sabato, 01 novembre

"Metalli cancerogeni nel cibo": la denuncia di un ricercatore

Stefano Montanari, medico nanopatologo, ha esaminato una serie di alimenti acquistati da un supermercato. In molti ha riscontrato la presenza di micro e nanoparticelle di metalli pesanti altamente pericolosi per l'organismo umano

Redazione 3 luglio 2013
71

La premessa, necessaria, è che si tratta di uno studio con "rilevanza statistica zero", come ci tiene a precisare il dottore che ha portato avanti le ricerche, Stefano Montanari. La conclusione, necessaria anch'essa, è che la "fotografia" scattata dal medico testimonia come gli alimenti abbiano un potenziale di "tossicità" altamente pericoloso per l'organismo umano. 

MARCHE DELLE "FARINE" CONTAMINATE

Stefano Montanari, che insieme a sua moglie Antonietta Gatti ha "scoperto" le nanopotologie, nel 2005 ha acquistato una serie di prodotti, uno per ogni tipo, da un supermercato di Modena e li ha analizzati. Il risultato è di quelli che spaventano: micro e nanoparticelle di metalli chimici, molti dei quali pesanti, "contaminano" i cibi. La lista è lunga: alluminio, ferro, cromo, nichel, silicio, stronzio, sodio e magnesio. Tutti elementi che "infestano" i prodotti sottoforma di particelle grandi fra 10 -8 e 10 -5 metri, micro e nano particelle appunto. 

MARCHE DEI "PRODOTTI DA FORNO SALATI" CONTAMINATI

"Più la particella è piccola, più questa è capace di penetrare nei tessuti" si legge nello studio. E le conseguenze potrebbero essere drammatiche. "Il progetto Europeo QLRT-2002-147, avvalendosi di studi di microscopia elettronica a scansione di tipo ambientale, secondo una metodica originale ed innovativa, ha permesso di accertare come tessuti patologici relativi a malattie criptogeniche di natura oncologica o infiammatoria presentino un contenuto di particelle inorganiche di dimensioni micro e nanometriche, un reperto non rinvenibile, invece, nei tessuti sani.". In sostanza, spiega il dossier, esiste una correlazione fra la presenza di micro e nanoparticelle inorganiche nel corpo umano e il presentarsi di patologie di natura oncologica, quindi tumorali. 

MARCHE DEI "BISCOTTI" CONTAMINATI

"L'origine di queste particelle è prevalentemente ambientale - continua lo studio - dovuta a forme d'inquinamento sia antropiche sia, in modo meno rilevante, naturali. La via d'ingresso nell'organismo umano e animale è attraverso l’inalazione e l'ingestione". Motivo per cui il dottore Stefano Montanari ha deciso di concentrare la propria attenzione sugli alimenti, pur a fronte di un budget limitato. 

MARCHE DEGLI "OMOGENEIZZATI" CONTAMINATI

Come se non bastasse, però, c'è un'ulteriore caratteristica che preoccupa. Le micro e nanoparticelle in questione non sono biodegradibili: il corpo umano non è assolutamente in grado di eliminarle, nè di riconoscerle. Il che dà il via ad un circolo molto pericoloso. "Le particelle vengono trasportate a vari organi interni dove vengono sequestrate e dove si comportano come corpi estranei, inducendo la formazione di granulomi e uno stato infiammatorio. È noto come una flogosi cronica - chiarisce lo studio - possa costituire uno stato precanceroso. La fagocitosi macrofagica appare inefficace nell'eliminazione di questo particolato, dato che la particella è in ogni caso non biodegradabile e, di conseguenza, morto il macrofago, questa resta presente nell'organismo che non pare possedere vie d'eliminazione efficienti".

MARCHE DEI "DOLCI" CONTAMINATI

A supporto delle tesi del dottore Montanari anche una casistica "rispettabile". "Nei circa cinquecento casi patologici finora indagati, oltre a risultare non biodegradabili, le particelle sono anche state classificate come non biocompatibili, e quindi, per definizione stessa, patogeniche. La patogenicità del particolato inorganico micro e nanometrico è stata confermata - si legge sul sito della nanodiagnostics - in vitro su cinque tipi diversi di particelle, presso il laboratorio francese Biomatech". 

