Superstite di Nassiriya restituisce la medaglia al valore: ora deve pagare il conio

 

Pietro Sini, 55 anni di Porto Torres, appuntato dei carabinieri in congedo, il 12 novembre 2003 a Nassiriya scampò per puro caso all'attentato contro il contingente italiano in Iraq e venne insignito della medaglia d'oro quale vittima di terrorismo.

Una medaglia che lui ha restituito un anno fa al comando generale dell'Arma, in aperta polemica con lo Stato perchè non gli ha riconosciuto l'aggravamento della sua invalidità, ferma al 25%.

Ora, però, a Sini - e qui la beffa che lui denuncia - viene chiesto il pagamento del conio: 1.410 euro, graziandola dell'Iva.

"È una cosa assurda - denuncia Sini, che nel frattempo da dato tutto in mano al suo avvocato - sono stato io stesso, a mie spese, a restituire la medaglia portandola fino a Roma. Sono sicuro: questa è una presa di posizione contro di me, perché li ho affrontai pubblicamente".

Potrebbe Interessarti

  • Un terremoto di magnitudo 6.4 ha colpito la California

  • CITY SUMMER TOUR: qual è la città più cool dell'estate 2019? | Ep. 2 Catania

  • CITY SUMMER TOUR: qual è la città più cool dell'estate 2019? | Ep. 1 Napoli

  • Sparano in faccia per sfigurare le vittime: viaggio inchiesta sulla "Quarta Mafia"

Torna su
Today è in caricamento