Il processo dura 20 anni e lo stupro di una bimba va in prescrizione: "Chiediamo scusa"

L'uomo in primo grado era stato condannato a 12 anni di carcere, ma il processo d'appello è rimasto bloccato a causa dei cronici arretrati. Il giudice: "Bisogna chiedere scusa al popolo italiano. È un'ingiustizia per tutti, in cui la vittima è stata violentata due volte, la prima dal suo orco, la seconda dal sistema"

Una storia di pura "malagiustizia", al punto che il giudice stesso si è sentito in dovere di chiedere scusa.

I fatti: un uomo è accusato di aver violentato una bambina di sette anni, figlia di quella che allora era la sua convivente. Il processo però si ingolfa, non va avanti e dura alla fine ben venti anni: inevitabilmente si è chiuso con la prescrizione del reato: è il quotidiano "La Repubblica" a dare oggi ampio spazio a una vicenda sconcertante.

"Questo è un caso in cui bisogna chiedere scusa al popolo italiano" ha detto la giudice della Corte d'appello Paola Dezani, che lunedì mattina ha emesso la sentenza.

Il presidente della Corte d'appello Arturo Soprano è lapidario: "Si deve avere il coraggio di elogiarsi, ma anche quello di ammettere gli errori. Questa è un'ingiustizia per tutti, in cui la vittima è stata violentata due volte, la prima dal suo orco, la seconda dal sistema".

L'uomo in primo grado era stato condannato a 12 anni di carcere dal tribunale di Alessandria. All'epoca dei fatti la bambina aveva sette anni, oggi ne ha 27. La madre era solita lasciare la bambina al compagno per recarsi al lavoro e, proprio in queste occasioni venivano perpetrate le agghiaccianti violenze.

Gli abusi vennero alla luce un giorno in cuila bambina fu trovata da sola in strada in stato confusionale: in ospedale i medici trovarono i segni di ripetute violenze sessuali e maltrattamenti.

Qui inizia l'infinita storia giudiziaria. Il processo inizia nel 1997 e, solo per arrivare alla sentenza di primo grado, sono necessari dieci anni. Nel 2007 il procedimento passa quindi per l'appello dalla Corte di Alessandria a quella di Torino, dove è rimasto bloccato nove anni, a causa dei cronici arretrati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lunedì la prescrizione, indegna pietra tombale sulla vicenda giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 30 maggio 2020

  • SuperEnalotto, l'estrazione di oggi lunedì 1 giugno 2020

  • Bonus auto da 4000 euro: arriva l'eco-sconto per salvare l'automotive

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 4 giugno 2020

  • A giugno ultima busta paga "light", poi arriva il bonus fino a 100 euro

  • Coronavirus, ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

Torna su
Today è in caricamento