Medici e operatori nel mirino dei violenti: ci sono dieci aggressioni ogni giorno

Oltre 1.200 denunce all’Inail, la denuncia del sindacato Annao Assomed. Tra i profili più colpiti i medici di pronto soccorso e guardia medica

Foto di repertorio (ANSA)

Crescono le aggressioni fisiche e verbali nei confronti degli operatori sanitari. Dati allarmanti soprattutto al Sud e nei pronto soccorso. "Sono oltre 1.200 le denunce 'ufficiali' all'Inail ogni anno per aggressioni fisiche e verbali ai danni di operatori sanitari; sono circa 10 i casi al giorno a livello nazionale e il Sud è il più interessato dal fenomeno con il 72% degli episodi. Tra i profili più colpiti i medici di pronto soccorso e guardia medica (80,2%), psichiatria (34,12%) e Ser.T (20,26%). Il 70% delle violenze è diretta alle donne".

A ricordare la preoccupante fotografia è l'Annao Assomed Campania (i dati sono stati forniti dall'Inail).  L'Anaao vigila da tempo sul fenomeno su tutto il territorio nazionale e ancora di più in Campania "dove, anni di commissariamento e mancata programmazione, hanno ridotto sensibilmente la fiducia dell'utenza verso il sistema sanitario pubblico", sottolinea il sindacato. .

Medici e operatori nel mirino dei violenti, i motivi delle aggressioni

Già lo scorso giugno il sindacato aveva lanciato l'allarme segnalando "un'escalation progressiva degli episodi di violenza contro gli operatori sanitari: dal recente tentativo di strangolamento di un medico di pronto soccorso, fino a stupri e vere e proprie spedizioni punitive da parte di gruppi organizzati contro i medici". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Stando al report reso noto dall'Anaoo a giugno le cause delle aggressioni sono da riferire soprattutto a: fattori socio-culturali per il 37,2%, definanziamento del Servizio sanitario nazionale per il 23,4%, carenze organizzative per il 20%, carenze di comunicazione per l'8,5%. Sorprendenti infine le risposte all'ultimo quesito, relativo al ruolo del sindacato come tutore della sicurezza degli operatori: il 56,4% non sa se il problema viene trattato ai tavoli sindacali, mentre il 30,8% è convinto che non venga mai discusso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus ristrutturazione al 110%, dalle seconde case agli infissi: cosa prevede il decreto

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 19 maggio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 23 maggio 2020

  • Pensioni di giugno, il pagamento arriva in anticipo (ma non per tutti)

  • Ritrovano il figlio rapito 32 anni fa: la gioia incontenibile dei genitori

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 21 maggio 2020

Torna su
Today è in caricamento