homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcameravideo-camerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companies

Troppi migranti e l'Italia si blinda: tornano i controlli al confine

Dopo il ripristino dei controlli alla frontiera tra Danimarca e Svezia, anche il Viminale interviene. Il Corriere della Sera annuncia che è già stato predisposto un piano per il pattugliamento dei valichi terrestri e ferroviari con la Slovenia. Schengen è sempre più a rischio

Migranti in Slovenia (Infophoto)

Anche l'Italia sarebbe pronta a ripristinare i controlli alla frontiera con la Slovenia. E' quanto rivela Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera, motivando la decisione dell'Italia a "fronte di un aumento dei flussi causato dalla chiusura delle proprie 'porte' già comunicata da numerosi governi".

Pattuglie di polizia saranno schierate al confine e verrà verificata la regolarità dei documenti di tutti colori che attraversarno i valichi terrestri e ferroviari, afferma il quotidiano di via Solferino. E' questo "l'ultimo passo per la certificazione del fallimento definitivo del trattato di Schengen", anche se "in realtà l'accordo tra gli Stati dell'Unione Europea è già saltato da tempo", chiosa la Sarzanini. 

Dopo Svezia e Danimarca, e tenendo conto della "stato di emergenza" dichiarato dalla Francia in seguito agli attentati di Parigi, 

"Di fronte a una ulteriore impennata degli ingressi l’Italia sarebbe costretta ad adeguarsi perché, viene sottolineato al ministero dell’Interno 'alla fine rischiamo di dover pagare le conseguenze più gravi. Molti altri Stati non registrano tutti gli stranieri che arrivano, ma noi siamo gli unici ad essere stati sottoposti a procedura di infrazione'"

Come rivela il Corriere, la direzione Immigrazione della polizia avrebbe disposto un piano di intervento già consegnato al ministro Alfano, in cui si prevede "il ripristino dei controlli ai valichi terrestri e ferroviari con la Slovenia, lasciando invece libera la circolazione per quanto riguarda il traffico aereo". Si tratta di una "misura straordinaria", chiariscono al Viminale, che però diventerà "operativa" nel caso in cui dovessero aumentare gli ingressi e "soprattutto continuare a mancare quel clima di collaborazione che era stato invece promesso nel corso dell'estate".

Le tensioni nascono soprattutto dai numeri bassi della "redistribuzione", dopo l'accordo siglato a settembre secondo cui Italia e Grecia avrebbero avuto la possibilità di far partire 40mila migranti in due anni. I ricollocamente prevedevano 80 partenze al giorno ma in tre mesi sono soltanto 150 le persone che hanno lasciato l'Italia. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (25)

  • sta endrando il virus della confusione attenti

  • rispedizione al mittente te gapio ?

  • sarebbe il momento di ripristinare i feudi e di riconoscere umberto I re d'italia...noi vogliamo il ripristino del regno delle due sicilie e padania libera!

    • Mi chiedo come farai ad "accoglierli" tutti. Ad esempio il migliaio di ara.bi che a Colonia hanno "delicatamente" offerto le loro attenzioni al centinaio di donne teutoniche, le quali hanno addirittura sporto denuncia e non solo a Colonia. Rimango basito, perché tutti conosciamo bene quanto sia profondo e radicato nella loro, cultura, il rispetto per il gentil sesso. Infatti non ci credo, penso siano notizie false, perché sarebbe uno smacco per tutti quelli come te, che invece si offrono così volentieri quali "surrogati" dell'accoglienza.... Sia ben chiaro, ognuno con il "suo" è libero, anzi liberissimo di fare ciò che vuole, ma stanno diventando tanti da " accogliere"

      • i muri e le barriere non hanno mai fermato nessuno in ogni epoca...ti rigiro la domanda: come fai a fermarli tutti?

        • ti do 2 in storia

  • tardi, troppo tardi, se ripristinano i controlli alle frontiere vuol dire che dall'Italia non esce più nessuno, quindi dobbiamo tenerci tutta sta marmanaglia, a Colonia il 31 gennaio ci sono stati oltre 100 stupri in pieno centro, si stima che siano molti di più, perchè non denunciati, meditate gente, meditate e ringraziate la boldrinetta& compani

    • Non faranno nulla... Blaterano a vuoto, non gliene può fregar di meno del degenerare della situazione che hanno fortemente voluto. I fatti di Colonia da noi saranno oscurati, i media non ne parleranno. Solo il sangue potrebbe far emergere il problema, per due/tre giorni e poi tutto a tacere. Quando il disordine sociale sarà una realtà catastro@#?*%$ se ne andranno tutti... nei Paesi che già custodiscono i loro tesoretti!

  • Eh no!!! no pol sto governo adeso dir sta roba dopo che ga fato de tuto per arrivar a ste condizioni, ma che discorsi se questi...ripristinar i controlli??!! ma se fin a ieri i diseva che no i ga paura della accoglienza e che tuti quei che la pensava differentemente iera fascista!!! se uno spot pre-elettorale? no i me dirà miga che qulchedun ghe credi a sti paiazi?"!?! ahh adeso i ne disi che i se la aspetava che tanti governi "chiuseva le porte"??? ma dai ma no so se me fe più rider o nervoso dopo che gavè rovinà sto paese e tutta l'europa ma aandè a cag...tutti, vergogneve!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! me fe schifo!!!!!!!!!!!!!!!!

    • ma perche' tu credi veramente a quello che ti dicono i politici?

