Seimila soldati contro l'Isis in Libia: "L'Italia guiderà la coalizione"

Secondo un'indiscrezione riportata dal Giornale, il nostro Paese sarebbe pronto a guidare la coalizione contro il Califfato. Il contingente sarà formato per lo più da soldati inglesi, francesi ed americani

L'Italia è pronta a fare la sua parte nella guerra all'Isis in Libia. Non solo. Secondo Il Giornale (che cita una indiscrezione raccolta dal tabloid britannico Mirror) la coalizione internazionale impegnata contro le forze del Califfato, "sarà guidata dagli italiani", mentre "il contingente sarà in prevalenza formato da soldati inglesi, francesi ed americani".

Sarebbero circa seimila i soldati delle forze anti-Isis in partenza per Tripoli. Truppe scelte composte da marine americani, soldati della Legione straniera, un migliaio di militari inglesi e 200 operatori della Sas. Indiscrezione confermata dal sito Difesa Online, secondo cui però l'Italia non avrebbe intenzione di schierare propri soldati, ma avrà il ruolo di coordinare le truppe sul campo. 

"I seimila soldati che a breve giungeranno in Libia non svolgeranno compiti di ricognizione (quel ruolo è già stato affidato allo Special Reconnaissance Regiment), ma saranno truppe combattenti al fianco delle milizie lealiste - spiega Franco Iacch su Difesa Online - in un primo momento dovrebbero svolgere compiti di formazione, ma l'impiego in prima linea appare certo considerando il numero schierato". 

D'altra parte lo stesso Renzi ha sempre insistito sul ruolo dell'Italia nel gestire la crisi libica. Lo scorso settembre, davanti all'assemblea dell'Onu, si era detto "pronto a un ruolo guida". E incontrando Hollande dopo i fatti di Parigi aveva rimarcato l'esigenza di dare "priorità assoluta alla Libia". "Perché la Libia - aveva aggiunto il premier - rischia di essere la nuova emergenza con cui ci dovremo confrontare. È evidente che il solo modo di evitare l'esodo massiccio di immigrati, rifugiati e richiedenti asilo è quello di mettere fine alle guerre civili in Medio Oriente". 

Una soluzione che comunque non potrà essere una prova di forza dell'occidente. "Un'azione unilaterale" in Libia sarebbe "un clamoroso errore", ha affermato il premier nel suo discorso di fine anno. "Noi abbiamo assicurato agli amici libici la totale disponibilità del governo italiano. Non credo che ci sia qualcuno che dubiti del fatto che interventi unilaterali non hanno funzionato e oggi francamente non se ne vede la necessità".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Va bene dai, l'indiscrezione e' de il giornale. Che ci credete a fare!

  • Molto semplicemente, ogni volta che si parla di Libia, a noi Italiani gli "alleati" NATO ci tengono per i ϲοgliοni, perchè fuori dai denti (anche recentemente) ci hanno fatto capire che se noi ci tiriamo indietro (da un eventuale intervento militare), loro hanno sostanzialmente carta bianca di inserire negli obiettivi militari anche ns. giacimenti, impianti, installazioni ENI & Co. L'han fatto nel 2011; lo rifarebbero nel 2016. Gli alleati... eh.

  • Se a noi ci fanno comandare, liberiamo l' Etiopia, altro che la Libia.... Non siamo capaci di prendere le impronte digitali dei poveracci che sbarcano, non siamo capaci di prendere gli scafisti, non siamo capaci di difendere i nostri di confini, abbiamo migliaia di clandestini che fanno quello che vogliono in Italia, e noi, dovremmo coordinare la liberazione della Libia..... "Ma mi faccia il piacere...."

  • Guiderà la coalizione!?!? ha ha ha ha ha ha ha !! si embè certo! proprio gli americani si faranno comandare dagli italiani; sarebbe come se Pablo Escobar comprasse la droga da un puscher.

  • ulteriore benzina sul fuoco

  • Noi gestire la crisi libica? ma se nemmeno siamo capaci di gestire l'Italia...

    • Grande Manuel !!!!!! ..... guidare Americani, Francesi e Inglesi ahahahahhaah .... si da soli non sanno cosa fare vero??? potevate aggiungerci anche i Russi..... altro Popolo che da solo non sa cosa fare, vero?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Gianni in Svizzera a morire come dj Fabo: "Un viaggio per la dignità"

  • Cronaca

    Le ultime ore di dj Fabo: "E' morto sereno, mordendo il pulsante per il farmaco letale"

  • Citta

    Firenze, spari contro la ditta e l'auto dell'amico di Renzi: due arresti

  • Video

    Milano, ancora eroina e disperati nel bosco della droga: un altro blitz con le ruspe

I più letti della settimana

  • È morto Alessandro Staffelli, fratello di Valerio di Striscia La Notizia

  • "Leone di Lernia è grave": lo Zoo non va in onda, i messaggi di solidarietà dei fan

  • Dj Fabo è morto in Svizzera, il suo ultimo messaggio: "Qui senza l'aiuto del mio Stato"

  • Torna l'ora legale: lancette avanti domenica 26 marzo 2017

  • Incidente sull'A8, furgone si ribalta e travolge un'auto: un morto e due feriti gravi

  • Luigi Celentano scomparso da Meta di Sorrento: "Torna, hai diritto di vivere nella tua città"

Torna su
Today è in caricamento