"Gli uomini l'hanno ferita, io l'ho accolta": Imma Battaglia e l'amore con Eva Grimaldi | L'intervista

Appena tornata dall'Isola dei Famosi, l'attivista Lgbt ci ha parlato a cuore aperto della sua relazione con l'attrice, nata diversi anni fa ma resa pubblica soltanto durante il reality di Canale 5

Eva Grimaldi e Imma Battaglia sull'Isola dei Famosi

L'amore non avvisa, né conosce limiti, semplicemente spiazza. E' questa la prima cosa che ti balena in testa mentre ascolti Imma Battaglia parlare di Eva Grimaldi. La sua Eva, quella donna che anni fa l'ha conquistata con una bontà disarmante, a cui ha prestato la spalla per piangere dopo l'ennesima delusione di un uomo, come farebbe qualsiasi amica, ma allo stesso tempo, senza che se ne rendesse nemmeno conto, la stava facendo rinascere. Una donna in soccorso di un'altra donna, a 50 anni, l'inizio di un amore "puro e profondo", come ci ha raccontato appena tornata dall'Honduras, con la semplicità tipica delle cose vere. 

E' tutto vero quello che abbiamo visto sull'Isola, dove Imma due settimane fa ha raggiunto Eva, e dove per la prima volta hanno reso pubblica la loro storia, che va avanti da anni. E' vera la loro complicità, il loro sentimento così profondo. Sono veri, purtroppo, i pregiudizi ancora annidati in ogni angolo di società, la paura del "diverso", la vergogna dell'omosessualità, soprattutto quando non si è poi così giovani e si crede che il treno per la felicità sia già passato. E' proprio questo che Eva e Imma, con il loro coming out, vogliono dimostrare, che è possibile rinascere anche da adulti

Iniziamo subito dall'argomento più discusso e chiacchierato del momento, la tua storia con Eva Grimaldi. Dopo il vostro coming out all'Isola dei famosi si è scatenato un incredibile tam tam mediatico, te lo aspettavi tanto clamore?
"Mi aspettavo il clamore, ma tanta acredine no. Mi dispiace che la storia d'amore non abbia avuto lo spazio giusto rispetto alle cattiverie che mi sono piovute addosso. Penso che raramente in Italia si sia vista in tv una storia d'amore così corrispondente alla realtà. Il modo in cui siamo state riprese e ci hanno visto, è esattamente come io e Eva ci relazionavamo sull'Isola, in un ambiente difficile, ma con grande amore".

Eva Grimaldi, un sex symbol degli anni '80 e '90, ha avuto molti uomini, tanti anche bellissimi, fra tutti impossibile non ricordare Gabriel Garko. E' stata lei ad avvicinarsi a te, a corteggiarti, e a chiederti quel famoso bacio, eri diffidente nei suoi confronti?
"Non sono mai stata diffidente nei confronti di Eva, perché lei si è presentata a me come una donna che cercava una spalla su cui piangere le lacrime di una vita intera. Il modo con cui l'ha fatto per me è stato incredibile. E' arrivata a me senza veli, completamente nuda con il suo dolore, io l'ho semplicemente accolta. Mi è venuto dal profondo del cuore, non ho fatto ragionamenti. Eva era una donna molto ferita, anche dagli uomini, dai tanti uomini che spesso l'hanno più usata che amata. Io sono stata prima di tutto una donna solidale con un'altra donna, e poi devo dire che anche Eva ha saputo comprendere rapidamente il disagio in cui ero io. Stavo vivendo un momento di crisi di età, di esistenza, politica, avevo avuto tante delusioni. Ci siamo incontrate e sostenute. E' stato un incontro dove le energie hanno trasformato un momento di negatività in una grande forza esplosiva".

Il vostro è un grande amore, e si è visto bene sull'Isola. Matrimonio, ne parlate?
"Sono una femminista, non credo nel matrimonio da molto tempo. Credo che sia un'istituzione un po' vetusta rispetto a come la società si sta evolvendo. Eva è già stata sposata, in qualche modo questa grande emozione del matrimonio l'ha provata. In Italia abbiamo avuto finalmente la legge sulle unioni civili, che è il minimo sindacale, ma io personalmente non ho mai sentito il bisogno di censire un amore con le leggi, davanti ai sindaci. Questo non vuole dire che magari quando torna Eva, ci guardiamo in faccia e ci verrà questo desiderio. Io per il momento, però, non ne sento il bisogno".

La tua partecipazione all'Isola dei Famosi è stato un gesto d'amore nei confronti di Eva, come hai detto più volte, ma è stato anche molto importante per tutti i ragazzi e le ragazze gay che fanno fatica e si nascondono. Tu che da sempre sei in prima linea su questo fronte, sta cambiando qualcosa o si ha ancora paura nei confronti dell'omosessualità?
"Si parla sempre di giovani quando si parla di omosessualità, ma c'è un'ampia fetta che non è fatta di giovani, ed è quella che ha più paura e che si nasconde, che non ha fatto nessun tipo di coming out. L'universo femminile, soprattutto, è ancora molto nascosto nella società, nello star system, nei posti dirigenziali. Io sono convinta che questo gesto, fatto nella semplicità, potrà aiutare tante persone, ma prima ancora dei figli, i genitori. Un pezzo importante della nostra difficoltà è sempre la famiglia, perché un padre e una madre non sono sempre pronti a scoprire che un figlio o una figlia è omosessuale, questo purtroppo vale ancora. I giovani sicuramente oggi si trovano avvantaggiati, ci sono sempre più iniziative, in tv si parla sempre più di omosessualità, c'è un processo culturale in atto che aiuta tantissimo i ragazzi. Spero che il gesto mio e di Eva abbia portato serenità soprattutto a chi è più grande".

Torniamo all'Isola, alle dinamiche del reality. Qualche giorno fa Striscia la Notizia ha mandato un fuorionda in cui Eva Grimaldi si lascia sfuggire che tornerà a casa il 28 marzo, lasciando intendere che quindi è tutto già deciso a tavolino. Eva torna davvero il 28, oppure resta e vince?
"L'isola, già da varie edizioni, l'ultima puntata la fa a Milano. Il 28 marzo è la data della penultima puntata, che sarà l'ultima dall'Honduras. Questo scoop, che non è uno scoop, è senza senso. Io credo che sia stato frainteso per questo motivo, perché a prescindere da chi rimarrà, il 28 marzo sarebbe l'ultimo giorno per chiunque. Quindi Striscia, fai scoop un po' più seri. Poi io spero che vinca Eva, anche se si stanno impegnando tutti e tutti lo meriterebbero, ma io ovviamente faccio il tifo per lei e penso abbia buone probabilità di arrivare in finale".

Vladimir Luxuria, meglio come direttrice artistica del Gay Village o come opinionista dell'Isola dei Famosi?
"Vladimir è una grande amica. Ci conosciamo dall'88, è brava in tutto quello che fa, ma per me prima di tutto è brava nella nostra relazione di amicizia, quando parliamo di politica, quando ci confrontiamo sulla vita, sui libri. Vladimir per me è più questo che tutto il resto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni, c'è una buona notizia sull'età di vecchiaia

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 9 novembre 2019

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di martedì 12 novembre 2019

  • Nuovo maxi concorso: oltre 300 posti a tempo indeterminato, si cercano laureati e diplomati

  • Tasse sulla casa, arriva la nuova Imu (e scompare la Tasi): cosa cambia

  • Dal bonus in busta paga ai buoni pasto: cosa cambia nel 2020 per i lavoratori dipendenti

Torna su
Today è in caricamento