Corinaldo, un anno dopo la strage: il ricordo di Nicolas eroe a 17 anni

"Pensavo di morire, ho salvato una ragazza". Il drammatico racconto di un adolescente rimasto ferito nella calca della Lanterna Azzurra l'8 dicembre 2018 costata la vita a 6 persone

L'uscita della discoteca Lanterna Azzurra teatro della "strage di Corinaldo"

Una notte maledetta quella tra il 7 e l'8 dicembre di un anno fa quando Corinaldo, piccolo paesino in provincia di Ancona, passa alla storia per una delle più gravi stragi di adolescenti che l'Italia ricordi. In una orribile calca all'uscita della discoteca Lanterna azzurra morirono 5 adolescenti e una giovane madre, mentre circa 200 persone rimasero ferite.

La Procura della Repubblica di Ancona ha depositato al gip la richiesta di giudizio immediato per sei persone arrestate ad agosto: si tratta della 'banda dello spray', giovani tra i 19 e i 22 anni, del Modenese, che in varie località italiane hanno usato spray urticante in discoteche e locali per rubare catenine e monili. Sarebbero loro i responsabili di omicidio preterintenzionale e dopo un anno di indagini l'accusa avrebbe in mano "chiari e concordanti elementi di responsabilità".

"È passato un anno, ma sembra ieri" racconta Nicolas Barucca ad AnconaToday che in occasione dell'anniversario dedica alla tragedia uno speciale.

Nicolas aveva solo 17 anni quando ha visto la morte in faccia. Poteva essere una vittima, è diventato eroe per caso. Qualcuno l’ha tirato fuori da quella bolgia in cui era rimasto intrappolato. Poi lui stesso ha soccorso altri coetanei, schiacciati dalla calca, dopo il crollo della balaustra sul retro del Lanterna Azzurra.

"Mi sono ritrovato sotto quell’ammasso di gente e lì ho capito quanto vale la vita: è un dono, bisogna viverla sempre" racconta a Stefano Rispoli.

"Sfera mi piace come cantante, ma non è un mio idolo: ho seguito gli amici, eravamo un bel gruppetto - ricorda -. Verso mezzanotte abbiamo sentito un odore fastidioso, sembrava peperoncino. Poi la gente ha cominciato a correre. Noi siamo andati sull’uscita che dà sui giardini. Ho messo un piede sul gradino ed è venuto giù tutto. Fossi uscito 5 secondi prima, mi sarei salvato. Sono caduto sopra alcune persone, coinvolte nel crollo. Altre mi sono venute addosso. Sono rimasto schiacciato lì sotto, non so per quanto, 5-6 minuti forse. Non riuscivo a muovermi, sentivo gente urlare e chiedere aiuto". 

"Ho avuto paura di morire. Mi dicevo: no, non devi nemmeno pensarci, resisti. Fino a che qualcuno dall’alto mi ha tirato fuori". 

In quel preciso istante Nicolas ha realizzato l’entità della tragedia. E ha capito che ora toccava a lui salvare gli altri.

"C’era una ragazza svenuta, io e un mio amico l’abbiamo presa, ho provato a farle la respirazione bocca a bocca come ci hanno insegnato a scuola - racconta -. Si è mossa, poi un buttafuori l’ha portata via, verso l’ambulanza. Non è tra le vittime e quando l’ho saputo è stata una liberazione. In quei momenti non mi rendevo conto di come stessi: pensavo solo a tirar fuori le persone. Soltanto dopo mi sono reso conto di non sentirmi bene. I miei amici mi hanno trascinato fino all’ambulanza, poi all’ospedale".

Per via della compressione prolungata, Nicolas ha subito un trauma agli occhi. Ricominciare è stata dura, la mente è ferma lì, all’8 dicembre di un anno fa. "In quella notte ho perso Asia, una mia amica. Ho capito quanto sono fortunato ad essere ancora in vita". 

La fisioterapista che curò gratis 72 giovani: "Mi sentivo la loro mamma"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A 12 anni va in ospedale per il mal di pancia: scoprono che è incinta di sette mesi

  • Oroscopo Paolo Fox, le previsioni della settimana dal 20 al 26 gennaio 2020

  • Enzo Iacchetti sul rapporto con Ezio Greggio: "Tra noi un tacito accordo di buona convivenza"

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Aumenti in busta paga da luglio 2020: chi può sorridere per il bonus "pieno" di 100 euro

  • Vive con il cadavere del fratello, morto da tre mesi, ai piedi del letto

Torna su
Today è in caricamento