Sesso: 10 segreti sull'erezione maschile

L'anatomia femminile sarà pure bella articolata, ma anche quella dell'uomo non scherza: ecco quello che c'è da sapere sul funzionamento fisico dell'uomo prima e durante l'atto sessuale

Con questa storia che la donna è più complessa dell'uomo e necessita di più stimoli per lasciarsi andare ad una piena soddisfazione nel corpo e nello spirito, si è persa di vista la considerazione che altrettanto meriterebbe l'uomo e la sua importanza anatomica.

Particolarmente sensibile agli stimoli esterni, la sua fisicità può, in effetti, manifestare all''improvviso un certo 'trasporto' e un contestuale imbarazzo, così come peccare di partecipazione proprio quando il momento lo richiederebbe, dettaglio che sottolinea quanto il la questione dell'erezione maschile non sia affatto meno complessa di quella che ruota attorno al 'punto G' e alle altre zone erogene femminili.

Di seguito, dunque, 10 verità che svelano un po' di retroscena sull’erezione maschile.

1. Esistono 3 tipi di erezione: le erezioni riflessogene che provengono dal contatto reale; quelle psicogene, che provengono da stimoli audiovisivi o di fantasia; le erezioni notturne, che si svolgono di notte. Gli ultimi due tipi non sono sempre intenzionali e possono presentarsi in momenti inopportuni.

2. Fumare e bere non fa bene: studi hanno dimostrato che gli uomini più giovani che soffrono di disfunzione erettile potrebbero aver abusato di fumo e alcool.

3. Il sesso orale aiuta l’erezione: gli uomini che hanno ricevuto sesso orale prima di misurare le loro erezioni, hanno i membri significativamente più grandi rispetto agli uomini che le hanno misurate dopo la masturbazione.

4. Dormire è importante: non solo il sonno influisce sul desiderio sessuale, ma non dormendo si interrompe anche il normale ciclo di erezioni che si verificano durante la notte.

5. Mantenere la propria privacy: se si vive con un gruppo di compagni di stanza, con i genitori o se si hanno dei bambini in casa, potrebbe essere più difficile avere un’erezione.

6. La curvatura del pene: una leggera curva a destra o a sinistra è del tutto normale. Ma se la curva è estrema o provoca disagio, potrebbe essere la malattia di Peyronie, caratterizzata da tessuto cicatriziale all’interno del pene.

7. La masturbazione fa la differenza: quando un ragazzo non si è masturbato per un paio di giorni, non ci sarà più flusso di sangue al pene quando sarà stimolato di nuovo, il che significa che l’erezione sarà ancora più grande.

8. Le dimensioni contano, quanto meno quelle del corpo. Gli uomini che sono obesi hanno livelli di testosterone molto più bassi, mentre mantenere il fisico asciutto è sicuramente meglio per il sesso.

9. Il preservativo può essere un problema: attraverso alcuni studi si è scoperto che alcuni uomini hanno davvero problemi di erezione a causa del preservativo e possono aver bisogno di più tempo per mantenerla.

10. Erezioni troppo lunghe: il 30% degli uomini dicono di essere insoddisfatti per la durata delle loro erezioni poiché non riescono a mantenerne il controllo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A 12 anni va in ospedale per il mal di pancia: scoprono che è incinta di sette mesi

  • Oroscopo Paolo Fox, le previsioni della settimana dal 20 al 26 gennaio 2020

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Sanremo 2020, la furia di Claudia Gerini contro Amadeus: "Comportamento inaccettabile"

  • Enzo Iacchetti sul rapporto con Ezio Greggio: "Tra noi un tacito accordo di buona convivenza"

  • Vive con il cadavere del fratello, morto da tre mesi, ai piedi del letto

Torna su
Today è in caricamento