Sul Tap si accende lo scontro nel Pd: "Emiliano vuole spostare il gasdotto, ma è impossibile"

Il ministro dell'Ambiente Galletti replica al Governatore pugliese: "Il tunnel a San Foca è l'ipotesi più idonea". In Salento nuovi scontri al sit-in al cantiere di Melendugno presidiato da Polizia e Carabinieri. La denuncia: "Bombe carta e sabotaggi"

Agenti di polizia in assetto antisommossa durante la protesta degli attivisti davanti al cantiere della Tap a Melendugno, nel Leccese, contro l'espianto degli ulivi dal tracciato del microtunnel e contro il progetto di approdo del gasdotto dell'Adriatico, 29 marzo 2017. ANSA/ CLAUDIO LONGO

MELENDUGNO (Lecce) - Prosegue, tra le proteste, l'espianto degli ulivi dal tracciato del gasdotto Tap in Salento. Come testimoniato da Lecce Prima molti sono i manifestanti che hanno passato la notte in tenda, per continuare a presidiare il cantiere Tap a San Foca. Le forze dell’ordine che presidiano l’area recintata hanno sgomberato il sit-in e fermato alcuni manifestanti per identificarli. In molti stanno raggiungendo la località San Basilio, attraversando le campagne a piedi: le strade, infatti, sono state completamente bloccate dai posti di blocco allestiti da Polizia e Carabinieri in corrispondenza dei varchi di accesso.

Un carico dopo l'altro, i camion hanno portato via gli alberi di olivo, imballati come fossero vere e proprie salme. Per ogni carico, urla di dissenso e fischi. I manifestanti hanno anche intonato l'inno di Mameli e canti partigiani come "Bella Ciao". Solo applausi invece per il primo cittadino di Melendugno, Marco Potì, dall'inizio in prima fila nelle proteste. Tra sindaci presenti quello di Uggiano La Chiesa, Salvatore Piconese, che è anche segretario provinciale del Pd.

tap foto di stefano fasano

Da ieri sera è nel Salento il deputato ravennate di Sinistra Italiana, Giovanni Paglia. "Si conferma l'idea che avevo prima di venire, cioè che ci sia la volontà di realizzare un'opera che era ed è inutile per l'Italia, indipendentemente dal contesto dove viene realizzata. Verrà remunerata in 25 anni e quindi produrrà spostamenti di investimenti sul trasporto di gas anzinché su una diversa politica energetica e sarà quindi pagata dagli italiani con le loro bollette. Si ha anche la conferma che viene a impattare su aree di pregio naturalistico, in territorio che vivono di turismo, di agricoltura e della bellezza che fortunatamente li attraversa e che invece rischiano di vedere compromesso tutto questo da un errore che non è solo di politica generale ma anche logistico. Abbiamo provato in tutte le sedi a opporci a questa opera e continueremo a farlo con il governo, credo che l'impegno come partito sia di far crescere la consapevolezza dell'inutilità del gasdotto anche oltre i confini di questi territori".

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, spiega come sul gasdotto vi sia una contrapposizione politica: "Se dal punto di vista giudiziario faremo i nostri ricorsi, uno è pendente davanti alla Corte costituzionale, sappiamo obbedire alle sentenze. Ma dal punto di vista politico, il governo sta commettendo un errore gravissimo a confermare la localizzazione a San Foca. Noi dovremmo spostarci di 30 chilometri e risolvere in pace questa vicenda".

"Il progetto del microtunnel - spiega Emiliano - non è ancora validato dalla commissione di valutazione di impatto ambientale nazionale e quindi non è cantierizzabile e ciò nonostante stanno spostando gli ulivi, questo ovviamente dà il senso di una arroganza permanente che è il motivo vero del conflitto in campo".

tap-2
Il ministro dell'ambiente, Gian Luca Galletti, ha risposto alle ipotesi alternative alla localizzazione attuale, anche in relazione alla polemica con il Governatore della Puglia, Michele Emiliano. "La Commissione Via ha analizzato 14 soluzioni alternative - spiega- e questa è risultata la più idonea". Galletti ha poi aggiunto di "chiedere ad Emiliano" e "non a me" se in questa vicenda c'entri anche il congresso del Pd

Emiliano, schieramento Polizia è un errore gravissimo
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non mi sono mai contrapposto alla Polizia, quelli sono i poliziotti salentini con i quali abbiamo fatto la lotta alla Sacra Corona Unita. Vederli schierati dallo Stato contro i sindaci e contro le famiglie e i bambini mi è sembrato davvero un errore gravissimo".

Dal canto suo la multinazionale Tap denuncia sabotaggi avvenuti durante la notte sul cantiere. In un post su Facebook, Tap Italia ha reso noto che "Questa notte è stata lanciata una bomba carta contro il cantiere, ieri sono state lanciate pietre contro i lavoratori che stavano spostando gli ulivi, è presente in cantiere uno uno striscione che inneggia alla morte di un nostro collega". 

Sull'episodio della bomba carta indagano i carabinieri, mentre uomini della Digos stanno filmando con telecamere tutte le fasi della protesta, anche al fine di eventuali identificazioni dei partecipanti alle fasi piùcalde. Le proteste, in due occasioni, si sono spostate anche sul retro del cantiere, dalla parte più vicina ai mezzi in azione. Sono state lanciate alcune pietre dentro l'area e un operaio è stato colto da un malore e soccorso dal 118. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morta Susanna Vianello, figlia di Edoardo e Wilma Goich

  • Massimiliano e Davide uccisi, lo strazio della sorella: "Mi sembra di impazzire"

  • Coronavirus, dagli alimenti alle banconote: a cosa stare attenti quando facciamo la spesa

  • Michelle Hunziker, famiglia XXL in quarantena: "Per me Goffredo e Sara due figli acquisiti"

  • Coronavirus, le tre condizioni (secondo il virologo) per tornare alla "pseudo normalità"

  • Storie Italiane, Luca Argentero a Eleonora Daniele: “Non sapevo fossi incinta”

Torna su
Today è in caricamento