Yara, le motivazioni della sentenza: "Il Dna è di Bossetti, perizia irripetibile"

Per i giudici della Corte d'Appello di Brescia un'eventuale perizia non cambierebbe le carte in tavole e comunque non "vi sono più campioni di materiale" per eseguirla. I dettagli

Yara Gambirasio

Il campione di Dna rintracciato sugli indumenti di Yara Gambirasio, la tredicenne di Brembate di Sopra scomparsa il 26 novembre 2010 e ritrovata morta il 36 febbraio 2011 in un campo di Chignolo d’Isola, corrisponde a quello di Massimo Bossetti. La richiesta dei suoi difensori di disporre una super perizia genetica durante il processo d’appello è stata bocciata perché è stato un accertamento irripetibile a inchiodare il carpentiere di Mapello: il materiale biologico estrapolato da slip e leggins della vittima è infatti stato utilizzato tutto in fase di indagini e perciò mancano campioni genetici in quantità sufficiente per effettuare i nuovi accertamenti sollecitati dalla difesa.

Lo sottolineano i giudici della Corte d’Assise d’Appello di Brescia in un passaggio delle motivazioni della sentenza con cui, il 17 luglio scorso, hanno confermato la condanna all’ergastolo già inflitta Bossetti al termine del primo grado di giudizio.

"Non vi sono più campioni di materiale genetico in misura idonea", scrivono i giudici della Corte bresciana presiduta da Enrico Fischetti.

"Un’eventuale perizia, invocata a gran voce dalla difesa e dallo stesso imputato – si legge ancora nel provvedimento- non consentirebbe nuove amplificazioni e tipizzazioni, ma sarebbe un mero controllo tecnico sul materiale documentale e sull’operato dei Ris".

In poche parole, "la famosa perizia genetica sarebbe necessariamente limitata ad una mera verifica documentale circa la correttezza dell’operato del Ris e dei consulenti dell’accusa, pubblica e privata". Perciò, "deve ritenersi che la doglianza della difesa circa la violazione dei principi del contraddittorio e delle ragioni difensive sia del tutto infondata".

Guarda anche

Omicidio Yara, prima udienza a Bergamo per Bossetti: ho fiducia

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Sono "più tranquillo" e ho "molta fiducia nella giustizia". Sarebbero queste secondo il suo legale, Claudio Salvagni, le prime parole di Massimo Bossetti, il muratore accusato dell'omicidio di Yara Gambirasio, uscito dall'aula dopo la prima udienza in tribunale a Bergamo del processo sul delitto della tredicenne che fu trovata uccisa tre mesi dopo la sua scomparsa dalla palestra di Brembate di Sopra, il 26 febbraio del 2011

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Ema, Milano col fiato sospeso: cos'è e come funziona l'Agenzia europea del farmaco

  • Politica

    Elezioni Ostia, vince il Movimento 5 Stelle ma l'affluenza cala a picco

  • Mondo

    Germania, falliti i negoziati per formare il governo: Merkel al bivio

  • Sport

    Lo sfogo di Tavecchio a 'Le Iene': "Colpa di Ventura, non dormo da 4 giorni"

I più letti della settimana

  • Troupe di "Striscia la Notizia" aggredita e rapinata

  • Maltrattano bambini delle elementari, arrestate due maestre

  • Il boss Zagaria protesta in tribunale contro la fiction Rai e tenta il suicidio

  • E' morto il figlio del giornalista Giampaolo Pansa, il toccante ricordo: "Addio mio bel fieu"

  • Pittrice scomparsa, il lapsus del figlio in tv: nomina il luogo in cui verrà trovato il cadavere

  • Ragazzo si butta dal ponte, suicidio sotto gli occhi dei passanti

Torna su
Today è in caricamento