"Migranti, meno sbarchi ma più morti in mare e internati in Libia": dure accuse di Amnesty

Amnesty International contro Italia, Malta ed Europa, "colluse con i libici". Le vite dei migranti sono usate come "moneta di scambio". E le Ong "vengono criminalizzate"

Dure accuse sul fronte migranti da Amnesty International contro Italia, Malta ed Europa, "colluse con i libici". E le vite dei migranti vengono usate come "moneta di scambio".

Si intitola 'Tra il diavolo e il mare blu profondo. I fallimenti dell'Europa su rifugiati e migranti nel Mediterraneo centrale' un nuovo rapporto di 27 pagine in cui l'organizzazione internazionale che lotta contro le ingiustizie e in difesa dei diritti umani nel mondo sostiene che soltanto nei primi due mesi dell'estate 2018,  giugno e luglio, siano morte più di 721 persone in mare, mette in evidenza le nuove politiche italiane che hanno lasciato le persone bloccate in mare per giorni. I paesi dell'Ue ormai lascianoche i migranti, in Libia, vengano torturati e abusati secondo Amnesty.

Amnesty: "Numero di morti in mare è salito"

"Nonostante il calo del numero di persone che cerca di attraversare il Mediterraneo negli ultimi mesi, il numero dei morti in mare è salito. La responsabilità per il numero crescente di vittime ricade sui governi europei che sono più preoccupati di tenere le persone fuori piuttosto che salvare vite umane", dice Matteo de Bellis, ricercatore di Amnesty esperto di asilo e migrazione. "Le politiche europee hanno autorizzato la Guardia costiera libica a intercettare le persone in mare, tolto la priorità ai salvataggi e ostacolato il lavoro vitale delle Ong di salvataggio. Il recente aumento di le morti in mare non è solo una tragedia: è una vergogna".

Raddoppiano intanto, dai 4.400 di marzo ai 10.000 di fine luglio (compresi 2.000 fra donne e bambini), le persone rinchiusa nei centri libici, dove secondo alcune voci critiche non sono garantiti i basilari diritti umani. "Virtualmente - commenta Amnesty - sono tutte persone intercettate in mare e riportate in Libia dalla Guardia costiera libica che è equipaggiata, addestrata e supportata da governi europei". Quindi secondo l'Ong, "i governi europei sono collusi con le autorità libiche per contenere in Libia i rifugiati e i migranti, a dispetto degli orribili abusi che rischiano per mano della Guardia costiera libica e nei centri di detenzione in Libia. I piani di espandere questa politica di esternalizzazione nella regione sono profondamente preoccupanti", afferma de Bellis.

Lo scontro Italia-Ong

Nel 2017 i governi europei non sono riusciti a raggiungere un accordo su riforme cruciali sull'immigrazione e per il sistema di Dublino, che avrebbero potuto aiutare a evitare qualsiasi controversia sullo sbarco in Europa di chi viene salvato nel Mediterraneo. "In risposta a ciò, l'Italia ha cominciato a negare l'ingresso nei suoi porti alle navi che trasportavano persone salvate". Questa nuova politica si rivolge alle navi delle Ong, alle navi mercantili e persino alle navi della marina straniera. Ritardi non necessari nello sbarco costringono quindi le persone che necessitano di assistenza urgente - compresi i feriti, le donne incinte, i sopravvissuti alla tortura, le persone traumatizzate da naufragi e minori non accompagnati - a rimanere in mare per diversi giorni.

"Nel suo insensibile rifiuto di permettere ai rifugiati e ai migranti di sbarcare nei suoi porti, l'Italia sta usando vite umane come merce di contrattazione. Le persone disperate sono state lasciate bloccate in mare con insufficiente cibo, acqua e riparo, mentre l'Italia cerca di aumentare la pressione politica per condivisione della responsabilità in altri stati europei", sostiene ancora Matteo de Bellis. "Inoltre, le autorità italiane e maltesi hanno denigrato, intimidito e criminalizzato le Ong che cercano di salvare vite in mare, rifiutando alle loro barche il permesso di sbarcare e le ha anche confiscate".

"Salvataggio in mare è priorità"

"L'Italia e gli stati e le istituzioni europei devono agire con urgenza per dare la priorità al salvataggio in mare, e assicurare che i soccorsi siano sbarcati tempestivamente in paesi in cui non lo saranno esposti a gravi abusi e dove possono chiedere asilo". Il rapporto dà ampio spazio ad alcuni casi recenti in cui sono state violate le leggi internazionali segnalati. Ad esempio l'incidente idi metà luglio, quando l'Ong Proactiva ha trovato una donna ancora viva e due corpi su un relitto che affondava dopo l'intervento della Guardia costiera libica e il respingimento verso la Libia di 101 persone dalla nave commerciale italiana Asso Ventotto il 30 luglio. "Questi gravi incidenti devono essere tempestivamente e adeguatamente investigati", conclude de Bellis.

