homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-store

Maltempo, arrivano pioggia e neve: allerta della Protezione civile

Dopo oltre due mesi di siccità, il Nord sarà investito dalla prima di tre perturbazioni che spazzeranno via sole, nebbie e soprattutto le polveri. In soli cinque giorni, il clima sull'Italia cambierà radicalmente portando il vero inverno

ROMA - "A partire dal weekend il meteo cambierà radicalmente rispetto alle ultime settimane". Lo dicono i meteorologi del Centro Epson Meteo, spiegando che "cominceranno a prevalere i flussi perturbati atlantici che riporteranno piogge sparse e nevicate fino a quote molto basse al Nord dove le aree pedemontane e a tratti anche le pianure potranno vedere qualche fiocco".

La perturbazione, che ha fatto scattare l'allerta meteo della Protezione civile, si trasferirà poi a Sud. I fiocchi interesseranno dunque anche alcune zone di pianura e di fondovalle secondo la Protezione civile. I fenomeni meteo potrebbero determinare criticità idrogeologiche e idrauliche, come si spiega sul sito del dipartimento. L'avviso emesso prevede, dalla mattina di sabato 2 gennaio, precipitazioni nevose fino a quote di pianura sui settori occidentali dell'Emilia Romagna e oltre i 400-500 metri su Liguria e Veneto. Previste, inoltre, precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Liguria e Toscana. Nella giornata di sabato ci sarà criticità gialla per rischio idrogeologico localizzato sulla Liguria e sui settori occidentali di tutte le regioni tirreniche, e anche sui settori occidentali dell'Abruzzo. 

Questa fase più movimentata, inaugurata dalla perturbazione numero uno di gennaio che sta per raggiungere le zone occidentali del Paese, proseguirà anche nel corso della prossima settimana. In particolare, le festività natalizie si concluderanno in compagnia di altri due sistemi nuvolosi in arrivo dall'atlantico, che si avvicenderanno rapidamente portando anche una intensa ventilazione che, oltretutto, contribuirà finalmente a rimuovere efficacemente le sostanze inquinanti dall'atmosfera.

PREVISIONI PER SABATO - Sabato nubi in aumento quasi ovunque, salvo delle schiarite che resisteranno all'estremo Sud. Precipitazioni sparse a partire dal Nordovest, Emilia e regioni tirreniche, con neve a bassissima quota a ridosso delle Alpi centro-occidentali, oltre i 200-300 metri nelle aree pedemontane, ma anche in tratti di pianura fra Piemonte e Lombardia. Dal pomeriggio i fenomeni si estenderanno anche al resto del Centronord, Sardegna e Puglia, con quota in abbassamento anche sull'Appennino settentrionale. Verso sera potranno verificarsi dei temporali fra Toscana e Lazio, mentre i fenomeni tenderanno a diradarsi al Nordovest. Temperature massime in calo al Nord e in Toscana, in rialzo altrove grazie al rinforzo dei venti meridionali. Questa previsione per sabato ha un Indice di Affidabilità medio (IdA pari a 80-85).

PREVISIONI PER DOMENICA - Domenica temporaneo miglioramento al Nordovest col ritorno di nebbie in pianura. Ancora perturbato nelle altre zone con nubi a tratti compatte e precipitazioni sparse e intermittenti che interesseranno soprattutto l'alto Adriatico, il medio-basso Tirreno, la Sicilia e i settori ionici. Dal pomeriggio tendenza a un graduale miglioramento al Nordest e regioni centrali tirreniche; schiarite anche in Sicilia e versanti ionici; piogge e rovesci nelle altre zone, con neve oltre 800-1000 metri sull'Appennino centrale, oltre 1400 metri su quello meridionale. Temperature vicine alla norma al Centronord e in Sardegna, leggermente sopra la media al Sud e in Sicilia. Ventoso per Bora sull'alto Adriatico, per Maestrale al Centrosud.

TENDENZA PER LA PROSSIMA SETTIMANA - Per la prima parte della prossima settimana si conferma il passaggio di altre perturbazioni atlantiche. In particolare la seconda perturbazione di gennaio transiterà lunedì, la terza martedì. La perturbazione di lunedì porterà nevicate fino a quote basse al Nord: aumentano le probabilità di neve fino in pianura su Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli. A seguire non si esclude l'arrivo di nuovi sistemi nuvolosi, ma è ancora presto per andare nel dettaglio.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Forte scossa di terremoto in provincia di Rieti, magnitudo 6.0

    • Mondo

      Via libera alla "relocation", centinaia di migranti trasferiti dall'Italia alla Germania

    • Economia

      Arriva il "bonus cultura" per i 18enni: 500 euro da spendere da settembre

    • Economia

      Bonus bebè, cambia tutto: il piano del governo per aiutare le famiglie

    I più letti della settimana

    • Genitori dimenticano la bimba in autogrill... e se ne accorgono dopo 2 ore

    • Marcus Bellamy, ex ballerino di "Amici" uccide il fidanzato e chiede perdono su Facebook

    • Sesso in strada a Padova: beccati dalla telecamera della caserma

    • Rimini, litiga con un animatore: turista gli stacca a morsi un orecchio

    • Superenalotto, il jackpot vola a 126,2 milioni: è il premio più ricco al mondo

    • Palinuro, dramma durante un'immersione: morti tre sub

    Torna su
    Today è in caricamento