Lite fuori da un kebab, uomo ucciso a coltellate a Solaro

Il quarantaseienne ha cercato di allontanarsi a bordo della sua Golf, ma dopo quattrocento metri si è schiantato contro un albero. Sull'omicidio indagano i carabinieri

SOLARO (Milano) - Avrebbero litigato tra di loro. Poi, entrambi avrebbero estratto i coltelli per passare dalle parole ai fatti. Quindi, dopo i colpi, avrebbero cercato di scappare, ma uno di loro ha fatto poca strada. 

Omicidio mercoledì sera a Solaro, dove un uomo di quarantasei anni - un ghanese con precedenti penali - è stato ucciso con una coltella al petto dopo una lite.

Teatro della tragedia - avvenuta verso le 23 - è stato l’esterno di un kebab di via Carlo Porta, dove la vittima avrebbe avuto una discussione con un marocchino di quarantatré anni, anche lui già noto alla giustizia.

Dopo il fendente, il quarantaseienne ha cercato di allontanarsi a bordo della sua Golf, ma dopo quattrocento metri - arrivato in piazza San Pietro - si è schiantato contro un albero. Proprio nell’auto, i carabinieri hanno trovato il suo corpo, ormai senza vita

L’altro uomo, invece, è stato soccorso in via Carlo Porta: accoltellato all’addome, è stato trasportato in codice giallo all’ospedale di Garbagnate Milanese. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua a legge su Milano Today

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Belen contro Barbara d'Urso: l'affondo durante una diretta su Instagram

  • Coronavirus, come sono cambiati i trasporti pubblici durante l'epidemia

  • Coronavirus, dalla suola delle scarpe alle verdure: i chiarimenti dell'Iss

  • Coronavirus, lo stop dei benzinai: "Chiudiamo gli impianti: prima sulle autostrade, poi gli altri"

  • Coronavirus, a Rimini guarisce anziano di 101 anni: è nato durante l'epidemia di spagnola

  • Coronavirus, Mattarella ha firmato il decreto: da oggi al via la nuova stretta, cosa cambia

Torna su
Today è in caricamento