Migranti, Spagna contro l'Italia: "Politica di Salvini è brutale"

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (13)

  • amnesy international. mai sentito dire mezza parola contro cuba, venezuela, corea del nord, nonchè i vari regimi simil bokassa d'africa.

  • Benvenuto su Torino today...

    • ... era in risposta ai commenti che spariscono... ci girino intorno quanto vogliono, la malafede la dimostrano a priori imponendo agli altri quello che non vogliono-si faccia un bel referendum sul l'abolizione delle ong o sull'accoglienza dei migranti e ci togliamo il pensiero...

      • Hai ragione riguardo alla malafede. Il problema dell'informazione corretta resta, però; ed un referendum senza quella, al di là della validità pratica di una tale iniziativa, non sarebbe corretto. Prima di esprimersi, la cittadinanza dovrebbe sapere di cosa si stia REALMENTE parlando.

        • Vero anche quello, effettivamente...

  • Li eliminate, i miei commenti, vedo... cosa c'è, la verità fa male anche a voi, oltre che ad Amnesty International o all'UNHCR?

  • Brava Amneesty! porta assiemee alle ONG i migranti nei paesi che vi passano i fondi per gestirli e mettili nelle case dei radical chic ch detraggono le loro donazioni dalle tasse.Noi in Italia ne abbiamo accolti 600000,con fondi pagati dalle tasse degli Italiani, soldi che mandiamo alla EU.Chi fa partire questi poveretti e´´ il criminale responsabile delle loro morti!

  • Il multiculturalismo e´´ sempre fallito.Anche in USA continuano ancora i conflitti tra bianchi e neri, un problema in realta´´ mai risolto.Ci si chiede come mai dopo piu di duecento anni in ogni citta statunitense c e´´ il ghetto dei neri,pur felicitandoci per alcuni di loro che soprattutto nel mondo dello sport e spettacolo,in cui eccellono,nella loro integrazione.Ma in America ci sono delle regole ferree:chi non osserva la legge viene puito , chi non ha voglia di lavorare viene estromesso dalla societa´´ , and no welfare! Siamo veramente in condizione in Europa di gestire enormi flussi di masse di gioventu a basso lvello di scolarizzazione, non in condizione di lavorare con una giusta retribuzione, o li diamo vergognosamente in mano al caporalato!Il resto di Europa si e´´svegliato.Questo nuovo governo ha cominciato. e bene. Lasciamoli lavorare!

  • forse e' la volta buona che i "poverini" che scappano da "guerre e fame" (ma chissa perche' tutti belli cicciottelli ed in forze..) si fan passare la voglia di partire da CLANDESTINI. Forse l'idea di venir incarcerati in Libia li fan desistere.. Se proprio vogliono partire, scelta loro, che mettessero in conto di venir presi dai libici o morire in mare, la scelta e' loro.

    • finalmente qualcuno che parla chiaro e senza ipocrisie!

  • le ONG pensano solo a fare soldi, noi eventuali salvataggi li facciamo nelle nostre acque territoriali

    • esatto

  • Tanti bei discorsi da entrambi le parti ma le cose secondo mè nulla cambierà non c'è riuscito nemmeno il duce lo hanno fatto fuori ,mio padre mi disse che furono le mafie di allora con una storia millenaria alle spalle, prima si chiamavano nobili cioè Conti;vassalli ,ecc, tramite i cosidetti partigiani?!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Genova, si scava ancora alla ricerca di dispersi. Autostrade: "Dobbiamo risposte"

  • Cronaca

    Crollo Ponte Morandi, oggi l'addio ad Alberto e Marta nella chiesa dove volevano sposarsi

  • Cronaca

    Forti scosse di terremoto in Molise avvertite in tutto il Sud: non ci sono danni significativi

  • Cronaca

    Terrorismo, due espulsi per motivi di sicurezza: "Radicalizzati"

I più letti della settimana

  • Maria De Filippi svela il lavoro del figlio Gabriele, poi la dedica: "Un senso di appartenenza reciproco"

  • Ferragosto con l'allerta meteo: le previsioni per le prossime ore

  • Temptation, Martina e Andrew fanno sul serio: arriva la dichiarazione 'social'

  • Crollo Genova, i nomi delle vittime

  • Pensioni, c'è solo Quota 100 (con paletti) all'orizzonte: "addio" a Quota 41 o 42

  • Crolla un ponte dell'autostrada a Genova: "Decine di morti, anche un bimbo"

Torna su
Today è in caricamento