Pillola abortiva nei consultori, Lorenzin: "La legge non lo prevede"

Il ministro della Salute interviene in merito alla sperimentazione della Regione Lazio sull'aborto farmacologico nei consultori familiari

Beatrice Lorenzin

A partire dalla prossima estate, nel Lazio, le donne potranno accedere all'aborto farmacologico con la pillola Ru486 anche nei consultori familiari. Una sperimentazione che fa discutere, che noi di Today giorni fa abbiamo approfondito con la presidente della Laiga, Silvana Agatone, e sulla quale oggi si è espressa Beatrice Lorenzin.

Secondo il ministro della Salute, la decisione esclusiva della Regione Lazio sarebbe arrivata senza studi né pareri: "Le condizioni per effettuare l'aborto farmacologico, in coerenza con la legge 194, sono innanzitutto quelle indicate dalle legge stessa: è previsto che esso debba avvenire presso gli ospedali, le case di cura autorizzate dalla Regione, presso i poliambulatori pubblici adeguatamente attrezzati e funzionalmente collegati agli ospedali autorizzati dalla Regione. La legge 194 non sembra prevedere, quindi, che i consultori possano essere considerati tra le sedi in cui effettuare interventi di interruzione volontaria di gravidanza".

Durante il question time alla Camera, rispondendo a un'interrogazione sulla sperimentazione avviata dalla Regione Lazio per consentire la pillola abortiva nei consultori regionali, il ministro Lorenzin ha precisato: "La Regione Lazio ha chiarito che, per quanto riguarda la sperimentazione per la somministrazione di farmaci per l'interruzione volontaria di gravidanza nei consultori, i tecnici partecipanti al gruppo di lavoro regionale appositamente costituito procederanno ad elaborare un'ipotesi progettuale per la sperimentazione della durata di 18 mesi del protocollo operativo sull'IVG farmacologica presso un consultorio familiare, in collegamento funzionale con il reparto di Ostetricia e Ginecologia di una struttura ospedaliera di I livello dotata di strumentazione idonea all'assistenza degli utenti. Quindi - ha sottolineato Lorenzin - secondo quanto comunicato dalla Regione, la sperimentazione e la somministrazione di farmaci per IVG nei consultori costituisce oggetto di una decisione esclusiva dell’amministrazione regionale la quale, allo stato attuale, non sembra essere fondata su alcuno studio sperimentale approvato, nè su novità scientifiche sopravvenute, nè su pareri di comitati etici". 

"E' evidente che la legge 194 – ha continuato – ha voluto garantire, prima di ogni cosa, le massime condizioni di sicurezza per la salute della donna, con riferimento a tutte le possibili modalità di IVG, compresa quella farmacologica. Nello specifico dell’aborto farmacologico, sono ancora in vigore le Linee d'indirizzo elaborate sulla base di ben tre pareri del Consiglio superiore di Sanità del 2004, 2005 e 2010 da una commissione interna al Ministero approvate in data 14 giugno 2010 e tutt'ora disponibili sul sito istituzionale del Ministero. Queste linee d'indirizzo risultano ancora valide perchè non sono cambiati in questi anni i farmaci utilizzati per l'IVG", ha concluso il ministro.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Lorenzin.........lo prevede il buon senso.....

    • Siamo ancora uno stato di diritto e il buon senso non ha valore di legge, in questo caso per fortuna

      • Avatar anonimo di Like
        Like

        La Coscienza, quella energia Eterna, trasparente, la sola che Vola nel nostro Aldilà quando esaliamo, e che non è mai apparsa a nessuno nè ha mai diviso l'umanità in tante religioni diverse, illudendo alcuni uomini di avere la Verità in tasca per poi farli odiare fino a dichiarare guerra, non si INCARNA in un feto che verrà abortito, perchè lo sa già: finire in un water per aborto spontaneo nei primi giorni di gravidanza, che manco te ne accorgi, o nel contenitore delle immondizie ospedaliere è una idiozia solo a concepirlo. Uccidere per leggittima difesa quando sei davanti ad un folle od ad un' animale astuto vuoto di Coscienza, dall'Altra parte è ammesso, per cui le Forze dell'Ordine non fanno altro che il il loro preciso Dovere a difenderci dai malviventi e squilibrati fanatici mentali assassini e suicidi. Ma di ciò sono Consapevoli solo alcuni fortunati che ci sono passati dall'Altra parte anche se per un solo istante.

  • Avatar anonimo di Like
    Like

    Bla, bla, bla, bla... che noia!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Hai una laurea? Vivi di più, ma meglio non nascere in Campania

  • Scienze

    Ibridi tra uomini e animali: apre la "fattoria" degli organi

  • Economia

    Embraco tra cassa integrazione e part time: braccio di ferro con Calenda

  • Cronaca

    Tassista abusivo pestato a sangue dai "colleghi": cliente filma tutto, ecco il video

I più letti della settimana

  • Isola dei Famosi 2018: notizie, puntate, anticipazioni e tutto quello che c'è da sapere

  • Amore e Zodiaco: i partner ideali segno per segno

  • Chicco Nalli, la verità sull'addio a Tina Cipollari: "E' giusto che il pubblico sappia"

  • Monte e Cecilia, Eva Henger: "Dopo il Gf Vip si sono visti. Non hanno fatto l'amore, però..."

  • La sorella di Romina Power contro Al Bano: è polemica

  • Francesco Monte e Cecilia Rodriguez beccati insieme, la modella rompe il silenzio

Torna su
Today è in caricamento