menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companies

Vaticano, arrestati due "corvi": hanno consegnato documenti riservati alla stampa

"Sottrazione e divulgazione di notizie e documenti riservati". Con queste accuse la Gendarmeria vaticana ha arrestato monsignor Lucio Angel Vallejo Balda e Francesca Chaouqui. Nel mirino due libri di prossima uscita dei giornalisti Nuzzi e Fittipaldi

A sinistra Lucio Angel Vallejo Balda, a destra Francesca Chaouqui

CITTA' DEL VATICANO - Due persone sono state arrestate in Vaticano nel quadro delle indagini della Gendarmeria "a proposito di sottrazione e divulgazione di notizie e documenti riservati". Si tratta, riferisce una nota, di un ecclesiastico, monsignor Lucio Angel Vallejo Balda, e di Francesca Chaouqui, entrambi stretti collaboratori di Papa Francesco. Il pm ha "convalidato l'arresto", ma Chaouqui è stata rimessa in libertà perché "non sono più state ravvisate esigenze cautelari, anche a motivo della sua collaborazione alle indagini". 

DUE LIBRI NEL MIRINO - Dura la condanna vaticana di due libri in prossima uscita che dovrebbero svelare alcune trame interne alla Santa Sede. I "libri annunciati per i prossimi giorni", a partire da "notizie e documenti riservati", sono "frutto di un grave tradimento della fiducia accordata dal Papa e, per quanto riguarda gli autori, di una operazione per trarre vantaggio da un atto gravemente illecito di consegna di documentazione riservata", ha affermato il Vaticano in chiaro riferimento a due volumi di prossima pubblicazione. Nel mirino ci sono Via Crucis di Gianluigi Nuzzi e Avarizia di Emiliano Fittipaldi: il Pm vaticano sta "riflettendo su azioni di natura penale con l'Italia".

GLI INTERROGATORI - "Nel quadro di indagini di polizia giudiziaria svolte dalla Gendarmeria vaticana ed avviate da alcuni mesi a proposito di sottrazione e divulgazione di notizie e documenti riservati, sabato e domenica scorsi sono state convocate due persone per essere interrogate sulla base degli elementi raccolti e delle evidenze raggiunte", si legge in una nota diramata nel primo pomeriggio dalla sala stampa della Santa Sede. "Si tratta di un ecclesiastico, Mons. Lucio Angel Vallejo Balda, e della Dott.ssa Francesca Chaouqui, che in passato erano stati rispettivamente segretario e membro della COSEA (Commissione referente di Studio e indirizzo sull'organizzazione delle Strutture Economico-Amministrative della Santa Sede, istituita dal Papa nel luglio 2013 e successivamente sciolta dopo il compimento del suo mandato). In seguito alle risultanze degli interrogatori queste due persone sono state trattenute in stato di arresto in vista del proseguimento delle indagini. 

TRADITA LA FIDUCIA DEL PAPA - "Quanto ai libri annunciati per i prossimi giorni - si legge nella nota in chiaro riferimento a due volumi di prossima pubblicazione, Via Crucis di Gianluigi Nuzzi e Avarizia di Emiliano Fittipaldi - va detto chiaramente che anche questa volta, come già in passato, sono frutto di un grave tradimento della fiducia accordata dal Papa e, per quanto riguarda gli autori, di una operazione per trarre vantaggio da un atto gravemente illecito di consegna di documentazione riservata, operazione i cui risvolti giuridici ed eventualmente penali sono oggetto di riflessione da parte dell'Ufficio del Promotore in vista di eventuali ulteriori provvedimenti, ricorrendo, se del caso, alla cooperazione internazionale. Pubblicazioni di questo genere non concorrono in alcun modo a stabilire chiarezza e verità, ma piuttosto a generare confusione e interpretazioni parziali e tendenziose. Bisogna assolutamente evitare l'equivoco di pensare - conclude la nota vaticana - che ciò sia un modo per aiutare la missione del Papa".


Papa Francesco lava i piedi ai migranti: “Siamo fratelli e vogliamo la pace”

Papa Francesco ha celebrato la messa in "Coena Domini" del Giovedì Santo, con cui inizia il Triduo pasquale, con il rito della Lavanda dei piedi, al Centro accoglienza richiedenti asilo (Cara) di Castelnuovo di Porto, periferia Nord di Roma davanti a circa 900 migranti

Il player è in fase di caricamento: attendere in corso...
Potrebbe interessarti

Commenti (9)

  • È così sia...amen.

  • Nel nome del padre, nel cu.lo del figlio...amen

  • IL MONDO è malato, il bello deve ancora arrivare? Anche nella chiesa cattolica, non c'è più credibilità è fede? Svegliamoci, senza basi è radici, non ci sara mai, equilibrio, vita, futuro?

  • certo che al'interno di sto vaticano c'è un sacco di gente perbene, ecco spiegato la forte richiesta di una religione diversa dal cristianesimo

  • Male non fare paura non avere diceva un vecchio proverbio!! Di quale notizie segrete avrebbe paura il Vaticano?...evviva la trasparena anche nella Chiesa!

  • Non vogliamo sapere per quali meriti sul campo, che sicuramente ci saranno, la signorina era giunta a ricoprire simile delicato incarico ! La sua foto, ci porta sicuramente a pensare a lunghi e faticosi test psico-attitudinali !

    • Ho pensato subito anch'io, chissà a quali " test " si sarà sottoposta l'avvenente signorina della foto ? Un paio di posizioni mi sovvengono, missionario ? Pecorella ?

      • :D AHAHAHAHAH :D mi offro per sottoporla alla perizia

  • si arrestano fra ladri

Più letti della settimana

  • Mondo

    Aereo EgyptAir caduto in mare, Nbc: "Esplosione registrata da satelliti Usa"

  • Economia

    "Figli a carico, via i bonus: un assegno di 150 euro per tutti"

  • Cronaca

    Attenti alla pianta velenosa: "Si trova anche nei parchi italiani"

  • Citta

    Assalto al bar dopo Milan-Juventus, due accoltellati e un arresto

Torna su