Nessun legame tra Ong e trafficanti, inchiesta archiviata: ennesimo buco nell'acqua

La Procura di Catania ha chiesto l'archiviazione per ProActiva Open Arms. Le varie inchieste a carico delle Ong che operano e hanno operato nel Mediterraneo, accusate di essere "in combutta" con gli scafisti, si sono sempre concluse con un nulla di fatto

Nemmeno mezza prova di connessione tra Ong e scafisti. La Procura di Catania ha chiesto l'archiviazione per il comandante Marc Reig Creus e del capo missione Ana Isabel Montes Mier della nave dell'Ong spagnola ProActiva Open Arms. Erano indagati per associazione per delinquere finalizzata all'immigrazione clandestina per lo sbarco a Pozzallo (Ragusa), il 17 marzo 2018, di 218 migranti soccorsi al largo della Libia. Resta pendente il fascicolo per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e violenza privata aperto dalla Procura di Ragusa, per non aver "ubbidito" al Viminale, ma tutto sembra destinato a sgonfiarsi (come previsto da molti) dopo che l'inchiesta catanese si è risolta in un nulla di fatto. La notizia è stata resa nota dai legali della Ong, gli avvocati Alessandro Gamberini e Rosa Emanuela Lo Faro.

La notizia dell’archiviazione è stata anticipata martedì sera da Sergio Scandurra di Radio Radicale e in seguito confermata da Nello Scavo di Avvenire, due tra le voci più autorevoli nel raccontare ciò che che accade davvero sulla rotta del Mediterraneo Centrale.

"Nessun legame tra Ong e scafisti"

"La Procura di Catania chiede l'archiviazione" scrive l'Organizzazione in un tweet. "Si ritiene dimostrato - scrive ancora la Ong - che non esiste alcun indizio che l'organizzazione favorisca l'immigrazione clandestina. Noi continuiamo". L'Ong si è sempre difesa sostenendo di avere agito "in stato di necessità per salvare vite umane". Non aveva riconsegnato i migranti a una motovedetta libica.

Migranti, perché la Guardia costiera libica non sempre risponde alle chiamate di soccorso?

Le varie inchieste a carico delle Ong che operano e hanno operato nel Mediterraneo, accusate di essere "in combutta" con gli scafisti, sono state archiviate o sono comunque in fase di archiviazione. Indagini sono state portate avanti ad ampio raggio.

Migranti, i nuovi dati sugli arrivi (ma i testimoni sono quasi spariti)

Sono ridotti a un rivolo gli arrivi in Europa di migranti nel Mediterraneo Centrale. Partire dalla Libia è sempre più complesso e in mare i testimoni di quanto davvero accade sono una manciata. In aprile, secondo dati Frontex, sono stati poco più di 200, dimezzati rispetto a marzo. Il totale dei primi quattro mesi del 2019 è di circa 880 arrivi, in calo del 91% rispetto allo stesso periodo del 2018. Le nazionalità più rappresentate su questa rotta nei primi quattro mesi sono tunisini e algerini. Nel complesso delle principali rotte migratorie verso l'Ue, in aprile il numero degli arrivi irregolari di migranti è calato del 19% rispetto al mese precedente, a 4.900, principalmente a causa di una caduta dei flussi nel Mediterraneo Orientale. Nei primi quattro mesi, il totale degli arrivi è inferiore del 27% rispetto al livello di un anno prima, a circa 24.200.

La rotta più trafficata resta quella del Mediterraneo Orientale, anche se in aprile gli arrivi sono stati minori rispetto a marzo, a causa delle condizioni meteorologiche, a quota 2.940 (in calo di circa il 25%). Nei primi quattro mesi il numero degli arrivi è calato a 12.750 (-18%). Uno su quattro è afghano, e in genere arriva via mare; uno su cinque è turco, e arriva via terra. Nel Mediterraneo Occidentale gli arrivi in aprile sono raddoppiati rispetto a marzo, a circa 900. Il totale nei primi quattro mesi è salito a circa 6.300, quasi un terzo in più dell'analogo periodo del 2018. Su questa rotta prevalgono marocchini, guineani, maliani e ivoriani. Nei Balcani Occidentali, infine, ci sono stati circa 600 arrivi in aprile; il totale dei primi quattro mesi è di 3.400, il 96% in più di un anno prima. Su quest'ultima rotta prevalgono afghani e iraniani.

Migranti, perché la Guardia costiera libica non sempre risponde alle chiamate di soccorso?

Numeri che vanno interpretati. Roberto Saviano, ospite di Che tempo che fa, aveva spiegato qualche giorno fa: "Non è vero che nessuno sta morendo in mare, mancano i testimoni: le Ong, la Guardia costiera. Stanno diminuendo i testimoni, non le partenze. I migranti non vengono salvati dalla Guardia costiera libica, ma vengono rinchiusi nei campi di concentramento. E quelli che partono continuano ad annegare. Oggi muore il 12 per cento. Nel 2017 il 2 per cento".

L'accusa secondo cui la presenza di navi Ong possa essere di 'stimolo' per far partire gli scafisti con a bordo i migranti non regge, i numeri dicono altro: è stata smentita più volte da chi si occupa del tema in maniera organica e approfondita, andando oltre slogan e propaganda. Ribadiamolo: è falso che la presenza di Ong nel Mediterraneo spinga più migranti a partire, il pull factor non esiste.

sea watch migranti ansa apertura-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Unhcr: "Nessuno dovrebbe essere riportato in Libia"

L'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) "torna a ripetere che nessuno dovrebbe essere riportato in Libia". Secondo l'Agenzia Onu, nell'ultima settimana almeno 944 persone hanno lasciato le coste libiche per i viaggi della speranza nel Mediterraneo: 65 sono morte davanti alle coste della vicina Tunisia, mentre il 65% degli 879 superstiti è stato riportato in Libia. E' necessario, ha detto il portavoce Charlie Yaxley, "un duplice approccio che veda un aumento delle capacità di ricerca e di soccorso", non solo da parte delle ong, "e un immediato aumento delle evacuazioni umanitarie di rifugiati e migranti dai centri di detenzione di Tripoli". "Le navi delle ong hanno avuto un ruolo cruciale per salvare vite in mare e chiediamo agli Stati la revoca delle restrizioni logistiche e legali alle loro operazioni - ha insistito - Chiediamo anche agli Stati di offrire modi sicuri e legali per accedere al diritto di asilo".

Libia,  video dai "campi dei migranti"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus ristrutturazione al 110%, dalle seconde case agli infissi: cosa prevede il decreto

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 26 maggio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 23 maggio 2020

  • Pensioni di giugno, il pagamento arriva in anticipo (ma non per tutti)

  • Ritrovano il figlio rapito 32 anni fa: la gioia incontenibile dei genitori

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 21 maggio 2020

Torna su
Today è in caricamento