Sequestrata in casa, il compagno prova a strangolarla e le fa toccare i fili della corrente

La vittima è riuscita a scappare solo all'alba dopo una notte di terrore

Foto di repertorio

A Triuggio, in Brianza, una donna di 30 anni è stata picchiata e quasi strangolata dal compagno, un 35enne egiziano residente a Sesto San Giovanni con precedenti per lesioni, tentata estorsione e guida in stato di ebrezza. Un uomo che lei non aveva mai avuto il coraggio di denunciare, nonostante fosse stata oggetto di violenza in almeno due occasioni. Nel febbraio scorso, la donna accusata dal compagno di averlo tradito con altri uomini, è stata afferrata per i capelli, colpita al volto da una gomitata e presa a calci. Due giorni dopo poi si è ripetuta la stessa scena.

Botte fino al mattino, una notte di terrore

Lo scorso week end un nuovo pestaggio, questa volta nella casa acquistata da poco dalla vittima. A scatenare la violenza è stata come in altri occasioni la gelosia ossessiva dell’uomo che ha aspettato la compagna fuori dal lavoro, convinto com’era di trovarla con un altro. Una volta salita sull’auto del compagno è iniziato l’incubo. Prima gli insulti, poi una volta a casa, le botte. Fuori di sé il 35enne l'ha costretta a toccare alcuni fili elettrici scoperti collegati alla corrente e poi ha provato a strangolarla con un cavo elettrico. La donna è stata picchiata e presa a bottigliate.

La fuga all'alba e la denuncia a carico dell'uomo

Dopo una notte di terrore, all’alba di domenica è riuscita a fuggire dal suo appartamento: così, piena di lividi, sanguinante e spaventata, ha raggiunto il pronto soccorso del San Gerardo di Monza, dove i medici le hanno diagnosticato una prognosi di ventidue giorni. In ospedale sono arrivati anche i poliziotti del commissariato, che hanno ascoltato il racconto della donna che si finalmente è convinta a denunciare il compagno che già in altre occasioni l’aveva aggredita, a calci e pugni, per gelosia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (9)

  • Vogliamo chiudere ste frontiere porca pupazza, cernita e espulsione immediata di qualsiasi persona priva dei requisiti sul territorio italiano, lo fanno tutti e ripeto tutti i paesi del mondo ma se lo si chiede quà sembra tu stia offendendo dio in una chiesa.

    • Lei ha perfettamente ragione, ma se una persona ha dei requisiti e poi è violento con la moglie....

  • Ovvio che lo fanno anche gli italiani, ma almeno gli stranieri li possiamo mandare via

  • il problema non sono gli stranieri, il problema è chi beve o si droga....Questa crudeltà è propria praticamente solo di chi è alterato. Altrimenti non si arriva a tanto, non siamo bestie. E lì non c'entra se sei italiano o no. Ma intanto, per esempio, continuiamo ad aprire tranquillamente ed allegramente altri drugstore, spianando la strada al resto. Che tanto oggi se non fumi, non sei alla moda o noh? È questo che qualcuno tenta di farci credere.

    • Ma un po’ troppo spesso questi stranieri annegano i problemi nell’alcol o nelle droghe. Dobbiamo dire poverini? Non abbiamo già abbastanza problemi con la nostra delinquenza locale? Le bestie non arrivano a tanto...

    • magari fossimo bestie ...le bestie nn lo fanno ...

  • Convinciamoci finalmente anche noi, a rimandare a casa loro tutti quelli che non dovrebbero essere nel nostro paese...

    • Non c’entra nulla ... mi dispiace... stai sbagliando articolo qui non c’entra rimandare a casa...la violenza verso le donne non ha nazione ... città o paese ... sono uomini alla base MALATI problemi mentali gelosia eccessiva ... fisse mentali ... sono da mandare negli ospedali psichiatrici ... e buttar via la chiave ... sono ancora brava ...

    • Come devono fare anche con te da parte di quelle donne che manderesti a litigare con i loro uomini ( essere picchiate ) al loro paese,

Notizie di oggi

  • Politica

    Governo, tra polemiche e scaramucce inizia la "fase due"

  • Cronaca

    "Nozioni comuniste in classe", maestra sospesa si difende: "Ho solo letto Anna Frank"

  • Economia

    Google "rompe" con Huawei: che cosa succede agli smartphone Android

  • Cronaca

    Selfie estremi, 259 vittime in 6 anni: 7 su 10 hanno meno di 30 anni

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2019, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Elezioni europee 2019, la guida al voto: tutto quello che c'è da sapere

  • Meteo, ecco il caldo (e sarà rovente): c'è la data

  • Era scomparsa da due mesi: trovata morta nel bagagliaio dell'auto

  • Matrimonio Pamela Prati, Georgette crolla: "Ho ricostruito il puzzle. Ora ho paura"

  • Meteo, sorpresa "amara": ecco quando arriva finalmente il caldo

Torna su
Today è in caricamento