Michelle Hunziker vende all'asta abiti per donare culla termica all'Humanitas

A finanziare l'iniziativa a favore dei bimbi prematuri, i follower della conduttrice televisiva, che hanno fatto diverse offerte online

Michelle Hunziker, 42 anni all'Humanitas (da Facebook/humanitassanpiox))

All'ospedale Humanitas San Pio X c'è una culla termica in più per i neonati prematuri venuti al mondo nell'ospedale milanese. La targhetta applicata sopra dice: "Donata dai follower di Michelle". Perchè quella culletta arriva proprio da una iniziativa social di Michelle Hunziker che ha messo all'asta per i suoi follower una serie di abiti usati di cui voleva disfarsi.

"'Svuoto il mio armadio' nasce da una mia reale esigenza di liberarmi di cose del passato a cui ero comunque molto legata - ha detto Michelle - ma invece di buttarle, ho pensato di tirarne fuori qualcosa di buono e a quanto bisogno di culle c'è negli ospedali italiani, da nord a sud. Ho lanciato una sfida nei miei canali social, ho messo tutte le mie cose all'asta, e oggi, sono felice che forse per la prima volta nella storia, quella che è nata come una sfida social sia diventata una realtà che permette ai follower di sostenere concretamente un ospedale, ma ricevendo anche un mio piccolo ricordo di vita in cambio".

Tutti i vestiti messi all'asta da Michelle

Tra gli abiti andati all'asta su Ebay e Charity Stars, c'e ne era uno di Alberta Ferretti indossato dalla conduttrice al Festival di Sanremo dello scorso anno, venduto per 3 mila euro, uno firmato Scervino indossato per condurre un gala di beneficenza organizzato dalla Fondazione Andrea Bocelli nel 2016 e due borse di Versace. In tutto l'asta ha permesso di raccogliere 23mila euro.

"La nuova incubatrice permette di proteggere i piccoli nati a pretermine (dalla 34a settimana di gestazione) in una fase così delicata del loro arrivo nel mondo, offrendo monitoraggio e supporto clinico continuo - spiega la dottoressa Paola Marangione, responsabile di Neonatologia - Garantisce inoltre il controllo delle infezioni, il mantenimento costante dell'eventuale supplementazione di ossigeno, evita la termo dispersione mantenendo stabili temperatura e umidità anche con gli oblò aperti. In più, la musicoterapia. Sebbene alla nascita il neonato venga subito trasferito all'interno dell'incubatrice, questa particolare culla è dotata di oblò regolabili che favoriscono il bonding, ovvero la vicinanza e quindi la creazione di un forte legame familiare tra bimbo, mamma e papà, fin dai primi attimi di vita".

Dello stesso parere il dottor Alessandro Bulfoni, responsabile di Ginecologia e Ostetricia di Humanitas San Pio X: "Questa culla è un tassello importante per il nostro Punto Nascita e rinforza il nostro impegno sul fronte della sicurezza durante tutto il percorso della futura mamma, dalla gravidanza al parto fino al rientro a casa. Alcuni esempi sono la diagnostica più avanzata, il triage ostetrico h24, l`ostetrica one to one e la sala operatoria per le urgenze all'interno del blocco parto. Un impegno riconosciuto dalle nostre mamme milanesi e non solo, che ci ha permesso di far nascere nel 2018 in Humanitas San Pio X oltre 1000 bambini".

Potrebbe interessarti

  • Sintomi, rimedi ed esercizi contro il dolore alla cervicale

  • Quando lo zenzero fa male

  • Tonno, come riconoscere quello di qualità (e quanto mangiarne)

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

I più letti della settimana

  • Saldi estivi 2019, tutte le date regione per regione: il calendario completo

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di martedì 18 giugno 2019

  • Estrazioni oggi Lotto e SuperEnalotto: i numeri vincenti di giovedì 20 giugno 2019

  • Autostrade, rivoluzione pedaggi al via: che cosa cambia con il nuovo sistema

  • Temptation Island 2019: quando comincia, anticipazioni e coppie

  • Prende reddito di cittadinanza e disoccupazione, ma lavora in nero: interviene la Finanza

Torna su
Today è in caricamento