Dallo spazio, Samantha Cristoforetti canta per l'Unicef

L'astronauta italiana si unisce alla campagna a sostegno dei bambini e dalla Stazione Spaziale Internazionale ha mandato la sua performance canora del brano ‘Imagine’ di John Lennon

Riecheggia al di là dell’atmosfera terrestre la voce dell'astronauta italiana Samantha Cristoforetti e da lassù si unisce alla campagna dell'UNICEF #Imagine cantando proprio la celebre canzone di John Lennon e mandando il rete il suo video come inno di pace e speranza.

Così la Cristoforetti ha esortato ‘i terrestri’ a sostenere #Imagine, affermando dalla Stazione Spaziale Internazionale, in movimento a 250 miglia sopra la Terra e in viaggio a circa 28.000 km orari, che "Con #IMAGINE, ogni voce conta, ogni bambino conta, quindi vi invito a unirvi all'UNICEF nel rendere il mondo un posto migliore per i bambini”.

Lanciato lo scorso 20 novembre all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York con Yoko Ono e un cast di sostenitori, tra cui Hugh Jackman, Björn Ulvaeus degli ABBA, #IMAGINE utilizza un'esperienza digitale interattiva appositamente creata per permettere alle persone di tutto il mondo di registrare la propria versione di ‘Imagine’ e anche di registrare messaggi personali che descrivono come immaginano potrebbe essere un mondo migliore per i bambini. 

Samantha Cristoforetti è partita per lo spazio lo scorso 24 novembre per una missione di sei mesi e la sua partecipazione a questo progetto è stata resa possibile grazie alla European Space Agency, l'Agenzia Spaziale Italiana e l'Aeronautica Militare Italiana. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buoni fruttiferi postali, il "brutto pasticcio" sui rimborsi

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 20 febbraio 2020

  • Grande Fratello Vip 2020: anticipazioni, cast e cosa c'è da sapere

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 18 febbraio 2020

  • C'è posta per te, Maria De Filippi perde la pazienza: "Non ce la posso fa"

  • Heather Parisi: "La mia vita in Cina nell'inferno del Coronavirus. Qui si lavora da casa, i prodotti sono razionati"

Torna su
Today è in caricamento