  • alla fine ci sono arrivati...era ora, meglio tardi che mai! Non serviva a nessuno, faceva danni a tutti. E non credo sia finita così facilmente...

  • grandissimo errore togliere la rete a suo tempo, il governo ne ha colpa al 100%, aderire a Schengen e' stata una vera follia, ora ci ritroviamo sommersi da personaggi vari che vagano come zombie e come dice l'utente di cui sotto Gorizia e Trieste sono in una condizione inimmaginabile da chi non vive in zona. Il governo e' colpevole, da notare che a tutt'ora non ha ancora VIETATO l'attracco a lampedusa delle varie navi di varie nazionalita' che stazionano nelle acque libiche per portare in Italia migliaia di clandestini alla SETTIMANA, questo flusso (anche se alla tv non dicono piu' nulla) continua in silenzio, con la complicita' del governo e sopratutto del PD di Renzi, il quale dovrebbe usare il pugno DURO e vietare questo traghettare di clandestini quotidiano all'Italia. E' uno schifo.

  • Avatar di Rod
    Rod

    Abitando a Gorizia e quindi al confine con la Slovenia, vi posso dire che la situazione in città è insostenibile, degrado, criminalità ed insicurezza, la fanno da padrone. Oramai la città è di proprietà degli afghani e pakistani che girano a vuoto chiedendo qualche spiccio ed importunando le rare ragazze che si avventurano in giro da sole . Il confine è un colabrodo essendo presidiati solo saltuariamente i valichi principali e mai le strade di campagne dove passano i predoni dell'est per portare la refurtiva italiana in Ucraina o Romania; ora quelle strade vengono anche percorse in senso opposto dagli afgani e pachistani respinti dalla Germania o in arrivo direttamente dalla Grecia. Si è già sparsa la voce che in Germania vengono accolti solamente i siriani e quindi queste persone arrivano direttamente qua in Friuli dove sanno benissimo che i rimpatri dall'Italia non verranno mai portati a termine.

    • Abitando a Gorizia e quindi al confine con la Slovenia, vi posso dire che la situazione in città è insostenibile, degrado, criminalità ed insicurezza, la fanno da padrone. Oramai la città è di proprietà degli afghani e pakistani che girano a vuoto chiedendo qualche spiccio ed importunando le rare ragazze che si avventurano in giro da sole . Il confine è un colabrodo essendo presidiati solo saltuariamente i valichi principali e mai le strade di campagne dove passano i predoni dell'est per portare la refurtiva italiana in Ucraina o Romania; ora quelle strade vengono anche percorse in senso opposto dagli afgani e pachistani respinti dalla Germania o in arrivo direttamente dalla Grecia. Si è già sparsa la voce che in Germania vengono accolti solamente i siriani e quindi queste persone arrivano direttamente qua in Friuli dove sanno benissimo che i rimpatri dall'Italia non verranno mai portati a termine.

      • Finalmente qualcuno che dice le cose come stanno. Di questo passo ci stanno portando dritto all'inferno in casa nostra, e non solo nelle zone di confine. Mi chiedo come facciano quei cerebro lesi dirigenti, di certi partiti, a non capire che stanno facendo il gioco delle frange più estreme. Alle prossime elezioni potrebbe essere un bagno di sangue per le formazioni di sx. Invece questi stolti continuano a guardare solo i propri interessi di giornata, senza vedere oltre la punta del loro seppur lunghissimo naso.

        • ..prossime elezioni?

  • Ottima notizia. Quelli che non scappano dalla guerra (secondo Eurostat l'84% degli sbarcati nel 2014) ma fuggono perchè sono alla ricerca di una vita migliore, vanno reimpatriati o respinti. L'Italia non è in condizioni di farsi carico di chi va alla ricerca di "una vita migliore", dato che non è in grado di garantire lavoro e pensione e dignità nemmeno ai suoi figli.

    • Giusto, di una logica che non fa una piega. Ma al governo, guarda caso, si fa l'esatto contrario. Per opportunismo, che si rivelerà un boomerang, l'Italia si sta avviando verso il nuovo medio evo. Se l'Europa, troppo tardi comunque, aziona i freni, noi faremo infiniti dibattivi televisivi e tante chiacchiere del nulla. Cioè non credo alla notizia delle frontiere controllate. Per ora se ne parla... e continueranno a dire che "se ne deve fare carico l'Europa", che non siamo aiutati, ecc. ecc. E giù chiacchiere e zero fatti.

Notizie di oggi

  • Mondo

    Francia, musulmani in Chiesa e cattolici in moschea per onorare padre Jacques

  • Mondo

    Rouen, la comunità musulmana rifiuta la sepoltura del killer di padre Jacques

  • Mondo

    Stati Uniti, sparatoria durante una festa tra liceali: è una strage

  • Cronaca

    Esodo, ore da "bollino rosso": traffico in tilt in tutta Italia

I più letti della settimana

  • Non supera l’esame di guida, viene pestata a sangue dal marito

  • Addio al piccolo Guglielmo, morto dopo una lunga battaglia contro il cancro

  • Paura a Roma, scontro fra tram e trenino a Porta Maggiore

  • L'incubo terrorismo in Italia, due arresti: sul telefonino immagini di combattenti Isis

  • Brescia, morto Pietro Wührer: il suo nome è un marchio noto in tutto il mondo

  • Attacco a chiesa in Francia, nuove minacce sui social: "Ora tocca a Roma"

Torna su
Today è in caricamento