Russia e Kazakistan: in piazza per la ‘libertà della mutandina’

Trenta donne hanno manifestato con slip di pizzo in testa contro il divieto di utilizzo di questa lingerie a partire dalla prossima estate

A partire dal 1 luglio 2014 alle donne di Russia e Kazakistan sarà impedito di indossare biancheria di pizzo.

Il divieto di produzione, distribuzione, vendita e importazione di questo tipo di biancheria è stato giustificato dal governo con la tesi che si tratterebbe di questione di salute, dato che attualmente le mutande in pizzo in commercio contengono dal 3 al 3,6% di cotone, mentre lo scopo della nuova legge sarebbe di far indossare capi contenenti almeno il 6% di cotone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli analisti sostengono che potrebbe sparire più del 90% dell’intimo attualmente venduto nei negozi e davanti a questa paventata possibilità, domenica scorsa una trentina di ragazze dei paesi membri dell’Unione Doganale Euroasiatica sono scese in piazza indossando slip di pizzo in testa e reclamando a gran voce "Libertà di mutandina". Immediatamente bloccate, sono state arrestate dalla polizia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Luca Pitteri, ex prof di Amici, ha sposato una allieva del talent (FOTO)

  • Bollette, la (bella) sorpresa della fase 2 e questa volta vale per tutti

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 30 maggio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 26 maggio 2020

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 28 maggio 2020

  • Katia e Ascanio 15 anni dopo, ecco l'irresistibile ritratto di famiglia con i figli

Torna su
Today è in caricamento