Migranti, la resa di Aquarius: "Costretti a chiudere, stop ai salvataggi in mare"

Dopo mesi in porto a Marsiglia "senza riuscire a ottenere una bandiera" e "mentre uomini, donne e bambini continuano a morire in mare" Medici senza Frontiere e SOS Méditerranée comunicano la fine delle attività della nave Aquarius: "Scelta dolorosa"

Uno dei salvataggi della nave Aquarius - Foto MSF/SOS Mediterranee

Dopo due mesi in porto a Marsiglia "senza riuscire a ottenere una bandiera" e "mentre uomini, donne e bambini continuano a morire in mare" Medici senza Frontiere e SOS Méditerranée comunicano di essere costrette a chiudere le attività della nave Aquarius. "Una scelta dolorosa, ma purtroppo obbligata, che lascerà nel Mediterraneo più morti evitabili, senza alcun testimone" dicono le Ong.

"In un crescente clima di criminalizzazione dei migranti e di chi li aiuta, si perde di vista il principio stesso di umanità" dice Claudia Lodesani di MSF. "Finché le persone continueranno a morire in mare o a subire atroci sofferenze in Libia, cercheremo nuovi modi per fornire loro l’assistenza umanitaria e le cure mediche di cui hanno disperatamente bisogno".

Perché Aquarius cessa le attività

Negli ultimi due mesi la nave Aquarius è rimasta bloccata in porto, impossibilitata a portare avanti la propria azione umanitaria salvavita. È il risultato secondo le ong "della prolungata campagna avviata dal governo italiano e supportata da altri stati europei, per delegittimare, diffamare e ostacolare le organizzazioni umanitarie impegnate a soccorrere persone vulnerabili nel Mediterraneo. Insieme alle inadeguate e inumane politiche migratorie dell’Unione Europea, questa campagna contro le organizzazioni in mare sta minando il diritto internazionale e i principi umanitari. In mancanza di una soluzione immediata, MSF e SOS Méditerranée "non hanno altra scelta che porre fine alle operazioni della nave Aquarius".

"È un giorno buio" secondo Gabriele Eminente, direttore generale di MSF. “Non solo l’Europa ha fallito nel garantire la necessaria capacità di ricerca e soccorso, ma ha anche sabotato chi cercava di salvare vite umane. La fine di Aquarius vuol dire più morti in mare, più morti evitabili che avverranno senza alcun testimone".

Aquarius: "Accuse assurde e campagne diffamatorie"

Sono parole durissime quelle usate dalle ong: "Negli ultimi 18 mesi, gli attacchi degli Stati europei contro le attività umanitarie di soccorso hanno fatto ricorso a modalità in uso in alcuni dei paesi più repressivi al mondo. Nonostante operasse in piena collaborazione con le autorità, la Aquarius è stata privata due volte della propria bandiera e ha subito assurde accuse di svolgere attività criminali. Tra campagne diffamatorie e deliberate manovre contro il diritto internazionale, le persone soccorse si sono viste negare l’accesso a porti sicuri, rifiutare assistenza da altre navi e sono state abbandonate in mare per giorni o settimane.

La fine forzata delle attività della Aquarius avviene in un momento critico. Almeno 2.133 persone sono morte nel Mediterraneo quest’anno, la stragrande maggioranza era partita dalla Libia. Gli stati membri dell’Europa hanno alimentato terribili sofferenze consentendo alla guardia costiera libica di intercettare più di 14.000 persone in mare e riportarle forzatamente in Libia, in aperta violazione del diritto internazionale. Ma nel 2015, l’Europa aveva preso un impegno al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite: nessuna persona soccorsa in mare sarebbe stata costretta a tornare in Libia.

Aquarius, la Francia chiude i porti e anche l'Ue si sfila: "Non è una nave europea"

30mila persone assistite in due anni e mezzo

"Oggi l’Europa supporta direttamente i rimpatri forzati, mentre celebra presunti successi sulla migrazione” aggiunge Claudia Lodesani, presidente di MSF. “Dobbiamo essere chiari su cosa significano questi successi: mancanza di assistenza salvavita in mare, bambini, donne e uomini respinti nell’incubo della detenzione arbitraria in Libia senza alcuna concreta speranza di poter fuggire, la creazione di un clima che scoraggia qualunque nave dal rispondere all’obbligo di salvare vite in pericolo.”

Dall’inizio delle proprie attività di ricerca e soccorso in mare nel febbraio 2016, la Aquarius ha assistito circa 30.000 persone nelle acque internazionali tra Libia, Italia e Malta. L’ultimo periodo di operazioni attive è terminato il 4 ottobre 2018, quando la nave è arrivata al porto di Marsiglia dopo aver soccorso 58 persone. Con le precedenti navi umanitarie, Bourbon Argos, Dignity, Prudence e Phoenix, MSF ha soccorso o assistito oltre 80.000 persone dal 2015. Nonostante i recenti sforzi di altre organizzazioni, oggi non pare esserci secondo molti osservatori un’adeguata capacità di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale.

 

Nel momento di maggior sforzo delle Ong tra il 2016 e il 2017, secondo i dati di Open Migration, le navi "umanitarie" nel Medieterraneo erano 13 e coprivano circa il 40% dei salvataggi in mare, potendo contare anche su due aerei da ricognizione. Ora non ce n'è più nessuna. La campagna contro il lavoro delle Ong portata avanti da più parti ha evidentemente raggiunto il suo obiettivo. Da quando si è insediato al Viminale il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha tenuto una linea dura, annunciando a più riprese che "i porti italiani li avrebbero visti solo in cartolina". Il lungo viaggio della nave Aquarius fino a Valencia ha segnato un prima e un dopo.

Aquarius a Valencia, il lungo viaggio è finito: per tutti un permesso temporaneo

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (13)

  • Aiutateli in Africa ora!

  • era l'ora..

  • Siete proprio persone di m.e.r.d.a.

    • .... povero coglioncello straniero, solo soletto con la sua immondizia nel cranio...

  • Che tristezza... neanche dovessero andare a lavorare in fabbrica, tutti i figli di papà....

  • SAREBBE ORA fine dei soldi italico e altri .Andate a lavorare ,ma lavori ONESTI!!!!!!

  • e adesso al gabbio il comandante con la sua ciurma perché dietro questo stop qualcosa di losco c'è.

  • se li riportavate da dove venivano eravate ancora attivi,

  • Andatevene a fankulo ....salvate sto pesce mo'

  • evidentemente il traffico non era più remunerativo...

  • Se non partono le navi, i migranti come fanno a morire in mare?!? Fine dello schiavismo.

  • avete finito di traf@#?*%$re essere umani

  • Fine del business di Soros e del Vaticano sulla pelle altrui e sul portafoglio nostro. Mica si deve essere leghisti per capirlo.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il traforo del Gran Sasso chiude "a tempo indeterminato"

  • Cronaca

    Siri, gli Arata, la Lega e gli affari dell'eolico: quello che sappiamo dell'inchiesta per corruzione

  • Attualità

    Importo Rdc, in ospedale per stress l'operatrice della pagina Facebook Inps per la famiglia

  • Economia

    Pensione di cittadinanza, doppia beffa: cosa dice lo studio della Uil

I più letti della settimana

  • Reddito di cittadinanza, fioccano le "lamentele" per l'importo dell'assegno

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi giovedì 18 aprile 2019

  • Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi martedì 16 aprile 2019

  • Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi sabato 13 aprile 2019

Torna su
Today è in caricamento