menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companies

Terrorismo, l'attentatore suicida di Bruxelles un anno fa era in Italia

Secondo quanto riportato da Sky TG24, che cita fonti dell'antiterrorismo che hanno ricostruito i suoi spostamenti, Khalid El Bakraoui è atterrato il 23 luglio 2015 alle ore 8.25 all`aeroporto di Treviso con un volo Ryanair

Khalid El Bakraoui, il kamikaze della metro di Bruxelles

ROMA - Khalid El Bakraouil'attentatore suicida che si è fatto esplodere all'interno della stazione della metropolitana di Maelbeek di Bruxelles, nell'estate del 2015 era in Italia. Gli uomini dell'antiterrorismo - secondo quanto riportato da Sky TG24 - hanno ricostruito i suoi spostamenti: il 23 luglio 2015 alle ore 8.25 Khalid El Bakraoui è atterrato all'aeroporto di Treviso con un volo Ryanair proveniente da Bruxelles. 

VERSO LA GRECIA - Il biglietto era stato acquistato con carta di credito da un altro uomo: Abderahman Benamor. Al momento del check-in a Bruxelles El Bakraoui si è registrato con un documento d'identità belga. Il giorno dopo, il 24 luglio 2015, il nominativo di Khalid è stato poi registrato su un volo Volotea partito dall'aeroporto Marco Polo di Venezia alle ore 06.00 con destinazione Atene. La notte tra il 23 ed il 24 luglio ha pernottato presso l'hotel Courtyard by Marriott Venice Airport di Venezia. 

ATENE E BARI - A fine luglio 2015, quindi, Khalid El Bakraoui transitava dall'Italia diretto in Grecia. Pochi giorni più tardi - l'1 agosto 2015 - Salah Abdeslam veniva avvistato nel porto di Bari diretto a Patrasso. E sempre in Grecia, in un appartamento di Atene abitato da Abaaoud, è stata trovata la mappa dell'aeroporto di Bruxelles.

GLI ATTENTATI DI BRUXELLES - Intanto il Dipartimento di Stato americano ha confermato la morte di altri due cittadini statunitensi, vittime degli attentati jihadisti di martedì scorso a Bruxelles. In precedenza il Dipartimento aveva reso noto il decesso di altri due cittadini statunitensi; il bilancio ufficiale delle vittime delle esplosioni avvenute nell'aeroporto di Zaventem e su un vagone della metropolitana è, ad oggi, di 31 morti e oltre 250 feriti.

Potrebbe interessarti

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di Roberto Decimo Meridio
    Roberto Decimo Meridio

    Senza parole!

  • E noi li andiamo a prendere..... Io credo che certi politici oltre al business dell'accoglienza, siano al soldo di certi emiri.

  • Un grrrr per l'Italia che cede alla maniera dei vigliacchi

Più letti della settimana

  • Gossip

    Lutto per Mara Venier, è morto l'ex marito

  • Cronaca

    Attenti alla pianta velenosa: "Si trova anche nei parchi italiani"

  • Citta

    Palermo, incidente in moto: morto l'operatore Rai che riprese la strage di Capaci

  • Gossip

    Diego Dalla Palma: "Una famosa conduttrice Rai rovinata dal botulino"

Torna su