Studenti contro la crisi, scontri ovunque: a Torino bruciate foto di Monti e ministri

Altissima tensione in tutta Italia nel giorno della prima manifestazione "in difesa della scuola pubblica". A Milano e Torino violente cariche della polizia per disperdere gli studenti che hanno provato a bloccare le città

Giornata ad alta tensione in tutta Italia sul fronte 'scuola'. Gli studenti delle scuole superiori sono scesi in piazza in diverse città, da Roma a Milano, da Torino a Napoli, per quella che è la prima manifestazione del nuovo anno scolastico.

Al centro della protesta, i tagli alla scuola pubblica "che da anni stanno distruggendo l'istruzione pubblica". In testa alla manifestazione di Roma, uno striscione significativo: "Contro crisi e austerità, riprendiamoci la città".

Ed è proprio questo il punto intorno al quale sta salendo la tensione un pò ovunque: la volontà degli studenti di non avere percorsi prestabiliti dalle forze dell'ordine per il loro corteo.

Significativo, ricordano gli studenti, il fatto che "la mobilitazione nazionale di oggi è stata lanciata lo scorso giugno a Chiomonte durante il campeggio studentesco No Tav, dove si è svolta un'assemblea con realtà studentesche di varie città italiane, per dire che la nostra opposizione a questo governo e a questo modello di sviluppo resta forte e determinata".

Dietro gli ormai famosi 'libri scudo', la rabbia degli studenti contro il ministro 'tecnico' Profumo chiede di assumere le sembianze del 'corteo selvaggio'. Gli obiettivi sono tanti e diversi in ogni città.

A Roma, ovviamente, è il ministero dell'Istruzione quello che gli studenti medi si sono prefissati come punto d'arrivo per la loro "indignazione".

A Milano, dove si sono registrati violenti scontri, con le cariche della polizia che hanno disperso i ragazzi che hanno provato a raggiungere la Regione Lombardia per chiedere "le dimissioni di Roberto Formignoi", ribattezzato "il presidente degli scandali".

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Violenti scontri, con diversi feriti e alcuni ragazzi fermati, si sono registrati anche a Torino dove gli studenti hanno attaccato, 'a suon di uova e petardi' il centro della città per poi dare alle fiamme le fotografie del premier Mario Monti e dei suoi ministri. (GUARDA IL VIDEO DELLE CARICHE)

E sempre uova e petardi sono state le 'armi' con le quali gli studenti autorganizzati hanno manifestato per il centro di Napoli.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 20 febbraio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 22 febbraio 2020

  • Il marito di Mara Venier dopo le accuse: "Il successo dà fastidio, prenderemo decisioni"

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 18 febbraio 2020

  • Heather Parisi: "La mia vita in Cina nell'inferno del Coronavirus. Qui si lavora da casa, i prodotti sono razionati"

Torna su
Today è in caricamento