Incendio ed esplosione in un distributore di benzina: due morti

Lo scoppio, sulla Salaria vicino a Fara in Sabina (Rieti), è avvenuto dopo l'incendio di una cisterna che stava scaricando carburante. Sul posto erano già intervenuti i vigili del fuoco: alcuni sono stati investiti dall'esplosione. Tra le vittime c'è anche uno di loro, Stefano Colasanti di 53 anni

Foto Ansa

Due morti nell'esplosione in un distributore di carburanti al km 39 della Salaria, in prossimità di Borgo Quinzio, nel comune di Fara in Sabina in provincia di Rieti. Lo spaventoso incendio - seguito da almeno un'esplosione - è scoppiato intorno alle 14. Secondo le prime testimonianze, a prendere fuoco sarebbe stato un autocarro con cisterna. Diciassette persone ferite, tra cui sette vigili del fuoco. Poi poco dopo le 16 è arrivata la doccia fredda. Sono almeno due le vittime dell'esplosione, tra cui un vigile del fuoco in servizio nel distaccamento di Poggio Mirteto e un uomo che si trovava nei pressi del luogo. 

Il pompiere eroe morto nell'esplosione si era fermato per aiutare i colleghi

Il pompiere che ha perso la vita è Stefano Colasanti, 53enne di Rieti. Il sindacato Usb Vigili del Fuoco ha diffuso su Facebook un messaggio di condoglianze per la scomparsa del collega: "Stefano è una vittima del dovere che deve farci riflettere tutti sulla pericolosità del nostro mestiere. Oggi i riflettori si accendono nuovamente sui vigili del fuoco ma il prezzo che dobbiamo pagare tutti è di un dolore immenso". Al momento della tragedia, l'uomo non si trovava in servizio. Visto quanto stava accadendo si era avvicinato per dare una mano ai colleghi in servizio, ma è stato travolto dall'esplosione: per lui non c'è stato nulla da fare. L'altra vittima è un civile di cui ancora non è stata diffusa l'identità. 

L'esatta dinamica è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri del nucleo Investigativo di Rieti, al lavoro sul posto insieme ai vigili del fuoco, c'è stato prima un principio di incendio, poi l'esplosione di un'autocisterna durante le operazioni di carico e scarico di carburante. Dopo l'esplosione la cisterna è stata sbalzata a decine di metri di distanza, su una strada parallela alla Salaria, finendo contro due auto. Al momento del principio di incendio passava un furgone con a bordo un vigile del fuoco non operativo che ha allertato la squadra dei vigili del fuoco locale. Prima ancora che i pompieri iniziassero le operazioni di spegnimento, c'è stata l'esplosione che ha sbalzato la cisterna dal distributore su una seconda strada parallela alla Salaria. Il mezzo è finito così contro altri due autoveicoli e proprio in questo secondo punto è stato trovato il cadavere della seconda vittima.

"Posso confermare che il bilancio della tragedia è pesante. L'esplosione è partita da un'autocisterna che stava scaricando gpl nell'area di servizio. C'è stato un primo incendio e mentre i vigili del fuoco e il 118 stavano operando è avvenuta una violentissima esplosione", ha detto all'Ansa il questore di Rieti, Antonio Mannoni. "Al momento - ha aggiunto Mannoni - i vigili del fuoco stanno mettendo in sicurezza l'area e la cisterna, raffreddandola. Le vittime sono un pompiere e un civile che si trovava nei pressi del distributore ed è stato investito dall'esplosione".

Incendio in un distributore nel Reatino: "Tra i feriti soccorritori del 118 con ustioni al volto"

"In merito all’esplosione avvenuta sulla via Salaria di un distributore di GPL è scattato immediatamente il Piano del maxi afflusso feriti. Sul posto sono operativi otto mezzi del 118 tra ambulanze e automediche e 3 elicotteri per il trasporto dei feriti. E’ stato allertato il Centro grandi ustioni del Sant’Eugenio e i DEA di II livello della capitale. Tra i feriti vi sono alcuni soccorritori del 118 con ustioni al volto. E’ stata istituita l’Unità di Crisi presso l’Ares 118 di Roma". Lo rende noto l’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato che è in stretto contatto con i soccorritori dell’Ares 118 giunti immediatamente sul posto.

Salaria chiusa al traffico: la situazione

La strada statale 4 via Salaria, come comunica Anas, è stata temporaneamente chiusa in entrambe le direzioni tra Borgo Quinzio, nel comune di Fara in Sabina, e Borgo Santa Maria, nel comune di Montelibretti, tra le province di Rieti e Roma (dal km 38 al km 41,500) per consentire le operazioni di soccorso. Cotral ha fatto sapere che "tutte le corse transitanti su via Salaria risultano al momento in forte ritardo".

Il video pubblicato dalla protezione civile di Monterotondo

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

incendio salaria-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • povero vigile del fuoco, snobbati dallo Stato ma nonostante tutto sempre coraggiosi!

Notizie di oggi

  • Economia

    C'è un'Italia che non conosce crisi (peccato che sia taroccata)

  • Economia

    Manovra, niente procedura d'infrazione per l'Italia: "Ritardati quota 100 e reddito di cittadinanza"

  • Economia

    Ecotassa, c'è chi paga e chi prende il bonus. Tagliate fuori le auto a metano

  • Economia

    Fornero: "L'Europa ci ha aiutato a limitare i danni. E Salvini ringrazi il governo Monti"

I più letti della settimana

  • L'oroscopo 2019 di Paolo Fox: segno per segno, cosa dicono le stelle

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 13 dicembre 2018

  • Oroscopo Paolo Fox, la classifica della settimana dal 17 al 22 dicembre

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di martedì 18 dicembre 2018

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di sabato 15 dicembre 2018

  • Sfera Ebbasta, Federica Sciarelli annienta il trapper in diretta

Torna su
Today è in caricamento