MARCHE DI "INTEGRATORI" CONTAMINATI

La lista dei prodotti analizzati è vasta, così come è ampia quella degli alimenti in cui sono state trovate tracce di micro e nanoparticelle inorganiche di metalli. "Questo mio studio non va preso come un'accusa a questa o a quella marca - sottolinea Stefano Montanari - è semplice da capire che un pacco di biscotti può essere contaminato al supermercato di Modena e non esserlo da altre parti. O, magari, essere comunque contaminato ma da altri agenti inquinanti". Questo perchè i macchinari utilizzati per le produzioni alimentari, la maggior parte composti da ferro, hanno un impatto considerevole sulla "contaminazione" o meno di un cibo. Così come la farina o gli altri elementi "primari". 

MARCHE DI "PRODOTTI VARI" CONTAMINATI

Ed è, naturalmente, impensabile credere che tutti gli stabilimenti di produzione usino macchinari identici e materiali identici. Ecco perchè "il dossier voleva essere una semplice fotografia di quello che mangiamo". Fotografia che, nonostante tutto, mette i brividi.

Stefano Montanari
cibo
studi scientifici

71 Commenti

Feed
  • Avatar di Dalia

    Dalia BLA BLA BLA... VOGLIAMO I NOMI DELLE MARCHE! Come facciamo ad evitare di continuare ad avvelenarci se non ce le dite?

    venerdì, 1 agosto
  • Avatar di Fabio

    Fabio Poi ci credo che ci si ammala di cancro!!! Tutte le porcherie che ci fanno mangiare!!! Che schifo!!

    il 10 dicembre del 2013
  • Avatar anonimo di Marco

    Marco Ha ragione Francesca, servono i nomi dei prodotti.

    il 9 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di francesca

    francesca Si, ma quali sono le marche incriminate? perchè non le rendono pubbliche?

    l' 8 luglio del 2013
    • Avatar anonimo di Maria

      Maria Le parole MARCHE CONTAMINATE sono clicabili. La scritto tutto.

      il 10 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di Fausto M

    Fausto M confermo quanto detto, la contaminazione del terreno e delle acqua quindi dei prodotti che ne derivano sono contaminati a causa di un inquinamento voluto, abbiamo analizzato campioni di terra e prodotti con grandi quantità di alluminio e bario, una contaminazione così su larga scala è confermata dalla presenza delle scie chimiche già documentate in tutto il mondo...come sempre c'è la mano dell'uomo e da che mondo e mondo l'essere umano fa il proprio interesse senza scrupoli

    il 6 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di giorgio gasparetto

    giorgio gasparetto In realtà, in quanto onnivori di necessità ( abbiamo bisogno di tutto ) e per il solo fatto di bere o respirare, siamo come le cozze .... siamo um filtro vivente in cui ciò che non smaltiamo permane, aimè non sò cosa e con quali danni in che quantità .... gas di scarico , polveri sottili, inquinamento ecc .... bella specie a continuare a sopravvivere e a proliferare . E se si trovassa il binomio causa effetto, chi mi dice che non venga potenzialmente sfruttato ? Scopriremo più avanti che il modello presentato dai deodoranti, è sicuramente un personaggio di successo ed è sfruttando questa vene che si vende aria profumata, da lì a dire che sia meglio , ne corre .......

    il 5 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di giovane

    giovane ma di cosa vi state meravigliando....?nel mondo in cui viviamo vi aspettate di trovare qualcosa di incontaminato?Abbiamo contribuito tutti a rovinare l'ambiente.....facciamoci un esame di coscienza....adesso c'è le rimangiamo......i nostri figli ringraziano una generazioni di genitori egoisti ed imbecilli...me compreso...

    il 5 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di danilo

    danilo e questo è niente. andate a vedere cos'ha trovato ultimamente nei vaccini. c'è di tutto, dal mercurio al titanio, al piombo. e quelli li iniettano ai bambini di 2 mesi.

