Noemi si è svegliata e ha chiesto le sue bambole: per lei una sorpresa in ospedale

La zia di Noemi racconta il risveglio della piccola e torna a parlare del momento della sparatoria avvenuta una settimana fa in piazza Nazionale: "Non dimenticherò mai più quella scena"

"Quando ha aperto gli occhi ha chiesto della madre". È la zia di Noemi, la bimba ferita in un agguato di camorra a Napoli il 3 maggio scorso, a raccontare l'emozione che ha fatto tirare un sospiro di solievo a tutta italia. 

La piccola è ancora ricoverata in Terapia intensiva all'ospedale Santobono di Napoli, ma viene riferito che è sveglia e cosciente. Appena aperti gli occhi ha cercato subito la mamma. E quando il padre le ha chiesto se volesse le sue bambole Noemi ha alzato la mano. E così nel pomeriggio di venerdì per lei è arrivato un enorme pacco con dentro una grande casa delle bambole.

Noemi, parla la zia: "Ci sono buone speranze"

La zia di Noemi, Jessica Esposito, è tornata anche a parlare del momento della sparatoria avvenuta una settimana fa in piazza Nazionale: "Non dimenticherò mai più quella scena. È successo tutto all'improvviso. Non ci siamo accorti subito che Noemi era rimasta ferita. Non c'era sangue, lei non diceva nulla".

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

"Il risveglio di Noemi è stato un momento di commozione per tutto l'ospedale  - ha detto la manger del Santobono Anna Maria Minicucci - lo aspettavamo da una settimana. Ci faceva piacere dare questa bella notizia nello stesso giorno in cui è stato arrestato il presunto responsabile di questa vicenda". Infatti il risveglio di Noemi è avvenuto proprio nel giorno in cui le forze dell'ordine hanno fermato due persone: il presunto killer e suo fratello. I due -Antonio e Armando Del Re- sono stati fermati perché ritenuti gravemente indiziati del tentato omicidio di Salvatore Nurcaro, della piccola Noemi e della nonna.

"Ammazzatelo", il grido contro l'arrestato

Al momento dell'arresto, Armando Del Re, considerato il feritore della piccola Noemi a Napoli, non ha opposto resistenza e non aveva con sé armi. Il fermo è avvenuto durante una sosta di Del Re a un autogrill vicino a Rapolano Terme (Si) lungo il raccordo della superstrada Siena-Bettolle. Il 28enne non si era accorto di essere pedinato a distanza dalle forze dell'ordine. Poi Del Re è stato portato nella caserma dei carabinieri di Siena dove è rimasto per quasi 7 ore, prima di finire in carcere.

arresto armando del re-2
L'arresto di Armando Del Re

Alcuni automobilisti in transito davanti alla caserma quando si è diffusa la notizia della sua cattura hanno anche urlato: "Ammazzatelo" .

Una fiaccolata per Noemi (video)

Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris ieri sera ha avuto modo di vedere la piccola: "Non nascondo che ho provato una grande commozione nel vedere i segnali straordinari di Noemi -dice all'Ansa- Ho visto una bimba reattiva agli stimoli, che risponde con gli occhi e le mani. Da parte dei medici c'è, giustamente, ancora molta cautela e la prognosi rimane riservata".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In arrivo una lettera dell'agenzia delle entrate per 700mila italiani

  • Ora solare 2019, quando scatta il cambio: il tempo stringe

  • Salvini-Renzi, "polveri bagnate" e poche sorprese nel confronto tv: chi ha vinto

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di giovedì 17 ottobre 2019: i numeri vincenti

  • Sciopero generale del 25 ottobre: dalla scuola ai trasporti, rischio caos

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto di sabato 19 ottobre 2019: i numeri vincenti

Torna su
Today è in caricamento