Dieci ragazze derubano un turista in metro, nove di loro erano incinte

Boom di borseggi in metro a Milano in occasione del salone del mobile. Un designer cinese si è visto accerchiato da ben dieci ragazzine

Immagine d'archivio

"Boom" di borseggi in metropolitana a Milano in occasione del Salone del Mobile: i turisti e i visitatori della fiera diventano "prede" favorevoli per i malviventi specialisti di questa tecnica. La polizia ha arrestato due borseggiatrici nella mattinata del 4 aprile, praticamente in contemporanea; ma il dettaglio più interessante, racconta MilanoTodau è che in uno dei due episodi ad agire sono state addirittura in dieci.

Una vera e propria "task force" quella sorpresa alla fermata del metrò di Buonarroti (M1) alle dieci e quaranta di mattina del 4. Le dieci donne, che hanno quasi tutte dichiarato lo stato di gravidanza, avevano letteralmente "accerchiato" un cittadino cinese, di professione designer, che si stava recando al Salone del Mobile a Rho-Fiera. Una di loro gli aveva sfilato il portafogli. Agenti della Polmetro hanno visto tutto e si sono messi all'inseguimento delle ladre, bloccandole tutte.

L'autrice materiale è stata poi arrestata: è una bosniaca del 1991, domiciliata in via Bolla, con molti precedenti specifici. Le complici sono state indagate per concorso in furto. Alcune risiedono nel campo nomadi del Cimitero Maggiore (una 29enne e una 28enne), altre nel campo nomadi di Baranzate (una 25enne, una 36enne e una 13enne, l'unica non indagata e non in stato di gravidanza), altre ancora in case private: oltre all'arrestata anche una 34enne, una 21enne ed una 39enne. 

La 21enne - che è al nono mese di gravidanza - è stata trasportata alla Mangiagalli per un malore. La refurtiva (portafoglio con documenti, carte e bancomat oltre a pochi contanti) è stata restituita al professionista.

Continua a leggere su MilanoToday

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • Diventa difficile non definirsi razzisti. Siamo tutti figli dello stesso Dio ma troppo spesso ce ne dimentichiamo......

  • Queste scopano per non andare in galera. Le mettiamo in galera e le facciamo @#?*%$ tutte le superfici scopabili del carcere per 3/4 anni almeno. Non rubano più e non mettono più al mondo altre piccole ladre/i

  • queste SCROFE hanno uno strano concetto dell'essere madre, la gravidanza viene da sempre usata (da loro) come una sorta di "stato di grazia" per poter borseggiare a destra e manca. Il problema e' evidente da anni. Possiamo fare 2 cose, o ignoriamo il problema, come abbiamo sempre fatto, ed andiamo avanti a farci prendere per il cu lo da queste SCROFE , o facciamo in modo di cancellare questo "stato di grazia" , modi@#?*%$ndo le leggi, alle SCROFE .

  • Domani, forse anche oggi, queste signorine sono di nuovo al lavoro. Conoscono bene le leggi italiche per cui sono sempre incinte, anche se minorenni.

  • chi può si salvi..... andando all'estero ovviamente......... che fra pochi anni saremo di fatto un paese da terzo mondo.....

  • paese di idioti........

    • Invece sei piu intelligente tu che scappi giusto?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Altri 4mila arrivi sulle coste italiane, ma l'Ue avverte: "Non chiudete i porti ai migranti"

  • Cronaca

    Migranti, ora l'Italia lancia l'Sos: "Il limite della sostenibilità è stato raggiunto"

  • Citta

    "Sì, ho scritto io quello striscione contro i migranti". Il grido di rabbia di una mamma sola

  • Cronaca

    Bomba sul Vaticano: il cardinale Pell accusato di gravi reati sessuali su minori

I più letti della settimana

  • Saldi estivi 2017, tutte le date regione per regione: il calendario completo

  • Alluvione lampo nel Vicentino: una frana e due autobus bloccati

  • Investe e uccide una donna in scooter: fermato l'attore Domenico Diele

  • Frontale in galleria sulla Salerno-Reggio Calabria: quattro morti, tra cui un bambino

  • Inchiesta Consip, Sciarelli e Woodcock indagati dalla procura di Roma

  • Totò Riina, sospeso il processo: "Accertare il suo stato di salute"

Torna su
Today è in caricamento