homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companies

Terrorismo, l’allarme di Alfano: “In Italia il rischio è altissimo”

Sebbene non ci siano “notizie di allarme specifico e concreto”, il ministro dell’Interno ribadisce che “questo non ci fa stare tranquilli” perché “non c’è rischio zero”

“Noi abbiamo informazioni che ci spiegano che il rischio è altissimo, informazioni e analisi che dalla guerra in Siria e dall'instabilità in Libia vengono pericoli per tutta Europa, non abbiamo notizie di allarme specifico e concreto”. Il ministro dell’Interno Angelino Alfano ribadisce l’allerta in Italia per il rischio terrorismo.

Ospite di Lucia Annunziata nel programma In mezz’ora su RaiTre, Alfano ribadisce: “Questo non ci fa stare tranquilli, siamo adrenaliticamente sul pezzo e sin qui le cose hanno funzionato", ha detto Alfano, citando l'Expo e l'avvio del Giubileo, e ribadendo che "non c'è rischio zero”.

Anche il premier francese Manuel Valls, parlando dalla Conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera, aveva avvertito ieri che in Europa ci saranno certamente altri attentati di grandi proporzioni. "Noi dobbiamo questa verità ai nostri popoli: ci saranno altri attacchi, attacchi su vasta scala, è una certezza. Questa fase di 'iper-terrorismo' durerà a lungo, anche se dobbiamo combatterla con la massima determinazione”.

"Negli ultimi 15 anni non è stato risparmiato nessun continente”, afferma il ministro dell'Interno. "Non c'è un obiettivo fisso da controllare siamo chiamati ad un controllo enorme - aggiunge - nel 2015 abbiamo controllato 86mila persone". E ancora: "La forza dell'Italia è il lavoro di prevenzione che fin qui ci ha fatto essere paese sicuro".


Alfano: no a impunità banchieri, pronti a norme più severe

"Quello che il governo ha fatto è tutto a favore dei risparmiatori e di coloro i quali hanno perso i soldi. Altra cosa è ciò che c'è da fare in futuro: noi siamo a favore di una commissione di inchiesta parlamentare ma siamo anche a favore, se serve, di un rafforzamento delle normative che renda più specificamente punibili anche coloro i quali lavorando in banca vendono dei titoli a persone che non hanno la piena consapevolezza di quello che comprano". Lo ha detto il ministro degli Interni, Angelino Alfano

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • In italia rischio 0, visto che da noi si organizzano e reperiscono fondi impunemente

  • cominciamo ad eliminare tutti i musi dal marrone chiaro fino al nero chi sia sia. fuori dai coglioni @#?*%$c.e!!

    • e quelli gialli? ci saranno almeno 500 milioni musulmani di quel colore.

Notizie di oggi

  • Mondo

    "I sondaggi non ci prendono più": il caso Brexit ne è la prova

  • Mondo

    Brexit, la City si svuota: la fuga delle banche fa tremare il Regno Unito

  • Asso di denari

    Ue, Londra è "out" e la Germania continua a fare il bello e il cattivo tempo

  • Politica

    Beppe Grillo ricambia idea: "Sul futuro dell'Europa la parola ai cittadini"

I più letti della settimana

  • Vittorio Sgarbi ricoverato d'urgenza: in ospedale con l'elisoccorso

  • Maretta in casa Totti: la colpa è del Grande Fratello

  • Il Ponte di Christo è un inferno, idranti sulla folla: "Non venite nel pomeriggio"

  • Cosenza, spari contro ex consigliere comunale: era in auto col figlio

  • Euro 2016, tabellone e calendario delle partite: dove vederle in tv su Rai e Sky

  • Violenze sessuali su bambini, gli abusi ripresi con lo smartphone: arrestato "Don Gianni"

Torna su
Today è in caricamento