Kate Middleton mamma reale: le 5 regole del protocollo per la nascita del royal baby

'The Sun' pubblica alcune regole della tradizione della famiglia reale inglese previste in vista del lieto evento

La duchessa di Cambridge Kate Middleton

L’arrivo di un bimbo è sempre una gioia immensa per la famiglia che si prepara ad accoglierlo con tutte le accortezze del caso. 

Ma l’attenzione per il lieto evento raggiunge picchi elevatissimi quando il piccolo incrementa l’albero genealogico dei reali inglesi per i quali il rispetto di un rigido protocollo è doveroso soprattutto durante e subito dopo la nascita.

Lo sa bene Kate Middleton, consorte del principe William, che si prepara alla nascita del terzogenito (o terzogenita?) prevista ad aprile con tutta la premura già dimostrata quando sono venuti al mondo George e Charlotte.

The Sun ha elencato alcune delle norme che dovrebbero essere rispettate alla nascita del royal baby e che, come tali, valgono anche per la duchessa di Cambridge. Il condizionale, però, è d’obbligo, visto che in passato si è già fatto qualche strappo alla regola.

La regina deve essere la prima a sapere della nascita

La regina Elisabetta deve essere la prima a sapere della nascita del bimbo. Nel caso del principe George, fu William a telefonarle. La tradizione prevede che l'annuncio venga poi appeso su un cavalletto all'esterno di Buckingham Palace, consuetudine che Kate e William hanno infranto annunciando la nascita del loro primogenito su Twitter.

Il banditore rende pubblica la notizia

Stando al protocollo reale, è il banditore della città ad annunciare la nascita del royal baby. La consuetudine era necessaria in epoca medioevale, quando la maggior parte delle persone non era in grado di leggere o scrivere e apprendeva così le notizie lette ad alta voce dal banditore. Ad annunciare quelle di George e Charlotte è stato Tony Appleton.

È consigliabile partorire in casa

Non è una regola rigida, infatti Kate Middleton ha partorito entrambi i suoi figli in ospedale e anche la principessa Diana ha dato alla luce William e Harry in un'ala privata dell'ospedale St. Mary di Londra. La regina Elisabetta, invece, ha dato alla luce i suoi tre figli a Buckingham Palace. Le cose, però, potrebbero cambiare per il terzo figlio/a della duchessa di Cambridge che, secondo alcuni rumors, potrebbe partorire a Kensington Palace.

I padri non sono ammessi in sala parto

Il parto è considerato, dal protocollo, un evento tutto al femminile. I padri non sono tradizionalmente ammessi nella sala parto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le ostetriche firmano per il riserbo

Le ostetriche non possono assolutamente rivelare particolari o informazioni sulla nascita dei piccoli di casa Windsor. Durante il parto della piccola Charlotte, Kate Middleton ha avuto con sé tre ostetriche ma nessuna delle tre ha mai osato rivelare nulla, grazie al patto firmato in precedenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Luca Pitteri, ex prof di Amici, ha sposato una allieva del talent (FOTO)

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 30 maggio 2020

  • Bollette, la (bella) sorpresa della fase 2 e questa volta vale per tutti

  • SuperEnalotto, l'estrazione di oggi lunedì 1 giugno 2020

  • Katia e Ascanio 15 anni dopo, ecco l'irresistibile ritratto di famiglia con i figli

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 28 maggio 2020

Torna su
Today è in caricamento