Minacce su Facebook al figlio di Poletti: l'autore sarebbe un pensionato di 65 anni

Dalle perquisizioni è emerso che il profilo usato per pubblicare posti miniatori e diffamatori è in uso al pensionato, residente a Milano

Un pensionato di 65 anni, residente a Milano, sarebbe il presunto autore delle minacce e diffamazioni pubblicate su Facebook nei confronti di Manuel Poletti, figlio del ministro del Lavoro Giuliano. Nell’ambito delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Forlì (pm Lucia Spirito), i Carabinieri del Nucleo Investigativo  di Ravenna, affiancati dai carabinieri di Milano, hanno eseguito la perquisizione nell’abitazione dell'uomo, che è stato denunciato per il reato di minacce e diffamazione.

Secondo fonti investigative, la perquisizione ha dato esito positivo, in quanto il profilo Facebook usato per pubblicare i post minatori e diffamatori sarebbe in uso al soggetto indagato e sono stati sequestrati tutti i dispositivi informatici rinvenuti nell’abitazione. La copia dei dati informatici e la conseguente analisi dei dati verrà effettuata dalla sezione informatica dei Carabinieri di Milano. Intanto Poletti si trova sotto una discreta, ma molto attenta, protezione da parte delle forze dell'ordine di Faenza, Ravenna e Cesena, per tutelare la sua dimora e i luoghi in cui lavora.

Dopo le dichiarazioni del ministro Poletti,