Troppi migranti e l'Italia si blinda: tornano i controlli al confine

Dopo il ripristino dei controlli alla frontiera tra Danimarca e Svezia, anche il Viminale interviene. Il Corriere della Sera annuncia che è già stato predisposto un piano per il pattugliamento dei valichi terrestri e ferroviari con la Slovenia. Schengen è sempre più a rischio

Migranti in Slovenia (Infophoto)

Anche l'Italia sarebbe pronta a ripristinare i controlli alla frontiera con la Slovenia. E' quanto rivela Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera, motivando la decisione dell'Italia a "fronte di un aumento dei flussi causato dalla chiusura delle proprie 'porte' già comunicata da numerosi governi".

Pattuglie di polizia saranno schierate al confine e verrà verificata la regolarità dei documenti di tutti colori che attraversarno i valichi terrestri e ferroviari, afferma il quotidiano di via Solferino. E' questo "l'ultimo passo per la certificazione del fallimento definitivo del trattato di Schengen", anche se "in realtà l'accordo tra gli Stati dell'Unione Europea è già saltato da tempo", chiosa la Sarzanini. 

Dopo Svezia e Danimarca, e tenendo conto della "stato di emergenza" dichiarato dalla Francia in seguito agli attentati di Parigi, 

"Di fronte a una ulteriore impennata degli ingressi l’Italia sarebbe costretta ad adeguarsi perché, viene sottolineato al ministero dell’Interno 'alla fine rischiamo di dover pagare le conseguenze più gravi. Molti altri Stati non registrano tutti gli stranieri che arrivano, ma noi siamo gli unici ad essere stati sottoposti a procedura di infrazione'"

Come rivela il Corriere, la direzione Immigrazione della polizia avrebbe disposto un piano di intervento già consegnato al ministro Alfano, in cui si prevede "il ripristino dei controlli ai valichi terrestri e ferroviari con la Slovenia, lasciando invece libera la circolazione per quanto riguarda il traffico aereo". Si tratta di una "misura straordinaria", chiariscono al Viminale, che però diventerà "operativa" nel caso in cui dovessero aumentare gli ingressi e "soprattutto continuare a mancare quel clima di collaborazione che era stato invece promesso nel corso dell'estate".

Le tensioni nascono soprattutto dai numeri bassi della "redistribuzione", dopo l'accordo siglato a settembre secondo cui Italia e Grecia avrebbero avuto la possibilità di far partire 40mila migranti in due anni. I ricollocamente prevedevano 80 partenze al giorno ma in tre mesi sono soltanto 150 le persone che hanno lasciato l'Italia. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (25)

  • sta endrando il virus della confusione attenti

  • rispedizione al mittente te gapio ?

  • sarebbe il momento di ripristinare i feudi e di riconoscere umberto I re d'italia...noi vogliamo il ripristino del regno delle due sicilie e padania libera!

    • Mi chiedo come farai ad "accoglierli" tutti. Ad esempio il migliaio di ara.bi che a Colonia hanno "delicatamente" offerto le loro attenzioni al centinaio di donne teutoniche, le quali hanno addirittura sporto denuncia e non solo a Colonia. Rimango basito, perché tutti conosciamo bene quanto sia profondo e radicato nella loro, cultura, il rispetto per il gentil sesso. Infatti non ci credo, penso siano notizie false, perché sarebbe uno smacco per tutti quelli come te, che invece si offrono così volentieri quali "surrogati" dell'accoglienza.... Sia ben chiaro, ognuno con il "suo" è libero, anzi liberissimo di fare ciò che vuole, ma stanno diventando tanti da " accogliere"

      • i muri e le barriere non hanno mai fermato nessuno in ogni epoca...ti rigiro la domanda: come fai a fermarli tutti?

        • ti do 2 in storia

  • tardi, troppo tardi, se ripristinano i controlli alle frontiere vuol dire che dall'Italia non esce più nessuno, quindi dobbiamo tenerci tutta sta marmanaglia, a Colonia il 31 gennaio ci sono stati oltre 100 stupri in pieno centro, si stima che siano molti di più, perchè non denunciati, meditate gente, meditate e ringraziate la boldrinetta& compani

    • Non faranno nulla... Blaterano a vuoto, non gliene può fregar di meno del degenerare della situazione che hanno fortemente voluto. I fatti di Colonia da noi saranno oscurati, i media non ne parleranno. Solo il sangue potrebbe far emergere il problema, per due/tre giorni e poi tutto a tacere. Quando il disordine sociale sarà una realtà catastro@#?*%$ se ne andranno tutti... nei Paesi che già custodiscono i loro tesoretti!

  • Eh no!!! no pol sto governo adeso dir sta roba dopo che ga fato de tuto per arrivar a ste condizioni, ma che discorsi se questi...ripristinar i controlli??!! ma se fin a ieri i diseva che no i ga paura della accoglienza e che tuti quei che la pensava differentemente iera fascista!!! se uno spot pre-elettorale?