menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companies

Il punto G esiste: ecco la foto per scoprire dov'è

Lo hanno scoperto di recente ed ora la foto, che lo ritrae, sta facendo il giro del web: ecco dov'è il punto G, il punto del massimo piacere femminile

Punto G

Esiste, non è un mito, una chimera o una leggenda: esiste, esiste sul serio!
Stiamo parlando del Punto G, ossia il punto che, se stimolato, può provocare nelle donne il massimo piacere sessuale. Dove si trova? vi starete chiedendo, ebbene il punto G si trova tra l'apparato genitale e quello urinario, forma un angolo di 35° con la parete laterale dell'uretra.
Immagino già i vostri sugardi sbigottiti...procediamo con ordine e vediamo di chiarire il tutto.
La ricerca è stata condotta dal luminare Adam Ostrzenski dell'Institute of Gynecology di St. Petersburg, in Florida, e la scoperta è avvenuta sul corpo deceduto di una donna ottantenne. Il punto-G, altrimenti detto il Punto di Grafenberg, ha preso il suo nome dal ginecologo tedesco Ernst Grafenberg, che per primo lo individuò oltre 50 anni fa, anche se non lo situò in maniera precisa: il dottore credeva si trovasse sulla parete frontale della vagina, a un'altezza di circa 2 cm e mezzo. 
Contro tutti i detrattori del Punto G e prima di  Ostrzenski, è stato Emmanuele Jannini, docente di Sessuologia Medica dell'Universita' degli Studi de L'Aquila, ad  individuarlo: la ricerca è avvenuta, a suo tempo, su un campione di donne, analizzate grazie all'ecografia transvaginale. I risultati della ricerca sono poi stati pubblicati sul Journal of Sexual Medicine, la stessa rivista dove ha pubblicato anche Ostrzenski.
Questa ricerca, non solo ha portato all'individuazione del punto G, ma addirittura il tessuto è stato misurato: lunghezza 8,1 millimetri, larghezza da 3,6 a 1,5 mm, altezza 0,4 mm. La sua formazione è simile a quella del tessuto erettile, ossia di tipo cavernoso, quindi come quello dei genitali maschili e del clitoride.
Ma una domanda è lecita: sarà uguale in tutte le donne? avrà le stesse dimensioni e ispessimento? In realtà sembra che le uniche fortunate siano coloro che raggiungono il famoso orgasmo vaginale
Credavate che vi lasciassi così, eh? E invece no, ecco la foto, che dovrebbe chiarire il tutto:
punto g-3
Potrebbe interessarti

Commenti (12)

  • AGGIORNATEVI, LO STESSO JANNINI HA RITRATTATO NEI GIORNI SCORSI AFFERMANDO CHE IL PUNTO G NON ESISTE!!!!!! La vera tecnica per la certezza del piacere femminile è nel libro "La maniglia del Piacere"

  • Io te lo chiedo dove posso trovarti?

  • Avatar anonimo di alex
    alex

    alla fine della parola SHOPINGGGGGGGG si trova punto G

  • Avatar anonimo di Amsterdammer
    Amsterdammer

    Apposto! :D

  • Avatar anonimo di giuliano
    giuliano

    ma chi te lo da', senbra che gli chiedi un tabu'...

    • Avatar anonimo di fattacosì
      fattacosì

      non ho propio capito quasi niente, e pero quello che ho capito sono bugie. per essere sicura senza tabù qualcuno può dirmi dovè secondo loro se trova il punto G?

      • Avatar anonimo di pandofisto felesima
        pandofisto felesima

        si trova fra il punto F e il punto H.

      • Avatar anonimo di LOL
        LOL

        guardati in mezzo ale gambe fattacosì

      • Avatar anonimo di franco
        franco

        non saprei spiegarlo, ma la pratica vale piu di mille parole!!

    • Avatar anonimo di Momy
      Momy

      Ahahahahah

    • Avatar anonimo di HH
      HH

      ahahahahahahahahahahahah sfigato

    • Avatar anonimo di Nome
      Nome

      Chiedi e ti sarà dato!

Più letti della settimana

Torna su