Ultrà di calcio investiti da un'auto di tifosi rivali: un morto e un ferito grave

Morto un tifoso del Vultur Rionero, squadra di Eccellenza lucana, in provincia di Potenza. La Polizia sta indagando per stabilire le circostanze che hanno portato all'incidente, non si sa ancora se accidentale o voluto

Un 33enne, tifoso del Vultur Rionero (squadra di Eccellenza lucana), è morto investito da un'auto sulla quale viaggiavano alcuni tifosi del Melfi. E' successo nei pressi di Vaglio di Basilicata, in provincia di Potenza. Un'altra persona è rimasta ferita ed è ricoverata all'ospedale San Carlo. Da chiarire le circostanze che hanno portato all'incidente: non è escluso che siano legate alla rivalità tra le tifoserie delle due squadre che militano nel campionato di Eccellenza Lucana.

Potenza, auto dei tifosi del Melfi investe e uccide ultrà del Vultur Rionero

L'auto che ha travolto i tifosi, una Fiat Punto, è stata rintracciata dalla polizia. Le tre persone a bordo, tutti giovani tifosi del Melfi, sono stati portati in questura e interrogati. Il tifoso rimasto ferito è in condizioni gravi: è stato sottoposto a un intervento chirurgico dopo aver riportato fratture a un braccio, a un avrambraccio e a una gamba. I tifosi della Vultur Rionero erano diretti a Brienza, quelli del Melfi a Tolve, per seguire le loro squadre. L'investimento mortale è avvenuto mentre i primi erano fermi nei pressi della stazione ferroviaria di Vaglio di Basilicata per aspettare altri sostenitori vulturini. La tragedia all'arrivo dei tifosi del Melfi.

La polizia sta indagando per chiarire se tra le due tifoserie vi siano stati scontri già prima dell'incidente, in un'area di servizio della strada statale 658 Potenza-Melfi, e se si sia trattato di un investimento accidentale o voluto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla tragedia è intervenuto il governatore della Regione Basilicata, Vito Bardi: "Una domenica di sport e di festa è stata distrutta dalla follia di un gruppo di facinorosi. Violenti che sotto il manto della tifoseria si lasciano andare ad atti delinquenziali. Questi delinquenti la dovranno pagare cara. Non si può morire una domenica per andare a vedere la squadra del cuore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morta Susanna Vianello, figlia di Edoardo e Wilma Goich

  • Massimiliano e Davide uccisi, lo strazio della sorella: "Mi sembra di impazzire"

  • Coronavirus, dagli alimenti alle banconote: a cosa stare attenti quando facciamo la spesa

  • Michelle Hunziker, famiglia XXL in quarantena: "Per me Goffredo e Sara due figli acquisiti"

  • Coronavirus, le tre condizioni (secondo il virologo) per tornare alla "pseudo normalità"

  • Coronavirus, perché i contagi restano stabili: "Il paradosso del plateau"

Torna su
Today è in caricamento