    il 5 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di mario

    mario 61 anni - vivo - spesso goloso - voglia e gioia di vivere presenti - soddisfazioni per le piccole cose : in attesa di essere diagnosticato ( come tutti ) affetto da qualcosa di più di un acciacco ) : questo potrebbe essere un quadro desolante di come la vita è come attesa di una bomba ad orologeria che prima o poi esploderà dentro . . .per colpa di chi ( dice Zucchero ? ) Dell' avidità di accumulo, della fame insaziabile di un capitalismo forsennato condito di falsità pubblicitarie . . . . . non si scappa, tutti sono a termine, ma una cosa resta: prendere il coraggio a quattro mani come si dice e denunciare, dimostrare, scegliere le alternative RADICALI, contare sull' auto guarigione che Montanari non vede . . e consigliargli di iniziare a approfondire gli studi su come captare i micrometalli tossici e tirarli via da corpi insultati e manipolati: Forza scienziati non compromessi non ci si arrende: si lotta e si scopre . . . . . magari come sempre accade : un rimedio sovrano c' è: dobbiamo crederlo, perchè lo spirito di sopravvivenza è sempre presente in noi e questo va trasmesso ai giovani: un mio conoscente nella rete ha scritto: "ma sei fuori di testa? RISPOSTA: NO, SONO UN SOGNATORE! " . . . . . . . . . . . .

    il 5 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di Pompeo Giuseppe Oliva

    Pompeo Giuseppe Oliva Quando queste cose le ha dette Beppe Grillo denunciate nei suoi spettacoli sempre con il dott. Montanari ci hanno creduto in pochi.........

    il 5 luglio del 2013
    • Avatar anonimo di Sauro Sarti

      Sauro Sarti Lasciamo fare Beppe Grillo ciò che gli riesce meglio, cioè il comico. Sulla vicenda si legga questo pdf http://www.stefanomontanari.net/sito/images/pdf/grillo_microscopio.pdf troverà molti documenti e deposizioni interessanti !!

      il 5 luglio del 2013
      • Avatar anonimo di alessia

        alessia Intanto io da anni evito quegli alimenti, ho imparato tanto e sono molto più informata di prima. Grazie a un "comico". Chissà quanti nel frattempo si sono imbottiti di piombo e mercurio senza saperlo...

        il 5 luglio del 2013
        • Avatar anonimo di giovane

          giovane puoi evitare quello che vuoi.....ormai il cancro è dappertutto....

          il 5 luglio del 2013
      • Avatar anonimo di Tiziana

        Tiziana Molto interessante il link segnalato! Dovrebbe essere divulgato per definire meglio la figura del "comico" (?). No comment. Grazie.

        il 5 luglio del 2013
      • Avatar anonimo di Salvo

        Salvo Vorrei far umilmente notare che il sig Pompeo Giuseppe, nel suo commento non sostiene che Grillo sia un medico nanopatologo o altra autorità in campo medico. Ha semplicemente esposto il rammarico che non si sia dato il dovuto peso alle questioni discusse in questo articolo decenni addietro, appunto al tempo in cui Grillo le denunciava già come riportato da specialisti come il Dott. Stefano Montanari. Pertanto trovo la puntualizzazione di "lasciamo fare a Grillo, ciò che gli riesce meglio, cioé il comico" essere alquanto superflua, dal momento che forse quel che é sempre riuscito meglio a Grillo é stato denunciare proprio problemi come questo. Che abbia usato la satira per farlo non credo sia l'unico merito da riconoscergli. Guardare questa clip dallo spettacolo "RESET" e notare che di satira ce n'é pochina, ma di informazione invece ce n'é tanta. Liberi di chiamarlo "comico", forse sarebbe più corretto dire giornalista che fa uso di satira nelle sue denuncie... ed era il 2007, ovvero 6 anni fa. https://www.youtube.com/watch?v=dWJRNqR4KAc Detto ciò grazie per il documento PDF.

        il 5 luglio del 2013
        • Avatar anonimo di giovane

          giovane che Grillo sia un Nanopatologo...mi fa solo ridere....conosco un altro nano...ma non è patologo...è patologico....

          il 5 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di ENZO

    ENZO Come possiamo difenderci da questi alimenti contaminati? Dove si possono acquistare prodotti di certi@#?*%$ta provenienza, veramente bio, a prezzi ragionevoli???

    il 5 luglio del 2013
    • Avatar anonimo di giovane

      giovane ...ummhhh...forse su Venere.....

      il 5 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di Sauro Sarti

    Sauro Sarti Per comprendere ulteriormente perchè venne condotta questa ricerca, cosa sono le Nanopatologie e quale impatto hanno sulla nostra salute. Inquinamento da polveri sottili, quali danni alla nostra salute http://www.youtube.com/watch?v=qF3amdkx6cQ

    il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di FAUSTA

    FAUSTA ci fanno mangiare solo veleni!!! mamma mia!!!

