Tragedia in strada a Torino, aggredisce una donna e si spara davanti agli agenti

È successo nella mattinata di domenica 13 agosto. Il movente sarebbe sentimentale. La ragazza colpita è stata ricoverata in codice rosso

Immagine di repertorio

Una lite, poi la tragedia. Nella mattinata di domenica 13 agosto un uomo italiano di 45 anni residente a Milano ha sparato in testa a una donna e poi si è tolto la vita. E' successo intorno alle 6.15 in corso Re Umberto angolo Vittorio Emanuele a Torino.

L'aggressore - secondo quanto riportato da TorinoToday - è stato individuato dagli uomini delle volanti nei pressi del luogo della sparatoria, poco prima che si sparasse alla testa, suicidandosi.

La donna ferita ha 31 anni, è di origine ungherese ed è ballerina in un night club. Si trova ricoverata in codice giallo al Cto e non è in pericolo di vita. Il movente del tentato omicidio sarebbe di natura sentimentale.

Secondo le prime informazioni è anche possibile che la ferita alla testa della 31enne sia dovuta ad una caduta e non all’unico sparo di cui è stata trovata traccia vicino a lei, ma le indagini continuano per fare luce sulla dinamica dell’accaduto. 

I due sono scesi da una Bmw, risultata noleggiata, in strada hanno litigato e forse sono caduti insieme sull’asfalto durante la colluttazione. Lui poi si sarebbe allontanato lasciando lei a terra. A quel punto sono arrivati anche i poliziotti che hanno seguito a distanza l’uomo armato che si stava allontanando a piedi e che, all'angolo con corso Galileo Ferraris, si è sparato un colpo alla testa.

Gli agenti della sezione omicidi, coordinati dal dirigente della squadra Mobile, Marco Martino, stanno ancora cercando ricostruire meglio la dinamica della tragedia. La pistola era regolarmente detenuta dall’uomo, ma è stata da lui illecitamente portata fuori casa. 

La notizia e gli aggiornamenti su TorinoToday

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti