Pompei chiude per sciopero, Renzi: "Rabbia incontenibile"

Il premier commenta la chiusura degli scavi archeologici per un'assemblea sindacale: "La cultura è la chiave per il nostro futuro". E poi parla di lavoro: "Registro un aumento di stabilizzazioni. E ne sono felice"

ROMA - "Franceschini sta facendo un buon lavoro e la cultura è la chiave per il nostro futuro. Anche per questo provo una rabbia incontenibile quando vedo le scene di ieri a Pompei".

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, nella rubrica di lettere su L'Unità commenta così la chiusura degli scavi archeologici, ieri a Pompei, per un'assemblea sindacale. Ieri i cancelli si sono chiusi a causa di un'assemblea dei sindacati Fp Cisl, Filp e Unsa che si è riunita in mattinata. Disagi gravissimi per turisti e tour operator non avvisati dell'improvviso cambio di programma delle rappresentanze sindacali aziendali.

IL TEMA DEL LAVORO - Nella stessa rubrica il premier ha affrontato in misura più ampia il tema del lavoro e quello degli equilibri interni al Pd. "Non abbiamo escluso di trovare soluzioni concordate con il sindacato: è solo che non ci siamo riusciti", ha detto Renzi. "Il tempo - ha aggiunto - dirà se sul Jobs act avevamo ragione noi o i sindacati: per adesso registro un aumento di nuovi posti di lavoro e di stabilizzazioni. E ne sono felice, ovviamente. Quando è possibile noi siamo in prima linea al fianco dei sindacati, come ieri con la risoluzione della vicenda Whirlpool. Ma se su alcune cose non siamo d'accordo non lasciamo a loro il diritto di veto. Se siamo convinti, andiamo avanti". "Troppo spesso - ha osservato ancora Renzi - il nostro Paese si è bloccato per colpa dei veti".

Se la riforma del lavoro fosse stata realizzata quando l'hanno fatta Germania e Gran Bretagna, con Schroeder e Blair, "saremmo un Paese molto più competitivo adesso. Invece non è stato possibile e abbiamo dovuto aspettare il nostro governo nel 2015. Ma proprio per questo non abbiamo permesso ai sindacati di bloccare il progetto: era legittimo non pensarla allo stesso modo ma era un dovere per noi decidere e andare avanti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine qualche battuta sul partito di cui è segretario: "Le piccole scissioni non servono. A nulla e a nessuno. Entro l'anno - ha detto - faremo una grande assemblea dei circoli del Pd, bisogna aumentare l'attività del partito. Dobbiamo superare di nuovo il 40% e lo faremo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 26 maggio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 23 maggio 2020

  • Pensioni di giugno, il pagamento arriva in anticipo (ma non per tutti)

  • Ritrovano il figlio rapito 32 anni fa: la gioia incontenibile dei genitori

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 21 maggio 2020

  • Test sierologici, solo 1 su 4 finora ha detto sì: "Se ricevete una chiamata da questo numero rispondete"

Torna su
Today è in caricamento