    il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di Simosi

    Simosi Stiamo parlando di analisi svolte 10 anni fa. Sono assolutamente prive di valore scientifico!!!!

    il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di catia

    catia .... di conseguenza i Tarallucci sono puliti... Guarda la colonna in cui c'è la descrizione delle analisi. Se dice "Campione pulito" signi@#?*%$ che è pulito altrimenti c'è l'elenco dei metalli trovati!

    il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di catia

    catia ATTENZIONE: l'articolo è impostato male! I link che rimandano a "Marche di ... contaminati" in realtà rimandano agli elenchi degli alimenti analizzati e tra questi solo alcuni sono contaminati. Quindi vanno guardati bene i commenti!!

    il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di Riccardo

    Riccardo NOOO! Anche i tarallucci!!!!

    il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di Carlo

    Carlo Dovete cliccare sulle scritte blu per vedere i nomi delle marche contaminate, cmq come dice chi ha condotto lo studio, non ha valore statistico, secondo me si sta facendo troppo allarmismo...

    il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di Lucas

    Lucas concordo con quanto detto, le scie chimiche generate volontariamente da appositi velivoli di propietà del governo americano rilasciano alluminio e bario che va a depositarsi sul suolo acque etc...dicono che serve per controllare il clima ma il vero scopo lo sanno solo loero e vanno avanti da anni basta alzare gli occhi...

    il 4 luglio del 2013
    • Avatar anonimo di giovane

      giovane mai sentita una @#?*%$ta simile.....crediamo anche agli Ufo e siamo apposto.....

      il 5 luglio del 2013
    • Avatar anonimo di catia

      catia ma che palle con 'ste scie chimiche! E sempre a metterle in mezzo come il prezzemolo. Basta molto poco per contaminare gli alimenti. Non serve mettere in gioco queste fantomatiche scie. Bufale inventate ad arte per distogliere l'attenzione dalle vere cause delle cose...

      il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di Sabrina

    Sabrina esatto Mark è la conseguenza delle scie chimiche che stanno contaminando tutto il mondo ed è una triste realtà.... https://www.facebook.com/pages/STOP-ALLE-SCIE-CHIMICHE/199277020680

    il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di Mark

    Mark Non capisco perchè la gente sia così sorpresa dalla notizia, quello che vedo è solo una popolazione ignorante, guardate cosa sono le scie chimiche e da quanto va avanti questa cosa così capite perchè non solo gli aliemnti sono contaminati da alluminio e altro, buon proseguimento a tutti

    il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di luisa invernizzi

    luisa invernizzi e le asl che fanno?? non sono loro le responsabili dei controlli!??

    il 4 luglio del 2013
    • Avatar anonimo di giovane

      giovane sono occupate a contare ....le mazzette...delle analisi....

      il 5 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di Alessandro

    Alessandro Molto interessante, peccato che le analisi risalgono a circa 10 anni fa, il che non signi@#?*%$ che le aziende abbiano migliorato la produzione ma mi pare un pò fuorviante per il consumatore citare fonti così datate, da sempre l'idea di un'operazione un pò demagogica

    il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di Claudio Tedeschi

    Claudio Tedeschi no ca**o! pure i tarallucci...

    il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di XanaX

    XanaX Ma scusatemi che cosa @#?*%$ ce ne facciamo di test fatti negli anni tra il 2000 e il 2006??? Siamo nel 2013...se vi fosse sfuggito. Chissà cos'altro ci hanno cacciato dentro in questi 7 anni....

    il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di fantase

    fantase siete un po' di coccio. il nome del prodotto è nella seconda colonna, alla fine della riga

    il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di marco

    marco dove sono le marche, PEZZI DI @#?*%$.

    il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di groma

    groma Sarò un bue, ma i nomi delle marche dove sono?

    il 4 luglio del 2013
    • Avatar anonimo di cristina

      cristina devi cliccare sui titoli in blu..

      il 4 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di Stefano

    Stefano Ma sbaglio o c'è scritto "campione pulito" praticamente su tutti i prodotti? Dov'è la notizia?

    il 4 luglio del 2013
    • Avatar anonimo di giovane

      giovane difatti...tanto rumore per nulla....

      il 5 luglio del 2013
  • Avatar anonimo di Paolo

    Paolo Attivissimo? Credo non ci sia blogger più sbugiardato di lui in rete.

    il 4 luglio del 2013
Commenti meno recenti