E' morto Paolo Poli, era un attore "libero e geniale"

L'annuncio del sindaco di Firenze, Dario Nardella, con un tweet. Il 23 maggio avrebbe compiuto 87 ann. L'ultimo spettacolo nel "cuore" della sua città

Paolo Poli

ROMA - E' morto ieri sera l'attore fiorentino Paolo Poli. Lo ha annunciato su Twitter il sindaco di Firenze, Dario Nardella. Paolo Poli aveva quasi 87 anni (era nato a Firenze il 23 maggio 1929), ed è stato non soltanto un grande attore di teatro e televisivo, ma anche una forte personalità, spesso irriverente, a volte giudicata oltraggiosa, ma sempre illuminata da lampi riconosciuti di genialità, del mondo dello spettacolo e in generale della cultura italiana. 

IL RICORDO DI FIRENZE - "Addio Paolo Poli, la sua vita e la sua opera di artista libero e geniale sono un dono di amore per Firenze e per la cultura italiana", ha scritto Nardella. "L'ultimo gesto di quel dono l'ha compiuto inaugurando con tutti noi l'indimenticabile riapertura, dopo vent'anni di abbandono, del Teatro Niccolini, la 'sua' casa" ha aggiunto Nardella. "Il destino ha voluto che l'ultima sua apparizione pubblica avvenisse nel cuore culturale e storico di Firenze, in un indimenticabile racconto della sua vita che oggi è diventato il suo testamento artistico". 

I FUNERALI - Si terranno a Firenze, in data ancora da stabilire, i funerali di Paolo Poli. L'attore è morto ieri all'ospedale Fatebene Fratelli di Roma dopo lunga malattia alle soglie degli 87 anni. Nato a Firenze il 23 maggio del 1929 , fliglio di un carabiniere e di una maestra, è stato uno dei protagonisti del teatro italiano per la sua pungente ironia, il suo garbato istrionismo, la sua vena poetica e surreale contornata da momenti comici e giochi linguistici apprezzati anche da capocomici illustri come Tina Pica e Polidor, con i quali ebbe modo di lavorare. 

FU LA STORIA DELLA RAI - Nei primi anni sessanta fu protagonista di numerosi programmi Rai per la quale realizzò anche lo sceneggiato "I tre moschettieri" insieme con Marco Messeri, Milena Vukotic e Lucia Poli. Tra i suoi lavori più famosi "Aldino mi cali un filino", "Rita da Cascia", che aveva uscitato un vespaio di polemiche e addirittura un'interrogazione parlamentare, "La nemica". Indimenticabile anche la sua voce dell'interpretazione di Pinocchio. Era tornato in tv nel giugno scorso dopo oltre 40 anni su Rai3 con "E lasciatemi divertire", otto puntate insieme a Pino Strabioli. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    È solo campagna elettorale (ed è quasi finita): la crisi di governo "non conviene" a nessuno

  • Citta

    Incendio nella sede della polizia municipale: morti e feriti, fermato un giovane

  • Economia

    Sciopero aerei, Alitalia oggi cancella metà dei voli: è un "martedì nero"

  • Cronaca

    Incendio in una clinica privata: due pazienti morti carbonizzati

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Meteo, ecco il caldo (e sarà rovente): c'è la data

  • Era scomparsa da due mesi: trovata morta nel bagagliaio dell'auto

  • Matrimonio Pamela Prati, Georgette crolla: "Ho ricostruito il puzzle. Ora ho paura"

  • Meteo, sorpresa "amara": ecco quando arriva finalmente il caldo

Torna su
Today è in caricamento