Valeria, uccisa dalla chemioterapia a 33 anni: "Assassinio in piena regola"

Fanno venire i brividi le 277 pagine di motivazioni della sentenza che condanna medici e infermieri del Policlinico di Palermo: "Gli imputati hanno pensato solo a negare le responsabilità, incolpandosi a vicenda"

La prescrizione killer (immagine da LiveSicilia)

Valeria Lembo aveva 33 anni e una figlia di sette mesi: morì al Policlinico di Palermo per una dose di farmaci chemioterapici dieci volte superiore alla prescrizione.

Il giudice Claudia Rosini nelle motivazioni della sentenza che condanna medici e infermieri del reparto di Oncologia parla di "un assassinio", "la più grave colpa medica mai commessa al mondo". Valeria venne trattata con una dose letale (90 milligrammi invece di 9) del chemioterapico vinblastina utilizzato abitualmente per curare il morbo di Hodgkin, un linfoma considerato guaribile nell'80 per cento dei casi.

Fanno venire i brividi le 277 pagine di motivazioni della sentenza: "L'utilizzo del termine assassinio non è casuale - scrive il giudice - perché di questo si è trattato, avendo gli imputati cooperato a cagionare la morte di una paziente per avvelenamento somministrandole una dose di vinblastina dieci volte superiore a quello dovuto". La donna morì il 29 dicembre del 2011 dopo una straziante agonia durata più di tre settimane. 

"Solo un ricambio completo del sangue, subito, avrebbe potuto - nota il giudice - dare una speranza alla paziente. Invece, per ben cinque giorni quell'errore venne mascherato come una gastrite post chemio" e il medico specializzando, che "scriveva sotto dettatura e non aveva idea di cosa fosse la vinblastina, cancellò lo zero in più" dalla cartella clinica, invece di ammettere l'errore e cercare una soluzione.

L'oncologa è stata condannata a 7 anni e nella sentenza viene descritta come "una copiatrice di dati, scelta dal primario (condannato a 4 anni e mezzo, ndr) perchè sempre presente. Una dottoressa che aspettava indicazioni del sovradosaggio da un'infermiera". L'organizzazione dell'intero reparto era "affidata al caso", scrive il giudice Claudia Rosini. Gli imputati avrebbero solo pensato "a negare qualsiasi assunzione di responsabilità, incolpandosi a vicenda".

La notizia su PalermoToday

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (7)

  • E' evidente che la sanità ha cambiato pelle e faccia, e anche lì in cima alla scala dei valori non c'è più il rispetto e la cura per il malato "come una volta" ma solo il denaro. Sarà per altri motivi ma ieri in ambulatorio c'ero solo io, forse è cambiata un epoca...

  • schifosi non vi auguro la stessa fine perche' non sono come voi

  • Povera donna e poveri noi, in che mani siamo...

  • Meno male che capita ancora di trovare qualche Magistrato serio e Coscienzioso, che parla con chiarezza.

  • Mi dispiace per la giovane Valeria.Mi chiedo come possano succedere queste cose e come un medico oncologo possa prescrivere 90 milligrammi di vinblatina e come uno studente specializzando che pratica un reparto di oncologia non sappia nemmeno cos'è , ? A distanza di anni , io quel nome non l'ho mai dimenticato!

    • La cosa GRAVE è lasciare gli specializzandi da soli senza alcun tutor che lo segua e che sopratutto sopravvisioni ciò che fa!!!

      • Hai ragione Frank, però queste cose non si dovrebbero prendere alla leggera.

Notizie di oggi

  • Economia

    "No al lavoro nei giorni di festa", ma lo sciopero del 25 aprile non ferma la spesa

  • Economia

    Italiani schiavi del lavoro? Ora abbiamo anche i sensi di colpa per ferie e permessi

  • Cronaca

    Alfie, il giudice dell'Alta Corte dice no al trasferimento in Italia

  • Cronaca

    Omicidio Lidia Macchi, ergastolo per Stefano Binda: la sentenza 31 anni dopo il delitto

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2018, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Grande Fratello story, tutti i vincitori del reality show

  • Lotto, puntata folle (da 50 euro): giocatore fa terno e sbanca

  • In pensione a 61 anni e 7 mesi, il tempo sta per scadere: chi ha diritto al beneficio

  • "Tensioni con Barbara d'Urso", Ilary Blasi risponde in diretta

  • "Cerchiamo personale, si arriva a 1800 euro di stipendio: non troviamo nessuno"

Torna su
Today è in caricamento