Emanuela Orlandi, il muro del Vaticano si sta sbriciolando: "Inutile continuare a negare"

Pietro Orlandi, il fratello della giovane scomparsa 36 anni fa: "Forse in Vaticano si sono resi conto che è inutile continuare a negare. Sento che c'è qualcosa in più questa volta in merito a quella tomba nel cimitero teutonico vaticano rispetto alle segnalazioni del passato"

Non ha mai smesso di cercare la verità. Di pretenderla con forza, con la forza che solo un fratello può conservare per così tanti anni senza perdere mai la speranza. "Forse in Vaticano si sono resi conto che è inutile continuare a negare, a non collaborare, anche se il comportamento che hanno avuto in passato non potrò mai cancellarlo. Noi questa collaborazione la chiediamo da tanti anni, l'apertura di un'inchiesta interna al Vaticano la chiediamo da molti anni. Io mi auguro che ora ci sia la volontà e soprattutto l'onestà di portare avanti le cose". Lo sottolinea Pietro Orlandi, fratello di Emanuela scomparsa nel nulla 36 anni fa, intervenendo a Radio Cusano Campus a 'La Storia Oscura'.

Pietro Orlandi: "Aprite quella tomba nel cimitero teutonico"

"Io - ha osservato Orlandi - finché non vedo il corpo di mia sorella, sento il dovere di cercarla viva, però come sensazione mia, da fratello, sento che c'è qualcosa in più questa volta in merito a quella tomba nel cimitero teutonico vaticano rispetto alle segnalazioni del passato. Ripeto, perché le segnalazioni che abbiamo ricevuto nell'ultimo anno e mezzo, sono tutte interne alla Santa Sede; e non possono non essere arrivate anche ai vertici del Vaticano".

Dal Vaticano sarebbe (d'obbligo il condizionale) arrivata l'autorizzazione all'apertura della "tomba dei misteri", all'interno del Camposanto Teutonico. Una pista, anche stavolta anonima, indica proprio quel cimitero come il luogo dove potrebbe essere stata sepolta la Orlandi.

"Io mi auguro che stavolta ci sia la volontà di fare chiarezza. Forse qualcosa si muove anche grazie alla nostra insistenza legale, grazie all'avvocato Laura Sgrò che non è un avvocato qualunque ma è uno dei pochi avvocati che hanno il patrocinio presso la Santa Sede e ha avuto un ruolo importante nell'inchiesta 'Vatileaks'. Io mi auguro che ora ci sia la volontà e soprattutto l'onestà di portare avanti le cose. E mi auguro che se anche non si trovasse nulla in quella tomba al cimitero teutonico una volta aperta, non si fermino lì, per capire il perché di quelle segnalazioni che ci sono arrivate: non segnalazioni anonime ma interne al Vaticano e che ci hanno indirizzato su quella tomba. Questa pertanto è già una cosa da chiarire. Ma io spero e penso che le indagini saranno ad ampio raggio, perché noi nell'istanza che abbiamo presentato non abbiamo chiesto solo l'apertura di quella tomba ma abbiamo chiesto anche una serie di indagini legate alle incongruenze che ci sono state in tutti questi anni. Mi riferisco anche alle inchieste fatte dalla magistratura italiana".

Intervista a Pietro Orlandi: "Se quelle ossa sono di Emanuela, per me mia sorella muore in quell'istante"

emanuela orlandi-3

Guarda anche

Intervista a Pietro Orlandi: "Se quelle ossa sono di Emanuela, per me mia sorella muore in quell'istante"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

L'intervista di Pietro Orlandi a Today. L'ipotesi della trattativa Procura-Vaticano. Dopo 35 anni di misteri e silenzi, il fratello di Emanuela non si arrende: "Continuerò a cercare la verità"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiede il reddito di cittadinanza, ma si "dimentica" di avere un albergo da 800mila euro

  • In arrivo 55mila lettere dall'Agenzia delle Entrate

  • Jacqueline, figlia di Heather Parisi: "Perché non chiedete dove sono le altre due figlie?"

  • Bonus tv e decoder, ora è ufficiale: chi deve cambiare il televisore

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 16 novembre 2019

  • Rompe il finestrino per rubare: nell'auto trova un vero tesoro

Torna su
Today è in caricamento