Punito il giornalista che ha svelato la nuova enciclica del Papa

Il settimanale "L'Espresso" pubblica la bozza dell'enciclica "verde" violando l'embargo: la Santa Sede ritira l'accredito al corrispondente storico e vaticanista Sandro Magister

ROMA - Un incipit ripreso dal Cantico delle creature di San Francesco d'Assisi, centonovantadue pagine, sei capitoli e due preghiere conclusive. La molto attesa e altrettanto temuta enciclica ecologica di Papa Francesco, Laudato si', che verrà pubblicata giovedì prossimo dal Vaticano, è stata anticipata, nel pomeriggio di ieri, sul sito internet de "L'Espresso", in quella che è stata letta, nel Palazzo apostolico, come un'azione di disturbo ispirata dal desiderio di depotenziare il messaggio sociale del Pontefice che ha preso il nome di San Francesco.

COS'E' SUCCESSO - Al giornalista autore - il vaticanista di lungo corso Sandro Magister - è stato ritirato l'accredito vaticano. La pubblicazione di un testo su cui vi era l'embargo "rappresenta evidentemente un'iniziativa scorretta, fonte di forte disagio per moltissimi colleghi giornalisti e di grave turbamento del buon servizio di questa sala stampa", scrive in una nota affissa nella bacheca della sala stampa il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, che comunica, nella nota datata ieri, che l'accredito è "sospeso da domani a tempi indeterminato". Lo stesso padre Lombardi, in una nota distinta diramata già nel pomeriggio di ieri, affermava

E' stato pubblicato il testo italiano di una bozza dell'Enciclica del Papa Laudato si'. Si fa presente che non si tratta del testo finale e che la regola dell'embargo rimane in vigore. Si invita a rispettare la correttezza giornalistica che richiede di attendere la pubblicazione ufficiale del testo finale.

Il testo, però, era ormai pubblico e diversi quotidiani, italiani e non solo, hanno pubblicato oggi stralci della lettera papale, suscitando ulteriore irritazione in un Vaticano che sembra però propenso a non tornare ulteriormente sulla questione. La fuga di informazioni (in inglese, leaks, che rievoca l'epoca non lontana dei Vatileaks, i documenti riservati di Benedetto XVI passati alla stampa dal maggiordomo di Joseph Ratzinger) era forse inevitabile per un testo del quale circolavano da giorni alcune copie di lavoro. Tanto più per un testo che ha creato molte aspettative e ha suscitato molti timore già prima di essere pubblicato.

L'ENCICLICA - E' piuttosto inconsueto che un Pontefice dedichi una lettera ad un tema apparentemente poco religioso come l'ecologia, riconvertendo in chiave francescana una Chiesa abituata, negli ultimi decenni, a intervenire piuttosto su questioni di bioetica, indirizzandosi non solo ai cattolici ma a tutti (Giovanni XXIII avrebbe detto: agli uomini e alle donne di buona volontà), toccando questioni controverse come il riscaldamento globale, la decrescita, il rischio che la scarsità di risorse (acqua, fonti energetiche) provochino, nel medio periodo, disastri e guerre. E collegando idealmente il proprio intervento magisteriale al vertice sul clima convocato dall'Onu a Parigi a dicembre prossimo. 

Guarda anche

Bergoglio a Palermo: "Non si può credere in Dio ed essere mafiosi"

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Le parole del Papa in Sicilia nel giorno del ricordo di padre Pino Puglisi, ucciso da Cosa nostra 25 anni fa: "Chi è mafioso non vive da cristiano, perché bestemmia con la vita in nome di Dio amore. Oggi abbiamo bisogno di uomini e donne di amore, non di uomini e donne di onore; di servizio, non di sopraffazione; di camminare insieme, non di rincorrere il potere".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Qualsiasi scorrettezza deve essere punita. Il Vaticano ha agito bene ritirando l'accredito a Magister! Chi, per professione, scrive su un giornale, ucciderebbe la genitrice, per arrivare ad un clamoroso colpo giornalistico, alla pubblicazione, in esclusiva, di una notizia o di una rivelazione ritenuta sensazionale. Ben gli sta!

  • Bergoglio ha istituito una Sezione speciale del Tribunale per proteggere ancora di più i suoi vescovi. Non risulta che abbia abrogato la direttiva "Crimen sollicitationis" nè che abbia abrogato la direttiva "De gravioribus delictis". Quelle direttive canoniche, ideate per proteggere i preti pedofili, all'interno di quello Stato, ancora prevalgono sul diritto penale e saranno applicate anche nella Sezione speciale per i vescovi. Cominciano ad arrivare le prime condanne di risarcimento contro i vescovi da parte della magistratura italiana e Bergoglio cerca di parare i colpi gettando fumo negli occhi. I poveri di spirito si nutrono di quel fumo. Ma c'è anche chi non si lascia incantare.

  • Bergoglio è un falso e un cretino! In mala fede chi ci crede.

Notizie di oggi

  • Elezioni europee 2019

    Una settimana al voto: cosa succede nell'Europarlamento in caso di Brexit

  • Politica

    Decreto sicurezza bis e diritti umani, Salvini all'Onu: "Fa ridere, è da scherzi a parte"

  • Economia

    Reddito di cittadinanza, cambia (quasi) tutto: cosa si potrà acquistare

  • Attualità

    Meloni contro Saviano: "Ha sputtanato la città di Napoli e se ne è andato"

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Meteo, ecco il caldo (e sarà rovente): c'è la data

  • Era scomparsa da due mesi: trovata morta nel bagagliaio dell'auto

  • Matrimonio Pamela Prati, Georgette crolla: "Ho ricostruito il puzzle. Ora ho paura"

  • Meteo, sorpresa "amara": ecco quando arriva finalmente il caldo

  • Estrazioni Lotto, SuperEnalotto e 10eLotto: i numeri vincenti di oggi sabato 18 maggio 2019

Torna su
Today è in caricamento