Passaggio a livello aperto e treno in transito: è la stessa linea della tragedia di Andria-Trani

Dopo la strage del 12 luglio 2016, l'associazione che rappresenta i familiari di alcune delle vittime denuncia: "La Regione ha intenzione di prendere provvedimenti?"

La foto postata su Facebook

BITONTO (BARI) - Il passaggio a livello è guasto e il treno, invece di fermarsi, sfreccia ad altissima velocità sui binari. E’ accaduto il 9 gennaio a Bitonto, in provincia di Bari, sulla stessa linea maledetta in cui il 12 luglio scorso due treni si sono scontrati, causando 23 morti e 50 feriti.

"Anno nuovo vecchie abitudini. Semaforo spento. Passaggio a livello aperto e treno che va". La denuncia su Facebook è dell'Astip, l'associazione che rappresenta i familiari di alcune delle vittime della strage dei due convogli della Ferrotramviaria che si sono scontrati tra Andria e Corato.

L'Associazione pubblica inoltre la relativa foto, postata da un utente dalla sua auto davanti al passaggio a livello. "Ferrotramviaria garanzia di incidenti ancora oggi", continua l'Astip, accusando esplicitamente la società che gestisce in concessione la linea. "Dal 12 luglio 2016, a distanza di quasi sei mesi dalla strage, nulla è cambiato. La Regione Puglia ha intenzione di prendere provvedimenti?".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Economia

    "No al lavoro nei giorni di festa", ma lo sciopero del 25 aprile non ferma la spesa

  • Economia

    Italiani schiavi del lavoro? Ora abbiamo anche i sensi di colpa per ferie e permessi

  • Cronaca

    Alfie, il giudice dell'Alta Corte dice no al trasferimento in Italia

  • Cronaca

    Omicidio Lidia Macchi, ergastolo per Stefano Binda: la sentenza 31 anni dopo il delitto

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2018, tutte le tappe: percorso e altimetria

  • Grande Fratello story, tutti i vincitori del reality show

  • Lotto, puntata folle (da 50 euro): giocatore fa terno e sbanca

  • In pensione a 61 anni e 7 mesi, il tempo sta per scadere: chi ha diritto al beneficio

  • "Tensioni con Barbara d'Urso", Ilary Blasi risponde in diretta

  • "Cerchiamo personale, si arriva a 1800 euro di stipendio: non troviamo nessuno"

Torna su
Today è in caricamento