperimentali. "Sfortunatamente - continuano a raccontare gli amici di Tommy -  tutte le terapie seguite non hanno dato alcun risultato. Oggi però sono disponibili terapie innovative presso l’Ospedale dell’Università della Pennsylvania a Philadelphia. Qui, il Dottor Carl June guida un team che ha ottenuto ottimi risultati utilizzando una terapia sperimentale chiamata CAR-T cell".

Il problema è il costo della cura, molto alto. Il team del Dottor Carl June si sarebbe offerto di garantire gratuitamente la terapia sperimentale a Tommaso, tuttavia l’Ospedale richiede un pagamento anticipato di 600.000 US$. Costi che sono proibitivi per la famiglia.

Non c'è tempo da perdere, Tommaso deve cominciare la terapie sperimentali entro i primi giorni di luglio. "Speriamo - chiosano gli amici - di raccogliere la cifra richiesta nel più breve tempo possibile e cominciare questa terapia innovativa. Ringraziamo tutte le persone speciali che ci sono state vicine in questi mesi e quelle che aiuteranno Tommaso offrendo un contributo per la terapia di cui ha bisogno". Forza Tommaso!

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In arrivo una lettera dell'agenzia delle entrate per 700mila italiani

  • Temptation Island Vip 2019: puntate, coppie e tutte le anticipazioni

  • Salvini-Renzi, "polveri bagnate" e poche sorprese nel confronto tv: chi ha vinto

  • Ora solare 2019, quando scatta il cambio: il tempo stringe

  • Sciopero dei benzinai: per due giorni "senza" stazioni di servizio

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di giovedì 17 ottobre 2019: i numeri vincenti

Torna su
Today è in caricamento