"Il farmaco contro il diabete provoca il cancro": condannate aziende produttrici

Gli effetti cancerogeni del farmaco per diabetici Actos sono stati accertati con una sentenza del tribunale della Louisiana che ha imposto alle case farmaceutiche la multa di 9 miliardi di dollari

Due case farmaceutiche, la Takeda Pharmaceutical Co. e la Eli Lilly & Co, dovranno pagare insieme una multa di nove miliardi di dollari per aver nascosto durante i test per l'approvazione negli Stati Uniti, gli effetti cancerogeni del farmaco per diabetici commercializzato con il nome di Actos (ACTOS ® - Pioglitazone), venduto anche in Italia: il farmaco, dunque, aumenterebbe il rischio di cancro nei pazienti che l'assumono.

Questa la decisione del tribunale della Louisiana e del giudice Rebecca Doherty, giunta a seguito del processo avviato in seguito alla denuncia di un paziente, Terrence Allen, che sosteneva di aver contratto il cancro per aver usato il farmaco, al quale le due ditte dovranno versare un milione e mezzo di dollari.

Non è la prima volta che la Takeda Pharmaceutical e la Lilly & Co vengono condannate per lo stesso motivo, dato che esistono già 10 sentenze in cui le due società sono state ritenute colpevoli di aver tenuto nascosti gli effetti cancerogeni del farmaco Actos, ma nonostante l’iter processuale pregresso, Takeda e Ely Lilly hanno ammesso solo dopo 7 anni la grave pericolosità di Actos.

Potrebbe interessarti

  • Sintomi, rimedi ed esercizi contro il dolore alla cervicale

  • Quando lo zenzero fa male

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

  • Tonno, come riconoscere quello di qualità (e quanto mangiarne)

I più letti della settimana

  • Saldi estivi 2019, tutte le date regione per regione: il calendario completo

  • Tina Cipollari pazza d'amore, regalo super lusso per i 50 anni di Vincenzo Ferrara (FOTO)

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 20 giugno 2019

  • Temptation Island 2019: puntate, anticipazioni e coppie

  • Autostrade, rivoluzione pedaggi al via: che cosa cambia con il nuovo sistema

  • A più di un milione di italiani è in arrivo questa cartolina dal Fisco

Torna su
Today è in caricamento