Parabeni nei cosmetici, conoscerli per evitarli: ecco come imparare a leggere l'etichetta

Queste sostanze non vengano smaltite dall'organismo, ma si accumulano nel corpo: Qui tutto quello che c'è da sapere

Parabeni nei cosmetici, conoscerli per evitarli: ecco come imparare a leggere l'etichetta

Chiunque è appassionato di make up ha sentito nominare i "parabeni". Ma che cosa sono? E perché andrebbero evitati? Ritracciabili in prodotti per il corpo, per l'igiene personale, ma anche i nche farmaci e alimenti, sono composti chimici, antisettici e servono a preservare i cosmetici dalle contaminazioni di funghi e batteri. 

I parabeni, infatti, sono utilizzati anche in alcuni prodotti alimentari, oltre che in creme e tinture. Ma molti di loro sono inseriti sulla “lista nera” delle sostanze pericolose: vengono infatti considerate delle sostanze conservanti potenzialmente cancerogene.

A cosa servono

Presenti in quasi tutti i prodotti beauty, dalle creme ai cosmetici, dagli shampoo ai deodoranti, la funzione dei parabeni è sostanzialmente quella di impedire la formazione di funghi, batteri e microrganismi e quindi quella di mantenerne la composizione del prodotto in questione inalterata nel tempo.

Rischi per la salute e come leggere l'etichetta

La comunità scientifica si è occupata a lungo dei parabeni. Studi recenti, infatti, hanno evidenziato come queste sostanze non vengano smaltite dall'organismo, ma si accumulino nel corpo. Secondo l’elenco Inci (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) i parabeni maggiormente dannosi per la salute sono i seguenti: Methylparaben; Ethylparaben; Propylparaben; Isobutylparaben; Butylparaben; Benzylparaben; Isobutylparaben; Isopropylparaben. Alcuni studi hanno messo in evidenza la relazione tra alcuni di questi conservanti e lo sviluppo del tumore al seno, oltre a ipotizzare la possibilità che i parabeni siano responsabili anche dell’aumento dell’infertilità e della disfunzione erettile. Il motivo? Si tratta di sostanze che interferiscono con il sistema ormonale, in particolare con l’attività degli estrogeni. Non solo, anche alcune forme di dermatite da contatto, nei soggetti sensibili, sono imputabili a questi interferenti endocrini. La Food and Drug Administration (FDA) e il Comitato scientifico per la sicurezza dei consumatori dell'Unione europea (CSSC) hanno affermato tuttavia che le prove che attestano che i parabeni non siano sicuri non ci sono.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cosmetici "paraben free"

Per riconoscere e acquistare un prodotto senza parabeni basta leggere l'etichetta. In teoria, tutti quelli che - come prescritto dalle direttive europee -  contengono l'indicazione paraben free, non dovrebbero contenere queste sostanze. Dunque, prima di acquistare creme, cosmetici, deodoranti, shampoo, balsamo, tinture per capelli e altri prodotti che potenzialmente possono contenere queste sostanze, occorre fare molta attenzione agli ingredienti che devono essere obbligatoriamente indicati per legge

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 30 maggio 2020

  • SuperEnalotto, l'estrazione di oggi lunedì 1 giugno 2020

  • Bonus auto da 4000 euro: arriva l'eco-sconto per salvare l'automotive

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di giovedì 4 giugno 2020

  • Coronavirus, ecco i divieti che resteranno in vigore anche dopo il 3 giugno

  • A giugno ultima busta paga "light", poi arriva il bonus fino a 100 euro

Torna su
Today è in caricamento